Osservatorio
Osservatorio
Territorio

Le ex Acciaierie e ferriere pugliesi, una storia tutta da scrivere

L’Osservatorio si interroga sul destino del siderurgico

Le aree delle ex Acciaierie e ferriere pugliesi potrebbero essere il cuore nevralgico per sperimentare un nuovo modo di concepire la città, utile non solo al sito industriale ma a tutto l'abitato.

È questo in estrema sintesi quello che è emerso dall'incontro, voluto dall'Osservatorio per il Bene Comune, che si è tenuto nell'auditorium don Tonino Bello. A patto però che tutta l'area venga bonificata e resa fruibile e che tutti i soggetti coinvolti facciano la loro parte. E a essere coinvolti sono oltre all'amministrazione comunale, i proprietari dei capannoni e le piccole aziende che attualmente sono insediate nell'ex siderurgico. Vasta 98mila metri quadri, grande cioè quanto il centro storico, l'area rappresenta una cerniera di congiunzione tra l'abitato e lama Castello, la profonda fenditura naturale che corre lungo il lato sud delle Ferriere, un luogo che potrebbe essere di grande interesse naturalistico. «Dopo le fasi di carotaggio utili a individuare i materiali inquinanti di cui sono pregni i suoli – ha esordito il sindaco Tommaso Depalma – sono nei fatti cominciate le opere di messa in sicurezza. Quanto meno all'interno della lama, dove sono depositate migliaia di tonnellate di scarti di lavorazione del ferro».

Una quantità tale di loppe che hanno cambiato i profili del sito naturale. «Naturalmente - ha continuato Depalma - aspettiamo che anche i privati facciano svolgere le dovute indagini all'interno dei capannoni e che quindi provvedano alla bonifica di quei siti». Il pallino quindi sembrerebbe passare nelle mani dei privati che legittimamente si aspettano di mettere a frutto i loro investimenti. «Quei capannoni sono fuori scala – ha tento a sottolineare la vice presidente della Regione Angela Barbanente - Non è immaginabile realizzare qualsiasi cosa all'interno delle aree delle ex Acciaierie e ferriere pugliesi pensando di conservare quelle volumetrie. Ma la politica è governo della città, è la cerniera di congiunzione tra e le istanze pubbliche e quelle private.

E i privati devono essere una risorsa e non un problema. Perché tutte le pianificazioni urbanistiche devono rispondere ai bisogni della collettività. Una città si deve concepire partendo dai bisogni della popolazione. Solo attraverso questa analisi si possono dare risposte concrete in termini di vivibilità». Affermazioni "alte" che però devono trovare risposte nel "Pug", il piano urbanistico generale, che a Giovinazzo deve vedere ancora la luce. Proprio su questo punto si è innestata una polemica, per la verità distante dalle intenzioni dell'incontro.

Se da una parte i proprietari dei capannoni hanno redatto e presentato un "Piru", il piano di rigenerazione urbana che deve però essere ancora discusso, i piani particolareggiati non sono ancora pronti. Questo l'oggetto del contendere. Saranno propri quei piani ad indicare il destino urbanistico dell'area su cui progetti e intenzioni si sprecano. Ma parlarne diventa arduo, almeno per il momento, proprio perché se il sito non viene bonificato, qualsiasi idea non può che rimanere sulla carta.
  • Territorio
Altri contenuti a tema
L'olio extravergine d'oliva di Giovinazzo conquista i mercati L'olio extravergine d'oliva di Giovinazzo conquista i mercati La video intervista all'imprenditore agricolo Salvatore Stallone
Il ritorno dei furbetti del sabato sera Il ritorno dei furbetti del sabato sera Auto in sosta sulla pista ciclabile a Levante
Le guardie Anpana salvano una volpe ferita Le guardie Anpana salvano una volpe ferita Gli operatori ecozoofili recuperano un esemplare incastrato tra i rovi
La Diocesi a sostegno delle vecchie e nuove povertà La Diocesi a sostegno delle vecchie e nuove povertà Istituzione Fondo di garanzia per il microcredito
Giovinazzo bella anche in tv Giovinazzo bella anche in tv A “Geo & Geo” si è parlato di radici, mare, prodotti tipici e futuro della nostra cittadina
Michele Sollecito ospite di Geo & Geo Michele Sollecito ospite di Geo & Geo Questo pomeriggio in onda alle 17.00 circa
Giovinazzo sbarca in Rai Giovinazzo sbarca in Rai Il vice-sindaco Michele Sollecito ospite della trasmissione “Geo & Geo”
L’agricoltura da valorizzazione del territorio a terapia L’agricoltura da valorizzazione del territorio a terapia Sabato un incontro nel centro “Gocce di Memoria”
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.