Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni»

L’intervento del penalista giovinazzese dopo la decisione della Suprema Corte di Cassazione

Dopo la decisione della Cassazione, che ha accolto il ricorso presentato dalla Procura Generale, avverso le assoluzioni di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno, è l'avvocato Tiziano Tedeschi ad intervenire sul colpo di scena romano.

«Prima di poter esprimere una valutazione - afferma - è corretto e necessario attendere il deposito delle motivazioni che hanno indotto la Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione ad annullare la sentenza della Corte di Assise di Appello di Bari. Il ricorso, avverso la sentenza dei giudici di secondo grado, proposto dalla Procura Generale di Bari, risulta essere stato sposato e fatto proprio dalla Procura Generale presso la Corte Suprema di Cassazione».

«La sentenza di assoluzione della Corte di Assise di Appello di Bari - prosegue il penalista giovinazzese che nel procedimento ha rappresentato il Comune di Giovinazzo - è stata ben motivata sia in fatto che in diritto e sarà interessante comprendere le motivazioni che hanno indotto i giudici di legittimità a ritenere, cassando la sentenza del collegio di Bari, gli imputati Luca Lafronza, Pio Mauro Sparno e Ignazio Chimenti responsabili in concorso, benché anomalo, nell'omicidio del giovane Gaetano Spera».

«Un dato risulta evidente: i diretti responsabili dell'omicidio furono condannati in primo grado dal giudice per le indagini preliminari Anna Chiara Mastrorilli alla pena di 18 anni, mentre ai concorrenti fu erogata una pena di 14 anni di reclusione; sulle pene - prosegue - qualche considerazione andrebbe fatta, così come è giusto evidenziare che la Procura di Bari contestò nel capo di imputazione il metodo mafioso, escluso dal primo giudicante con conseguente mancato riconoscimento di un diritto al risarcimento del danno in favore del Comune di Giovinazzo, senza invece eventualmente contestare l'aggravante dei motivi abbietti o futili».

«Di certo - conclude Tiziano Tedeschi - vedremo quali saranno gli esiti del nuovo giudizio di secondo grado rispetto ad una vicenda che ha scosso la nostra comunità».
  • Gaetano Spera
  • Tiziano Tedeschi
  • Omicidio Spera
  • Luca Lafronza
  • Ignazio Chimenti
  • Pio Mauro Sparno
Altri contenuti a tema
Furti di auto ed estorsioni, assolto un 45enne di Giovinazzo Furti di auto ed estorsioni, assolto un 45enne di Giovinazzo I fatti risalgono al 2010. L'uomo è stato scagionato «per non aver commesso il fatto», accolta la richiesta del difensore Tedeschi
Omicidio Spera, la Cassazione rigetta i ricorsi e conferma le condanne Omicidio Spera, la Cassazione rigetta i ricorsi e conferma le condanne Sentenza definitiva: 8 anni di carcere a Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno
Detenuti evasi a Trani, ricerche estese in tutta la Puglia Detenuti evasi a Trani, ricerche estese in tutta la Puglia Le ricerche si concentrano fra Bari e la Bat. La Procura di Trani, intanto, ha aperto un'inchiesta
Daniele Arciuli evade dal carcere di Trani. È caccia all'uomo Daniele Arciuli evade dal carcere di Trani. È caccia all'uomo Il 22enne, detenuto per l'omicidio Spera, avrebbe scavalcato il muro di cinta. In fuga anche un 28enne
Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup Arresti nell'Arma: al via il processo davanti al Gup Tre imputati, fra cui Salerno, hanno optato per il rito abbreviato, Laforgia andrà a dibattimento. Si torna in aula il 14 luglio
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Erano in cella dal 18 giugno scorso. Il gip Galesi ha accolto le richieste di attenuazione delle misure cautelari
Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Il 39enne, personaggio cardine di tutta l'inchiesta, è stato ascoltato nell'incidente probatorio
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.