La scuola Papa Giovanni XXIII
La scuola Papa Giovanni XXIII
Scuola

Sciopero scuola, a Giovinazzo adesione oltre l'80%

In piazza insegnanti, precari e personale ATA

Oscilla tra l'80 ed il 90% la percentuale di insegnanti ed addetti ATA che hanno scioperato quest'oggi nelle scuole giovinazzesi.

La protesta generale era stata indetta da Cgil, Cisl e Uil in accordo con Gilda, Snals e Cobas. I sindacati di settore sono scesi in piazza a Roma (ma anche a Bari, città della protesta del sud Italia) per protestare contro il provvedimento de Governo chiamato "La buona scuola", che prevederebbe una serie di modifiche all'attuale assetto della Pubblica Istruzione nazionale. Sotto la lente di ingrandimento degli scioperanti le tante attribuzioni date ai Dirigenti Scolastici, visti addirittura come «Dirigenti-Podestà» dai sindacati.

Il Premier Matteo Renzi aveva detto ieri come per lui fosse impossibile comprendere «una protesta contro 100mila nuove assunzioni». Gli ha replicato Domenico Pantaleo, segretario della Federazione Lavoratori della Conoscenza della Cgil: la riforma disegnata dall'esecutivo sarebbe «inaccettabile e incostituzionale in molte parti: nega il diritto allo studio e allarga le disuguaglianze sociali e territoriali. Inoltre finanzia ulteriormente le scuole private».

Cortei si sono mossi a Roma e a Bari mentre vi scriviamo (quest'ultimo avrebbe visto la partecipazione di oltre 20.000 manifestanti). A Giovinazzo alcuni dati danno ragione agli organizzatori: al Liceo Classico e Scientifico "Matteo Spinelli" su 28 insegnanti all'appello hanno risposto solo in 2. Anche all'Istituto Professionale di Stato per l'Industria e l'Artigianato "Angelo Banti" la partecipazione è stata alta con 32 unità assenti su 34, mentre alla Scuola Secondaria di Primo Grado "Michelangelo Buonarroti-Guglielmo Marconi" su 44 insegnanti all'appello hanno risposto solo in 13. Defezioni anche nel personale ATA.

Alla "Don Saverio Bavaro", invece, si è sfiorato il 100% di adesione, con chiusura dell'istituto alle lezioni, mentre alla "San Giovanni Bosco", su 45 docenti che dovevano presentarsi per la prima ora in 41 hanno scioperato, mentre in 6 del personale ATA hanno dato forfait. Chiusa, infine, la "Papa Giovanni XXIII" dove sono comparsi striscioni e scritte contro la riforma della scuola del Governo Renzi.

Quella che da parte della maggioranza sembrava poter essere una buona riforma, oggi si trova di fronte agli attacchi trasversali delle opposizioni in Parlamento e dei sindacati, capaci nuovamente di far sentire forte la loro voce nelle piazze del Paese.
  • sciopero
  • Uil
  • Cgil
  • Cisl
  • Cobas
  • Gilda
Altri contenuti a tema
Trasporti, mercoledì 24 luglio sciopero generale unitario Trasporti, mercoledì 24 luglio sciopero generale unitario I lavoratori di tutti i settori dei trasporti incroceranno le braccia, previsto un presidio ai piedi della Prefettura
Prende vita l'Osservatorio regionale sui Neofascismi Prende vita l'Osservatorio regionale sui Neofascismi Protocollo d'intesa siglato ieri a Bari tra Regione Puglia e diverse sigle
Sciopero trasporti 8 marzo: orari e fasce garantite Sciopero trasporti 8 marzo: orari e fasce garantite La mobilitazione inizierà alla mezzanotte di oggi, 7 marzo, e si concluderà alle 21.00 di domani
Sciopero generale nazionale: garantita la raccolta differenziata a Giovinazzo Sciopero generale nazionale: garantita la raccolta differenziata a Giovinazzo Nessun problema nel settore dei rifiuti per la nostra cittadina. Qualche disagio possibile per i pendolari
Sciopero scongiurato: accordo raggiunto tra Comune, Impregico e Cgil Sciopero scongiurato: accordo raggiunto tra Comune, Impregico e Cgil La nota di Palazzo di Città dopo l'incontro di ieri
Impregico, lavoratori in sciopero l'11 giugno Impregico, lavoratori in sciopero l'11 giugno Non è bastato il versamento dello stipendio arretrato di aprile
Lavoratori della Impregico in agitazione per stipendio non pagato Lavoratori della Impregico in agitazione per stipendio non pagato Il Sindaco Depalma dopo l'incontro: «Noi in regola. L'azienda pagherà presto»
Produttività dipendenti comunali non percepita: la protesta della Cisl Produttività dipendenti comunali non percepita: la protesta della Cisl Diffida del sindacato inviata all'Ente comunale per ottemperare agli obblighi inerenti alle prestazioni del 2015
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.