Raffaele Sollecito
Raffaele Sollecito
Cronaca

Caso Meredith, dagli Usa solidarietà a Raffaele

Una lettrice ci scrive dagli States: «Non c’è un briciolo di prova»

Il caso dell'omicidio della studentessa inglese, Meredith Kercher, avvenuto a Perugia nella notte tra l'1 ed il 2 novembre 2007, continua a fare il giro del mondo. E lo fa anche grazie all'intervista rilasciata da Raffaele Sollecito alla trasmissione "Porta a Porta". La lunga conversazione con Bruno Vespa è stata, lo scorsa settimana, oggetto del consueto tam tam mediatico che si scatena in questi casi, al confine tra il diritto di cronaca ed il gossip becero. Anche un nostro pezzo è giunto oltreoceano.

Una lettrice, Michelle Moore, ha voluto rilasciarci un suo commento che vi riportiamo integralmente. Non ci sono correzioni di punteggiatura e ci siamo affidati ad una linguista per una traduzione il più possibile vicina al pensiero della lettrice, senza filtri grammaticali di sorta, visto che si nota come sia stato scritto con partecipazione emotiva.

Ecco ciò che ci scrive: «Neither Raffaele or Amanda had nothing to do with the murder of Meredith Kercher in any way, shape, or form. Nothing. Neither were there, there's not one bit of evidence (real evidence, not this "joke" Tabloid Junk Science the Prosecution came up with) that substantiates in ANY way these absolulte whimsical theories. It's incredible that even Vespa knows so little. I'm conservative too, but this is crazy thinking, deciding that a boy that smoked a joint is now somehow guilty of a crime. Italy, THINK! I would think Conservatives would not allow themselves to fall prey to this crazy ridiculous type of thinking. Wake up!».

La nostra traduzione non filtrata recita così: «Né Raffaele, né Amanda hanno nulla a che fare con l'omicidio di Meredith Kercher, assolutamente in alcun modo. Nulla. Neppure c'erano, non c'è un briciolo di prova (prova vera e non questa "storiella" raccontata dai giornali spazzatura che l'accusa ha escogitato) che concretizzi in alcun modo queste teorie del tutto campate in aria. È incredibile che persino Vespa sappia così poco. Anche io sono conservatrice, ma è da pazzi decidere che un ragazzo che ha fumato uno spinello sia ora colpevole di un delitto. Italia, RIFLETTI! Vorrei poter pensare che i Conservatori non permettano a loro stessi di diventare preda di questo modo di pensare completamente ridicolo. Svegliatevi!».

Questo dunque il senso dell'intervento. Negli Stati Uniti, da tempo, l'opinione pubblica si è schierata per l'innocenza dei due imputati. Amanda Knox è ora a casa, scrive recensioni per un giornale di Seattle e porta avanti un'esistenza su cui grava però questo peso. Assolta nel primo processo d'appello, è stata poi condannata a 26 anni nella revisione dello stesso. Ma nel frattempo è rientrata a casa. E l'intervento della nostra attenta lettrice punta ad evidenziare, anche con riferimenti ideologici, quello che a suo parere è a tutti gli effetti un errore giudiziario. Un punto di vista netto che rispecchia quanto in America sostengono con forza, guardando con scetticismo al nostro sistema giudiziario.

A noi cronisti, invece, resta il compito, a volte ingrato, di ribadire che solo le sentenze passate in giudicato fanno testo. In democrazia è così e ci limiteremo sempre a far cronaca pura. Il 25 marzo sarà, di fatto, solo Raffaele Sollecito a rispondere di quel reato davanti alla Suprema Corte di Cassazione. L'ivoriano Rudy Guede sconta già una condanna in via definitiva a 16 anni di carcere. Qualsiasi sia il pronunciamento dei giudici, alla nostra redazione interessano solo due aspetti: che venga fatta reale giustizia per Meredith e per i suoi cari e che agli imputati ed ai loro familiari vengano forniti tutti gli strumenti per una difesa congrua.

Alla stampa, una volta di più, il dovere di non interpretare, ma di raccontare, possibilmente cercando di fare del giornalismo e non del "giornalettismo".
  • cronaca
Altri contenuti a tema
Sorpreso a rubare in un'agenzia di viaggi: arrestato Sorpreso a rubare in un'agenzia di viaggi: arrestato Un 41enne di Molfetta si era impossessato di 400 euro. È finito ai domiciliari
Il rapporto della Dia sulle attività criminali nella Provincia Il rapporto della Dia sulle attività criminali nella Provincia L'agro di Giovinazzo è caratterizzato da una intensa attività di ricettazione di veicoli rubati
L'inseguimento di due auto finisce con un conflitto a fuoco L'inseguimento di due auto finisce con un conflitto a fuoco Dei quattro banditi, i Carabinieri ne hanno fermato uno: un 26enne di Bitonto. È caccia ai complici
Fiamme nella notte: incendiate due auto Fiamme nella notte: incendiate due auto Un rogo doloso ha distrutto una Citroen C1 ed una Fiat Punto in via Lupis. Torna l’incubo?
D1.1, gli avvocati difensori replicano alle accuse di Nitti D1.1, gli avvocati difensori replicano alle accuse di Nitti Anche il Comune di Giovinazzo chiede la valutazione singola dei casi sotto processo
Arrestata la truffatrice degli anziani giovinazzesi Arrestata la truffatrice degli anziani giovinazzesi Elena Rasizzi Scalora è ritenuta responsabile di quattro episodi. Spillati 1.000 euro alle vittime dei raggiri
Torna a casa il bambino scomparso a Giovinazzo Torna a casa il bambino scomparso a Giovinazzo Ha avuto un epilogo la “fuga” di Pasquale. Grande sollievo da parte della mamma
Recuperati due scuotitori. Ma i ladri si dileguano Recuperati due scuotitori. Ma i ladri si dileguano La Polizia scopre il covo dei malviventi a Bitonto. Ritrovate anche due auto rubate
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.