Michele Bonserio nell'Archivio del Capitolo Cattedrale. <span>Foto Marzia Morva</span>
Michele Bonserio nell'Archivio del Capitolo Cattedrale. Foto Marzia Morva
Cultura

Quel monumentale lavoro di ricerca di Michele Bonserio

Presentato l'"Inventario analitico dei documenti cartacei dell’archivio capitolare della cattedrale di Giovinazzo sec.XV-sec.XIX”

Una vita dedicata alla ricerca e allo studio approfondito della storia locale, quella che Michele Bonserio ha svolto con impegno e passione. Ecco che vede la luce la pubblicazione del suo decimo libro, dopo tantissime pubblicazioni, relazioni, tesi e contributi su articoli a tiratura locale riguardanti storia, personaggi e beni culturali inerenti la nostra città. La presentazione del volume dal titolo "Inventario analitico dei documenti cartacei dell'archivio capitolare della cattedrale di Giovinazzo sec.XV-sec.XIX", pubblicato dalla casa editrice umbra Gambini, si è svolta venerdì 20 maggio, alle ore 20.00, nella Concattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo. All'incontro, patrocinato dal comune di Giovinazzo, sono intervenuti il parroco, Don Andrea Azzollini, il dott. Francesco Paolo Martini, presidente della Pro Loco e l'autore.

L'INVENTARIO

Il libro di seicento pagine è stato scritto da Michele Bonserio ed il volume ha visto la luce anche grazie all'impegno dell'associazione Pro Loco di Giovinazzo nell'anno 2021. «È un lavoro prodotto negli anni '80 del secolo scorso in forma dattiloscritta, riversata successivamente al computer in digitale, per la pubblicazione curata dall'associazione culturale e turistica Pro Loco con la preziosa collaborazione di sponsors - ci ha detto Michele Bonserio -. Il presidente Francesco Paolo Martini, a fine agosto del 2021 si è fatto carico con il direttivo di procedere alla pubblicazione del mio volume e alla stampa definitiva, completatasi nel gennaio 2022. Nel giro di pochi mesi - ha continuato Bonserio - la Pro Loco ha rivolto molta attenzione a questo mio libro che è una guida analitica alla consultazione del notevole fondo archivistico cartaceo del capitolo della Cattedrale e delle serie recuperate grazie all'intervento iniziato a fine del 1979 dalla stessa associazione di piazza Umberto I, allora retta dal dott. Gianni Pansini. Inizialmente il lavoro tecnico e professionale di studio e riorganizzazione storica dei documenti è stato realizzato da me».
Da 42 anni Michele Bonserio, con grande passione e amore per il passato cura l'Archivio diocesano della Concattedrale di Santa Maria Assunta in Cielo, ubicato presso l'ex Palazzo Vescovile in via Marco Polo n.2, in cui sono custoditi i fogli cartacei e pergamenacei pregni di un passato tutto da scoprire.

LA PRESENTAZIONE

Nel suo intervento, il presidente Franco Martini, che nel libro ha curato la presentazione, ha parlato dell'autore e della fattiva e concreta collaborazione messa in campo in ambito associativo con la Pro Loco. L'autore ha quindi illustrato a grandi linee il contenuto storico e giuridico in cui si inserisce il testo, libro che lui stesso consiglia di conservare in archivio o biblioteca personale per meglio scoprire il nostro passato ed invogliare i giovani a conoscerla meglio. «Nel libro è racchiusa una miniera di notizie regestate analiticamente sulla base dell'inventario delle serie archivistiche del Capitolo della nostra antica Cattedrale, comprendendo un periodo che va dal secolo XV al secolo XIX. Si tratta di un lavoro rivolto ai giovani perché possano riprendere a produrre tesi universitarie o ricerche - ha sottolineato Michele Bonserio -. Nel mio inventario tra i contenuti ci sono: capitoli matrimoniali, testamenti, atti di natura amministrativa, atti patrimoniali, manoscritti musicali inediti, atti che coinvolgono i rapporti con i ceti sociali della nostra antica città».

