Cronaca

Il rapporto della Dia sulle attività criminali nella Provincia

L'agro di Giovinazzo è caratterizzato da una intensa attività di ricettazione di veicoli rubati

Con la pubblicazione della sua relazione semestrale, la Direzione Investigativa Antimafia traccia quelle che sono le aree di influenza della criminalità organizzata in provincia di Bari. Traccia i confini di influenza dei vari clan e le "famiglie" che influenzano le attività criminose nei territori da loro controllati.

Giovinazzo, secondo l'ultimo rapporto, non risulta essere egemone a nessuna organizzazione criminale. Piuttosto appare essere in un triangolo, insieme a Terlizzi e Bitonto, ma in quest'ultima città comunque agiscono clan in guerra tra loro (le famiglie Conte e Cassano contro i Cipriano), che è terreno di massicce incursioni malavitose. «Quel triangolo - si legge nel rapporto della Dia - è caratterizzato da una intensa e lucrosa attività di ricettazione di veicoli rubati che vengono contraffatti, venduti, utilizzati per i ricambi o restituiti ai legittimi proprietari dietro pagamento di quella sorta di riscatto, più noto come cavallo di ritorno». Se da una parte l'assenza di criminalità organizzata attiva sul territorio di Giovinazzo sembra essere un buona notizia, non lo è più se si considera che le attività criminose colpiscono direttamente le famiglie, derubandole, in qualche caso anche in maniera violenta, dei loro beni. Furti di auto, negli appartamenti, che gettano sconforto e senso di insicurezza in tutta la popolazione, ma anche estorsioni in danno di coltivatori diretti ed imprenditori agricoli, danneggiamenti alle colture e alle strutture agricole e furti di attrezzature e mezzi agricoli.

La Dia, nel suo rapporto, evidenzia l'omicidio del 33enne Claudio Fiorentino (avvenuto il 3 giugno 2014), ma non fa cenno di possibili attività estorsive ai danni di esercizi commerciali. Del resto, se questo genere di reato insiste nel territorio giovinazzese, rimane ben nascosto e per nulla denunciato alle autorità giudiziarie.
  • cronaca
Altri contenuti a tema
Sorpreso a rubare in un'agenzia di viaggi: arrestato Sorpreso a rubare in un'agenzia di viaggi: arrestato Un 41enne di Molfetta si era impossessato di 400 euro. È finito ai domiciliari
Caso Meredith, dagli Usa solidarietà a Raffaele Caso Meredith, dagli Usa solidarietà a Raffaele Una lettrice ci scrive dagli States: «Non c’è un briciolo di prova»
L'inseguimento di due auto finisce con un conflitto a fuoco L'inseguimento di due auto finisce con un conflitto a fuoco Dei quattro banditi, i Carabinieri ne hanno fermato uno: un 26enne di Bitonto. È caccia ai complici
Fiamme nella notte: incendiate due auto Fiamme nella notte: incendiate due auto Un rogo doloso ha distrutto una Citroen C1 ed una Fiat Punto in via Lupis. Torna l’incubo?
D1.1, gli avvocati difensori replicano alle accuse di Nitti D1.1, gli avvocati difensori replicano alle accuse di Nitti Anche il Comune di Giovinazzo chiede la valutazione singola dei casi sotto processo
Arrestata la truffatrice degli anziani giovinazzesi Arrestata la truffatrice degli anziani giovinazzesi Elena Rasizzi Scalora è ritenuta responsabile di quattro episodi. Spillati 1.000 euro alle vittime dei raggiri
Torna a casa il bambino scomparso a Giovinazzo Torna a casa il bambino scomparso a Giovinazzo Ha avuto un epilogo la “fuga” di Pasquale. Grande sollievo da parte della mamma
Recuperati due scuotitori. Ma i ladri si dileguano Recuperati due scuotitori. Ma i ladri si dileguano La Polizia scopre il covo dei malviventi a Bitonto. Ritrovate anche due auto rubate
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.