L'incendio avvenuto in via Lupis
L'incendio avvenuto in via Lupis
Cronaca

Fiamme nella notte: incendiate due auto

Un rogo doloso ha distrutto una Citroen C1 ed una Fiat Punto in via Lupis. Torna l’incubo?

È divampato nella notte il rogo che ha distrutto una Citroen C1 ed una Fiat Punto posteggiate in via Lupis. È successo tutto intorno alle ore 02.30, quando una Citroen C1 alimentata a gas di petrolio liquefatto, per cause in corso d'accertamento ma che propendono per il dolo, ha preso fuoco nella parte anteriore sinistra.

Le fiamme, alcuni scoppiettìi e l'odore acre dell'incendio hanno svegliato i residenti della zona, mentre in poco tempo il rogo si è propagato ad un'altra auto, una Fiat Punto alimentata a gas metano, parcheggiata proprio accanto alla Citroen C1. Una nuvola di fumo ha immediatamente invaso l'intero rione ed è li che i residenti scesi in strada hanno temuto il peggio. «Quando mi hanno avvisato sono subito sceso in strada» racconta il papà della proprietaria della Citroen C1. Immediata è partita la chiamata ai Vigili del Fuoco e la corsa per domare le alte fiamme che, nel frattempo, avevano anche lambito un palo della pubblica illuminazione. Tanto più che anche una abitazione sita al piano terra (fortunatamente disabitata) ed un portone, ai civici n. 53 e n. 55, sono stati intaccati pesantemente dalle fiamme. Ed i segni, purtroppo, sono ben evidenti sull'intonaco e sull'intera facciata dello stabile. Con il rischio che anche i balconi venissero colpiti e che da qui il fuoco entrasse nelle case.

Sul posto, i caschi rossi del Distaccamento di Molfetta dopo aver provveduto a spegnere il rogo, che ha danneggiato in maniera rilevante anche la pavimentazione stradale, hanno eseguito numerosi rilievi all'interno dei due veicoli, alla ricerca di tracce utili. In via Lupis, come da prassi, si sono fiondati anche i Carabinieri del Nucleo Radiomobile in servizio presso la Compagnia di Molfetta e successivamente quelli della Stazione di Giovinazzo che hanno dato il via alle indagini sull'incendio, il secondo appena quarantotto ore dopo quello avvenuto in via Molino. E già questa mattina i proprietari delle auto coinvolte sono stati ascoltati dai militari di via Matteotti impegnati a ricostruire l'esatta dinamica dell'accaduto. Le indagini dei Carabinieri della locale Stazione, dipendenti della Compagnia di Molfetta, procedono serrate e nel massimo riserbo. E non escludono alcuna ipotesi, mentre dal Distaccamento di Molfetta affermano che «le fiamme sono partite verosimilmente dalla Citroen C1, nello specifico dallo pneumatico anteriore sinistro».

E tra chi ha assistito al desolante spettacolo c'è terrore, incertezza e sgomento. «È un'indecenza. Non ci sentiamo tutelati: anzi, ci sentiamo danneggiati. Chiediamo che l'amministrazione comunale e le forze dell'ordine rispondano in fretta ed in maniera decisa a questi episodi», commenta un cittadino. Intanto, le precauzioni non mancano. «Io per ogni evenienza e considerati gli ultimi eventi di cronaca - dice un altro residente - ho deciso di custodire la mia autovettura in un garage». I residenti, increduli, non sanno definire le origini del violento rogo di questa notte. Opera di un piromane oppure c'è dell'altro? È questa la domanda su cui stanno lavorando gli inquirenti per fare luce su un incendio che ha squarciato il silenzio della notte.

Un rogo che svegliato col fuoco sotto casa i numerosi abitanti di via Lupis. Che, con gli occhi gonfi di sonno perso, non trovano ancora risposte ai loro perchè.
L'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via LupisL'incendio avvenuto in via Lupis
  • cronaca
Altri contenuti a tema
Sorpreso a rubare in un'agenzia di viaggi: arrestato Sorpreso a rubare in un'agenzia di viaggi: arrestato Un 41enne di Molfetta si era impossessato di 400 euro. È finito ai domiciliari
Caso Meredith, dagli Usa solidarietà a Raffaele Caso Meredith, dagli Usa solidarietà a Raffaele Una lettrice ci scrive dagli States: «Non c’è un briciolo di prova»
Il rapporto della Dia sulle attività criminali nella Provincia Il rapporto della Dia sulle attività criminali nella Provincia L'agro di Giovinazzo è caratterizzato da una intensa attività di ricettazione di veicoli rubati
L'inseguimento di due auto finisce con un conflitto a fuoco L'inseguimento di due auto finisce con un conflitto a fuoco Dei quattro banditi, i Carabinieri ne hanno fermato uno: un 26enne di Bitonto. È caccia ai complici
D1.1, gli avvocati difensori replicano alle accuse di Nitti D1.1, gli avvocati difensori replicano alle accuse di Nitti Anche il Comune di Giovinazzo chiede la valutazione singola dei casi sotto processo
Arrestata la truffatrice degli anziani giovinazzesi Arrestata la truffatrice degli anziani giovinazzesi Elena Rasizzi Scalora è ritenuta responsabile di quattro episodi. Spillati 1.000 euro alle vittime dei raggiri
Torna a casa il bambino scomparso a Giovinazzo Torna a casa il bambino scomparso a Giovinazzo Ha avuto un epilogo la “fuga” di Pasquale. Grande sollievo da parte della mamma
Recuperati due scuotitori. Ma i ladri si dileguano Recuperati due scuotitori. Ma i ladri si dileguano La Polizia scopre il covo dei malviventi a Bitonto. Ritrovate anche due auto rubate
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.