L'INCARICO AFFIDATO A MICHELE BONSERIO DI CURARE L'ARCHIVIO DIOCESANO

L'incarico di curare l'archivio diocesano fu affidato a Michele Bonserio quarantadue anni fa, quando l'allora vescovo Mons. Aldo Garzia comunicò di voler trasferire l'intero archivio della Cattedrale presso la Curia vescovile di Molfetta, poiché l'archivio era in grande disordine e senza possibilità di consultazione. Intervenne la Pro Loco, allora guidata da Gianni Pansini, su sollecitazione di Mons. Nicola Melone, e pur di non perdere questo grande patrimonio di storia cittadina e ecclesiastica il lavoro materiale fu inizialmente prodotto dalla Pro Loco.
In seguito, la parte tecnica e archivistica fu affidata a Michele Bonserio, in possesso del diploma di archivista paleografo conseguito presso l'Archivio di Stato di Bari nel 1979. Grazie a questa grande passione e ricerca, Bonserio ancora oggi continua a dare il suo contributo di volontariato laicale gratuitamente a favore della ricerca storica. Infatti, il motto dello studioso e scrittore è: "recuperare il senso di appartenenza al territorio in cui il cittadino vive attraverso lo studio, la passione per la ricerca e il rispetto del patrimonio archeologico e artistico ereditato dai nostri avi".
A conclusione del libro sono stati inseriti dall'autore documenti di varia collocazione e provenienza archivistica consegnati a Michele Bonserio il 5 ottobre del 1986 dallo storico, prof. Don Filippo Roscini.

L'incontro di venerdì 20 maggio è stata una occasione per scoprire quanto di interessante è custodito con cura nell'Archivio diocesano. Un patrimonio di enorme portata, frutto di un lavoro monumentale portata avanti in silenzio, con passione e grande senso di appartenenza a questo territorio da parte di Michele Bonserio, a cui la città di Giovinazzo dovrà sempre gratitudine.
  • Michele Bonserio
Altri contenuti a tema
Archivio Capitolare della Cattedrale, la Pro Loco di Giovinazzo presenta il lavoro di Michele Bonserio Archivio Capitolare della Cattedrale, la Pro Loco di Giovinazzo presenta il lavoro di Michele Bonserio Portentosa attività di ricerca durata decenni, finalmente culminata in una pubblicazione
“Giovinazzo tra storia sepolta e rinascita civile”: Michele Bonserio stimola una riflessione “Giovinazzo tra storia sepolta e rinascita civile”: Michele Bonserio stimola una riflessione Stasera all''interno del Palazzo Vescovile
Il giallo di Giovinazzo: Bonserio dà i natali a William di Alnwick e Turturro ne assume i connotati Il giallo di Giovinazzo: Bonserio dà i natali a William di Alnwick e Turturro ne assume i connotati Intervista all'esperto di storia locale che per primo provò a svelare il mistero legato alla figura raccontata ne "Il Nome della Rosa"
"Bellitalia", così Michele Bonserio ricorda la Giovinazzo di venti anni fa "Bellitalia", così Michele Bonserio ricorda la Giovinazzo di venti anni fa La registrazione della trasmissione Rai è finita su YouTube e racconta di un borgo antico che iniziava a rinascere
Canadesi stregati da Giovinazzo: «Torneremo presto!» Canadesi stregati da Giovinazzo: «Torneremo presto!» Da Toronto in Puglia per scoprire le bellezze locali. L'Assessore Vacca: «Questo è il turismo vincente»
Oggi e domani c'è “La magia degli archi di Giovinazzo” Oggi e domani c'è “La magia degli archi di Giovinazzo” L'evento è curato dalla sezione locale della Fidapa e si avvale della collaborazione di architetti, storici, artisti ed espositori
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.