Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Processo D1.1, tutto sospeso in attesa della pronuncia della Corte Europea

Resta da sciogliere il nodo della confisca in caso di prescrizione del reato. Si tornerà in aula nel 2019

La seconda sezione penale della Corte di Appello di Bari ha rinviato al 24 gennaio 2019 il processo sulla lottizzazione abusiva nella maglia artigianale D1.1 di Giovinazzo, del valore di oltre 50 milioni di euro: 123 lotti a rischio confisca.

Resta infatti da capire se, essendo il reato ormai prescritto, si possa procedere o meno con la confisca dei beni. È il 21 settembre 2010 quando i Carabinieri, gli agenti della Polizia Municipale e del Corpo Forestale dello Stato (tutti in servizio presso la sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Bari) appongono i sigilli a 146 lotti nella vasta area alla periferia nord di Giovinazzo.

Lì - secondo l'accusa - era in corso la costruzione di vere e proprie villette acquistate da chi non aveva nessuna intenzione di aprire un'attività artigianale. Poi l'inizio del processo, che vede imputate 168 persone, tra costruttori, progettisti, direttori dei lavori, assegnatari dei lotti, acquirenti e due funzionari del Comune di Giovinazzo, tutte accusati di lottizzazione abusiva.

Il 15 febbraio 2015 la sentenza di primo grado: 144 persone (su 168) vengono condannate a pene comprese fra i 18 mesi e i 2 mesi di arresto, 18 assolte, ma il procedimento penale prosegue con il proscioglimento degli imputati per intervenuta prescrizione del reato di lottizzazione abusiva. Si arriva in Corte d'Appello, a Bari, dove bisogna sciogliere il nodo della confisca in caso di prescrizione. Ieri, la prima udienza.

Il presidente Maria Iacovone ha optato per un rinvio al 24 gennaio 2019 in attesa dell'esito della Grande Camera della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo. Ora si attende dunque la pronuncia della C.E.D.U.​. Da quel che diranno quei giudici, probabilmente, dipenderà anche la sentenza sul processo D1.1.
  • D1.1 Giovinazzo
  • Processo D1.1
Altri contenuti a tema
D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Il commento dell'avvocato Depalma D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Il commento dell'avvocato Depalma Lo ha deciso la Corte di Appello di Bari sollevando una questione di legittimità
Ville abusive, ma reati prescritti: «Corte Costituzionale valuti la confisca» Ville abusive, ma reati prescritti: «Corte Costituzionale valuti la confisca» Una storia giudiziaria lunga 10 anni: la Corte di Appello di Bari ha sollevato una questione di legittimità costituzionale
Lottizzazione D1.1: la parola alla Corte Costituzionale Lottizzazione D1.1: la parola alla Corte Costituzionale Colpo di scena nel processo d'Appello. Sollevata una questione di legittimità costituzionale
La Corte deciderà il 14 marzo il "pasticciaccio" della zona D1.1 La Corte deciderà il 14 marzo il "pasticciaccio" della zona D1.1 Ieri in aula il procuratore generale Rizzo ha chiesto la conferma del provvedimento di confisca
D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» Secondo il penalista «la pronuncia della Corte Europea non ha confermato le aspettative dei diretti interessati»
D1.1 Giovinazzo, Gianni Del Giudice traccia la rotta D1.1 Giovinazzo, Gianni Del Giudice traccia la rotta Il Consigliere di Città del Sole, personalmente toccato dalla vicenda giudiziaria, sta lavorando al ripristino della funzionalità dell'intera area
Interventi di pulizia nella D1.1 di Giovinazzo Interventi di pulizia nella D1.1 di Giovinazzo Ripristinata anche la pubblica illuminazione su via Napoli
Cassette postali sradicate dal suolo alla D1.1 Cassette postali sradicate dal suolo alla D1.1 Due le ipotesi al vaglio: un atto di vandalismo oppure un incidente stradale
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.