Mons. Cornacchia. <span>Foto Gianluca Battista</span>
Mons. Cornacchia. Foto Gianluca Battista
Religioni

Mons. Cornacchia: «Giovinazzo sia bandiera di vicinanza a chi è provato»

Solenne Pontificale in piazza Vittorio Emanuele II nella giornata dedicata a Maria SS di Corsignano

«Desidero che al centro della nostra preghiera di quest'oggi ci siano quanti sono nel pianto, nella sofferenza, nella lotta».

Così ha iniziato la sua omelia del Solenne Pontificale in onore di Maria SS di Corsignano in piazza Vittorio Emanuele II, Monsignor Domenico Coracchia, Vescovo della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi.

Haiti, Afghanistan ma anche tutti gli ammalati, coloro i quali sono alle prese con il virus del Covid nei pensieri del prelato, che ha chiesto di guardare a Maria e di ascoltarla.

L'indifferenza è dunque il male del nostro tempo, quella con cui trattiamo e siamo trattati, ma nei rapporti umani, nella «vera amicizia» si manifesta l'amore con cui Dio guarda a sua volta a noi. E la Vergine ne è icona, emblema e darsi agli altri nel momento della sofferenza significa nel senso più profondo «amare Maria, rimasta sotto la Croce» nel momento della sofferenza più estrema. Dobbiamo dunque «amarla, ascoltarla, imitarla e non perderla mai di vista, specie quando si annidano le tenebre della malattia e quelle della discordia tra noi. Bonifichiamo - ha detto Mons. Cornacchia - il nostro agire dunque».

C'è bisogno di «risplendere come astri nel mondo per alimentare la lampada della misericordia, dell'onestà e della riconciliazione», come chiede San Paolo nella sua Lettera ai Filippesi.

Infine l'augurio, conseguenza diretta dell'affidamento a Maria SS di Corsignano: «Giovinazzo sia luogo a cui assegnare la bandiera della vicinanza a chi è provato», luogo di accoglienza e di amore per coloro i quali sono in difficoltà.

Prima del Pontificale, emozionante la traslazione dell'icona della Vergine dalla Concattedrale di Santa Maria Assunta a piazza Vittorio Emanuele II. Qualche assembramento di troppo, peraltro non previsto, alla fine di via Marina, ma tanta la partecipazione e la devozione dei giovinazzesi che, dopo un'attesa lunga due anni, hanno potuto finalmente rivedere in piazza la loro Mamma, invocandone protezione in questo tempo di grandi patemi.

Al termine della messa, il rientro in Concattedrale, ancora tra due ali di folla.

  • Maria SS di Corsignano
  • Mons. Domenico Cornacchia
  • Festa Patronale Maria SS di Corsignano
Altri contenuti a tema
Processione di Maria SS di Corsignano: il nostro FOTORACCONTO Processione di Maria SS di Corsignano: il nostro FOTORACCONTO Ieri sera la Festa esterna. E Mons. Cornacchia in piazza ricorda ancora Angelo Stallone e la mamma ucraina morti negli ultimi giorni
Si chiude la Festa Patronale: il programma del lunedì Si chiude la Festa Patronale: il programma del lunedì Atteso il matinée musicale a cura della Grande Orchestra di Fiati Città di Conversano “G. Ligonzo”
Monsignor Cornacchia ricorda Angelo Stallone nel Pontificale della domenica Monsignor Cornacchia ricorda Angelo Stallone nel Pontificale della domenica Stamane la solenne celebrazione nel giorno della Festa esterna in onore di Maria SS di Corsignano
È il giorno di Maria di Corsignano: il programma della domenica della Festa È il giorno di Maria di Corsignano: il programma della domenica della Festa Stasera torna dopo tre anni la processione della sacra icona
Messa al Casale, Mons. Cornacchia: «Con Maria verso ciò che è essenziale» (FOTO) Messa al Casale, Mons. Cornacchia: «Con Maria verso ciò che è essenziale» (FOTO) Folta partecipazione di devoti e autorità alla celebrazione di questa mattina nell’agro giovinazzese
Festa Patronale 2022: il programma del sabato Festa Patronale 2022: il programma del sabato Stasera l'attesissimo Corteo Storico
Memoria liturgica di Maria di Corsignano: il programma completo a Giovinazzo Memoria liturgica di Maria di Corsignano: il programma completo a Giovinazzo In serata la traslazione del Manto della Madonna
Festa Patronale Giovinazzo, il programma del 16 agosto Festa Patronale Giovinazzo, il programma del 16 agosto Nel succorpo della cattedrale c'è "Arte in Cripta" ed in Sala San Felice la mostra degli stemmi nobiliari
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.