Il mare di Giovinazzo
Il mare di Giovinazzo
Cronaca

È tornata l'alga tossica: positive le analisi dell'Arpa

Attenzione, può causare febbre e problemi respiratori. Ma il meteo delle ultime ore dovrebbe disperderla

È ufficialmente l'incubo del mar Adriatico, soprattutto dei bagnanti pugliesi. Nelle prime due settimane del mese di agosto su 20 punti monitorati, 11 risultano da bollino rosso, con presenza dell'alga "molto abbondante". E tra questi c'è la costa di Giovinazzo.

Il sito dell'Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale mette in guardia dall'Ostreopsis ovata tra i punti di campionamento tecnicamente individuati, ​relativi alle prime due settimane di agosto, dai quali risulta una concentrazione molto abbondante (livello massimo, bollino rosso) in ben 11 punti del litorale adriatico, soprattutto sulla costa barese che va da Molfetta a San Giorgio attraversando Giovinazzo e Santo Spirito.

Tra questi, appunto, dove il fenomeno colpisce con livello rosso, c'è anche Giovinazzo, nei pressi dell'hotel Riva del Sole (dove la concentrazione è di 21.324.954 cellule per litro sul fondale e di 234.718 in colonna) e Molfetta, in località Prima Cala, (dove è stata riscontrata una densità di 2.187.260 cellule al litro sul fondale e di 79.004 in colonna). Molto abbondante la presenza anche 200 metri a sud dell'ex lido Lucciola.

L'alga tossica è un organismo unicellulare che attecchisce sui fondali rocciosi, in acque calme, calde e ben illuminate. Ha origine dai mari tropicali ma è stata importata qui nell'Adriatico dove si è sviluppata. L'Arpa Puglia ha già inoltrato ai comuni dove si registrano livelli alti di presenza dell'alga le indicazioni da seguire per mettere in allerta i bagnanti: nel caso di certificata fioritura si deve evitare lo stazionamento lungo le coste rocciose durante le mareggiate.

L'Arpa è quindi tornata anche quest'estate ad allertare le Aziende Sanitarie Locali e i comuni interessati dalle concentrazioni «per eventuali misure da adottare» poiché, nell'ultimo aggiornamento delle linee guida dell'Istituto Superiore di Sanità, «la fase di emergenza è prevista a partite da densità superiori a 30.000 cellule al litro». Valori che durante l'ultimo monitoraggio su fondali e in colonna sono stati abbondantemente superati anche a Giovinazzo.

«È sui fondali e sulle coste rocciose che questa alga si concentra», spiegano dall'Arpa Puglia. È bene però chiarire un aspetto, vista la stagione turistica in corso: «Non è al contatto con la pelle che si scatenano i sintomi causati dalla sua tossina. I problemi, infatti, non sorgono solo facendo il bagno, ma anche quando la tossina viene nebulizzata nell'aria e quindi inalata - rassicurano -. Tuttavia, i sintomi parainfluenzali passano nell'arco di uno, due giorni».

Sin qui le brutte notizie. La novità, invece, è che le condizioni meteo delle ultime ore, col mare in movimento, dovrebbero disperdere l'alga tossica velocemente, anche se provvisoriamente. Tuttavia, secondo i dati delle prime due settimane di agosto, dunque, tra i siti più a rischio c'è anche la riviera di Giovinazzo, dove gli stabilimenti coinvolti devono allertare i bagnanti e di conseguenza anche le strutture sanitarie sui pericoli derivanti dalla presenza dell'alga tossica.

Le sue tossine, infatti, hanno effetti sia sugli uomini sia sugli organismi marini (ricci, stelle di mare, molluschi). Per quanto riguarda i bagnanti, si possono riscontrare casi di malessere transitorio come ad esempio riniti, faringiti, laringiti, bronchiti, febbre e dermatiti.
  • Alga tossica Giovinazzo
Altri contenuti a tema
L'alga tossica è solo un ricordo? L'alga tossica è solo un ricordo? Anche ad agosto scarsa presenza nel nostro mare. I dati diffusi dall'Arpa Puglia
Nessun allarme alga tossica a Giovinazzo. Per l'Arpa i valori sono nella norma Nessun allarme alga tossica a Giovinazzo. Per l'Arpa i valori sono nella norma I dati, fino ad ora in possesso, si riferiscono ai primi 15 giorni di luglio
Alga tossica: si riduce l'emergenza, ma resta il bollino rosso Alga tossica: si riduce l'emergenza, ma resta il bollino rosso I dati diffusi da Arpa Puglia. Ancora certificata la presenza a Giovinazzo
Alga tossica: confermato bollino rosso per Giovinazzo Alga tossica: confermato bollino rosso per Giovinazzo I dati diffusi da Arpa Puglia
Allarme alga tossica: «Alte concentrazioni a sud di Giovinazzo» Allarme alga tossica: «Alte concentrazioni a sud di Giovinazzo» L'Ostreopsis ovata torna a infestare le coste pugliesi: può causare febbre e problemi respiratori
Alga tossica, presenza registrata solo sui fondali profondi Alga tossica, presenza registrata solo sui fondali profondi La fioritura della Ostreopsis ovata presenta già livelli di concentrazione al di sopra della norma
A Giovinazzo è allarme alga tossica A Giovinazzo è allarme alga tossica Le concentrazioni registrano picchi altissimi lungo tutta la costa, dalla Prima Cala e all'ex lido Lucciola
Torna l'alga tossica: bollino rosso a Giovinazzo Torna l'alga tossica: bollino rosso a Giovinazzo L'Arpa: l'Ostreopsis ovata apparsa sulla riviera sud, facilitata da alte temperature e mare calmo
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.