Un'aula di Tribunale
Un'aula di Tribunale
Cronaca

Omicidio Spera: prima condannati, ora assolti in Appello

Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno presero 14 anni in primo grado: escono puliti

Colpo di scena nel processo d'Appello a carico, tra gli altri, di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno, accusati di concorso nell'omicidio di Gaetano Spera, il 21enne freddato in un vicolo vicino a piazza Garibaldi il 25 marzo 2015.

Dopo la condanna in primo grado a 14 anni, questa mattina la Corte d'Assise d'Appello ha assolto i tre imputati, rispettivamente di 26, 29 e 34 anni, dal delitto di concorso in omicidio e da quello di detenzione di armi contestati per «non aver commesso il fatto», dal reato di porto di una delle armi perché «il fatto non costituisce reato», mentre ha rideterminato la pena relativa al residuo reato di porto d'arma in 1 anno e 4 mesi di reclusione e 1.000 euro di multa.

Il procuratore generale Giannicola Sinisi aveva chiesto la conferma della condanna degli imputati, ma la Corte d'Assise d'Appello di Bari, presieduta da Raffaele Di Venosa, ha deciso per la piena assoluzione, riducendo finanche la pena al 22enne Vito Arciuli, ritenuto l'esecutore materiale del delitto, e passato da 18 anni a 16 anni e 6 mesi di reclusione. Quello del 21enne Gaetano Spera fu un omicidio legato al controllo della pesca e di tutte le attività che il porto di Giovinazzo poteva offrire.

Furono cinque le persone arrestate dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta, che in quattro mesi hanno svelato le dinamiche che hanno portato al delitto. Tra questi, per concorso anomalo nell'omicidio, anche Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno. Una tesi (quella accusatoria) e un racconto che però non sono condivisi dai giudici della Corte d'Assise d'Appello, che ha assolto i tre imputati, disponendo l'immediata scarcerazione.

«Tenuto conto che la parte civile può poco, in effetti, in questa fase, considerato il rito abbreviato e quindi la impossibilità ad aver contribuito alla formazione della prova - è il commento dell'avvocato Francesco Mastro, legale del padre di Spera -, non posso che esprimere insoddisfazione per la sentenza. Ma da giurista devo rispettare il discorso logico deduttivo della Corte d'Assise d'Appello».

«Attenderemo le motivazioni - fa sapere invece Mario Mongelli, difensore della madre e delle sorelle della vittima -, e poi faremo una lettura complessiva della sentenza per comprendere l'insussistenza di responsabilità a carico dei tre imputati assolti. Infine vedremo se la Procura Generale riterrà opportuno impugnare il provvedimento. Al momento, però, ogni commento è ovviamente, e drammaticamente, superfluo».

«Resta il fatto triste e senza risarcimento appagante che un povero ragazzo - conclude Mastro - sia stato barbaramente trucidato per una volgare questione di reti da pesca. Posso solo rilevare il triste fenomeno che sta oramai caratterizzando i nostri tempi, per cui le nuove generazioni non hanno più rispetto per le cose e vivono in totale disprezzo della persona, sia in termini di vita che di qualità dell'esistenza».

I tre imputati, Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno, assolti dal collegio dei giudici presieduto da Raffaele Di Venosa sono stati scarcerati: di quell'omicidio non avevano nessuna responsabilità. Le motivazioni si sapranno entro 90 giorni, quando saranno depositate.
  • Gaetano Spera
  • Vito Arciuli
  • Omicidio Spera
  • Luca Lafronza
  • Ignazio Chimenti
  • Pio Mauro Sparno
Altri contenuti a tema
Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Depositate le motivazioni della sentenza, il processo torna a Bari. Il commento dell'avvocato Mongelli
Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni» Omicidio Spera, Tedeschi: «Ok la sentenza, attendiamo le motivazioni» L’intervento del penalista giovinazzese dopo la decisione della Suprema Corte di Cassazione
Omicidio Spera, colpo di scena in Cassazione. Annullate le assoluzioni in Appello Omicidio Spera, colpo di scena in Cassazione. Annullate le assoluzioni in Appello Le assoluzioni di Ignazio Chimenti, Luca Lafronza e Pio Mauro Sparno sono state annullate, processo da rifare. Le dichiarazioni di Mastro e Mongelli
Omicidio Spera, la Procura Generale impugna la sentenza d'Appello Omicidio Spera, la Procura Generale impugna la sentenza d'Appello «La confessione di Vito Arciuli è macroscopicamente falsa», secondo il pg Sinisi. Il caso dunque approderà in Cassazione
Omicidio Spera, la sentenza d'Appello slitta al 14 febbraio Omicidio Spera, la sentenza d'Appello slitta al 14 febbraio Il giudizio vede imputati Vito Arciuli, Luca Lafronza, Ignazio Chimenti e Pio Mauro Sparno
Condanna ridotta a chi uccise Spera. Mongelli: «Siamo sconcertati» Condanna ridotta a chi uccise Spera. Mongelli: «Siamo sconcertati» Pena diminuita in Appello al presunto killer minorenne: 9 anni e 4 mesi. Delusi i familiari della vittima
Omicidio Spera, no alla costituzione di parte civile del Comune Omicidio Spera, no alla costituzione di parte civile del Comune L'avvocato Tedeschi: «Richiesta non accolta, ma attendiamo la motivazione della sentenza»
Omicidio Spera: 18 anni all'assassino, 14 ai complici Omicidio Spera: 18 anni all'assassino, 14 ai complici Condannato Vito Arciuli, esecutore materiale del delitto. Le reazioni degli avvocati Mastro, Mongelli e Tedeschi
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.