Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni»

L’intervento del penalista giovinazzese dopo la decisione della Suprema Corte di Cassazione

Dopo la decisione della Cassazione, che ha accolto il ricorso presentato dalla Procura Generale, avverso le assoluzioni di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno, è l'avvocato Tiziano Tedeschi ad intervenire sul colpo di scena romano.

«Prima di poter esprimere una valutazione - afferma - è corretto e necessario attendere il deposito delle motivazioni che hanno indotto la Prima Sezione Penale della Corte di Cassazione ad annullare la sentenza della Corte di Assise di Appello di Bari. Il ricorso, avverso la sentenza dei giudici di secondo grado, proposto dalla Procura Generale di Bari, risulta essere stato sposato e fatto proprio dalla Procura Generale presso la Corte Suprema di Cassazione».

«La sentenza di assoluzione della Corte di Assise di Appello di Bari - prosegue il penalista giovinazzese che nel procedimento ha rappresentato il Comune di Giovinazzo - è stata ben motivata sia in fatto che in diritto e sarà interessante comprendere le motivazioni che hanno indotto i giudici di legittimità a ritenere, cassando la sentenza del collegio di Bari, gli imputati Luca Lafronza, Pio Mauro Sparno e Ignazio Chimenti responsabili in concorso, benché anomalo, nell'omicidio del giovane Gaetano Spera».

«Un dato risulta evidente: i diretti responsabili dell'omicidio furono condannati in primo grado dal giudice per le indagini preliminari Anna Chiara Mastrorilli alla pena di 18 anni, mentre ai concorrenti fu erogata una pena di 14 anni di reclusione; sulle pene - prosegue - qualche considerazione andrebbe fatta, così come è giusto evidenziare che la Procura di Bari contestò nel capo di imputazione il metodo mafioso, escluso dal primo giudicante con conseguente mancato riconoscimento di un diritto al risarcimento del danno in favore del Comune di Giovinazzo, senza invece eventualmente contestare l'aggravante dei motivi abbietti o futili».

«Di certo - conclude Tiziano Tedeschi - vedremo quali saranno gli esiti del nuovo giudizio di secondo grado rispetto ad una vicenda che ha scosso la nostra comunità».
  • Gaetano Spera
  • Tiziano Tedeschi
  • Omicidio Spera
  • Luca Lafronza
  • Ignazio Chimenti
  • Pio Mauro Sparno
Altri contenuti a tema
Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Depositate le motivazioni della sentenza, il processo torna a Bari. Il commento dell'avvocato Mongelli
Omicidio Spera, colpo di scena in Cassazione. Annullate le assoluzioni in Appello Omicidio Spera, colpo di scena in Cassazione. Annullate le assoluzioni in Appello Le assoluzioni di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno sono state annullate, processo da rifare. Le dichiarazioni di Mastro e Mongelli
D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» D1.1, per Tedeschi «la vicenda non risulta essere in via di risoluzione» Secondo il penalista «la pronuncia della Corte Europea non ha confermato le aspettative dei diretti interessati»
Omicidio Spera, la Procura Generale impugna la sentenza d'Appello Omicidio Spera, la Procura Generale impugna la sentenza d'Appello «La confessione di Vito Arciuli è macroscopicamente falsa», secondo il pg Sinisi. Il caso dunque approderà in Cassazione
Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Torna in aula il processo D1.1, in attesa della Grande Camera. I pareri degli avvocati de Gennaro, Mastro, Mongelli e Tedeschi
Omicidio Spera: prima condannati, ora assolti in Appello Omicidio Spera: prima condannati, ora assolti in Appello Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno presero 14 anni in primo grado: escono puliti
Omicidio Spera, la sentenza d'Appello slitta al 14 febbraio Omicidio Spera, la sentenza d'Appello slitta al 14 febbraio Il giudizio vede imputati Vito Arciuli, Luca Lafronza, Ignazio Chimenti e Pio Mauro Sparno
Abuso d'ufficio, assolto l'ex dirigente Remine Abuso d'ufficio, assolto l'ex dirigente Remine «Il fatto non sussiste», questa la formula con cui l'ex dipendente del Comune di Bitonto è stato prosciolto
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.