Benedizione degli ulivi IVE. <span>Foto Giuseppe Dalbis</span>
Benedizione degli ulivi IVE. Foto Giuseppe Dalbis
Vita di città

«L’Istituto Vittorio Emanuele II sta male, soffre»

Il presidente dell’Associazione “Quelli dell’IVE” riaccende i riflettori sul bene in attesa di nuova vita

«Avrei voluto raccontare una giornata in collegio, uno stralcio della mia vita di bambino in Istituto, in quel luogo che il FAI oggi considera "un bene di grande rilevanza storica e culturale". Poi ho pensato che sarebbe stato meglio parlare solo di lui, del Collegio, e non di me. Io oggi sono una persona affermata, agiata, felice, e non ho alcun bisogno di parlare di me. Lui invece, il mio Collegio, invece no, sta male, soffre ed è triste».

È con queste parole che comincia la lettera, molto simile alla pagina di un diario, di Saverio Nenna, Presidente dell'Associazione "Quelli dell'IVE" che riunisce ex ospiti ed ex educatori dell'Istituto Vittorio Emanuele II.

«Vi parlerò di quel luogo del cuore che ha lasciato in ognuno di noi, "i ragazzi dell'IVE", segni indelebili imperituri nel tempo. Per le tante generazioni di ragazzi (circa 10.000) che negli anni trovarono ospitalità nell'IVE, la vita in quel luogo ha impresso nella nostra memoria ricordi incancellabili. Ricordi di solitudini a volte mai dichiarate, ma spesso, e come nel nostro caso, anche di vita spensierata e di amicizie mai sopite, di sostegno e di solidarietà che nessun tempo potrà mai cancellare. Per questo ancora oggi noi ragazzi "spizziotti" (ospiti dell'Ospizio, così come veniva pure chiamato il nostro Collegio) siamo qui a cercarci nel mondo, ed a ritrovarci ogni volta, per non dimenticare. La famiglia non è solo quella biologica, ma è anche quella comunità di persone che sa accogliere ed abbracciare al momento giusto, sostenere durante i momenti di difficoltà… aiutare a diventare "grandi", anche attraverso la vita in Collegio fatta di regole, disciplina e rigore, ma anche di tanto amore, sostegno e solidarietà».

L'ex ragazzo, oggi medico, continua: «A tutti noi ragazzi dell'IVE accadde proprio questo: le nostre vite ed i nostri destini si incrociarono, si avvolsero, si avvitarono e si aggrovigliarono, così come fossero un tronco d'ulivo che nel tempo abbraccia sé stesso e protegge i propri rami. Proprio per questo, in occasione dei Duecento anni dell'IVE, abbiamo fortemente voluto la piantumazione di due alberi d'ulivo di fronte al grande portale del nostro Istituto, la nostra casa; un segno pertinente ed incisivo della nostra storia nel Collegio di Giovinazzo. L'ulivo è il simbolo del nostro territorio e rappresenta in ambiti religiosi un segno di pace. Ma per noi ragazzi dell'IVE è molto di più: l'ulivo è un albero immortale sostenuto per l'eternità in un legame viscerale con la terra, è un patrimonio dell'anima, è la memoria ferma e solida della nostra infanzia nel Collegio, come lo è e resterà nel tempo il sodalizio tra di noi e tra noi e la popolazione giovinazzese. Poi però, non bisogna dimenticare i problemi logistici. I sentimenti sono immateriali e non risentono dei segni del tempo che passa, i luoghi no. Anche quelli del cuore».

Il Presidente Nenna non usa mezzi termini: «L'IVE sta male, soffre ed ha bisogno di molte cure. Tutti noi temiamo fortemente il progressivo ed irreversibile depauperamento dell'Istituto Vittorio Emanuele II di Giovinazzo per lo stato di degrado in cui versa e per le innegabili difficoltà oggettive a dare dignità al suo ricchissimo archivio storico, che rappresenta gli avvenimenti non solo di Giovinazzo, ma per certi versi, dell'intero Mezzogiorno d'Italia. E tutto questo accade nonostante l'impegno e la buona volontà di tutti: dei ragazzi dell'IVE, del Comune di Giovinazzo, della Città Metropolitana di Bari, del FAI».

È fortemente preoccupato ma non dispera: «Sono certo che le istituzioni tutte, nelle quali abbiamo sempre piena fiducia, continueranno ad impegnarsi ed a fare la loro parte per ridare smalto ad uno degli edifici storici più importanti del territorio».

Nenna quindi chiude promettendo impegno e vigilanza da parte della sua associazione, auspicando che non resti mai sola: «Noi ragazzi dell'IVE ci impegneremo, come sempre, a fare la nostra parte per il bene dell'IVE; così fanno i molti soci volontari dell'Associazione e speriamo anche che il mondo imprenditoriale, culturale, politico o i semplici cittadini di Giovinazzo possano continuare a credere nel nostro progetto e continuare a sostenerci. A tutti loro va sempre la nostra profonda gratitudine ed il nostro grazie».
  • Quelli dell'IVE
  • Istituto Vittorio Emanuele II
Altri contenuti a tema
Parità di genere, ‘Libere di…VIVERE’ fa tappa a Giovinazzo Parità di genere, ‘Libere di…VIVERE’ fa tappa a Giovinazzo La mostra all'IVE dal 16 al 18 ottobre
Salvati alberi secolari nell'IVE. Soddisfatto Nicola De Matteo Salvati alberi secolari nell'IVE. Soddisfatto Nicola De Matteo Il delegato metropolitano: «Intervento con esperti agronomi ed in sinergia con Sindaco Città Metropolitana»
Notte Bianca della Poesia: stasera a Giovinazzo l'XI edizione Notte Bianca della Poesia: stasera a Giovinazzo l'XI edizione L'Istituto Vittorio Emanuele II ospiterà 200 tra poeti e poetesse e migliaia di versi da tutto il Mezzogiorno e dall'estero
"Festival Blow Up", oggi la seconda giornata all'Istituto Vittorio Emanuele II di Giovinazzo "Festival Blow Up", oggi la seconda giornata all'Istituto Vittorio Emanuele II di Giovinazzo Stefano Mereu e Marianna Bianchetti terranno un laboratorio di danza-teatro. In serata tre spettacoli
Premio Internazionale di Poesia "Culture del Mediterraneo", stasera l'evento finale a Giovinazzo Premio Internazionale di Poesia "Culture del Mediterraneo", stasera l'evento finale a Giovinazzo Appuntamento alle 21.00 nell'Istituto Vittorio Emanuele II
Le note di Mozart stregano il pubblico dell'IVE di Giovinazzo Le note di Mozart stregano il pubblico dell'IVE di Giovinazzo Giovedì sera primo concerto in presenza in città con l'Orchestra Filarmonica Pugliese
"Alla scoperta di Mozart": a Giovinazzo il concerto dell'Orchestra Filarmonica Pugliese "Alla scoperta di Mozart": a Giovinazzo il concerto dell'Orchestra Filarmonica Pugliese Appuntamento stasera, 18 giugno, nell'atrio monumentale dell'Istituto Vittorio Emanuele II
L'IVE s'illumina per il diritto alla felicità delle donne L'IVE s'illumina per il diritto alla felicità delle donne Ieri sera le iniziative per celebrare la Giornata Internazionale di lotta alla violenza su di esse
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.