Olive
Olive
Territorio

Il Piano olivicolo nazionale stenta a decollare

Il M5S pugliese preme per l’attuazione immediata di un programma in materia

La campagna olivicola è cominciata ormai da qualche giorno, ma manca ancora un Piano governativo che tuteli il settore in modo chiaro e fermo. È questo il punto di vista del Movimento 5 Stelle, ed in particolare di quello pugliese, che chiede che venga attuato urgentemente il Piano olivicolo nazionale, soprattutto a fronte dei recenti fatti di cronaca che hanno visto l'olio italiano come protagonista.

A farsi portavoce di questa urgenza, il deputato pugliese Giuseppe L'Abbate, capogruppo M5S in Commissione Agricoltura, che ha presentato un'interrogazione parlamentare al Ministro Maurizio Martina, affinché il decreto emesso congiuntamente dal Ministero delle Politiche Agricole e dal Ministero dell'Economia, risalente al luglio scorso e che aveva visto la conversione in legge del decreto 51, non tardi ad essere messo in atto e che non si perdano i 4 milioni di euro di finanziamenti concessi per la realizzazione della prima fase del programma.

«Siamo tutti coscienti che il settore olivicolo-oleario nazionale attraversa una fase di profonda crisi strutturale e, considerato il pregio della produzione italiana di olio che costituisce una delle eccellenze del made in Italy agroalimentare, sono necessari interventi volti a recuperare e rilanciare la produttività - ha commentato Giuseppe L'Abbate (M5S) in un comunicato - (…) I 60 giorni della legge 91, infatti, sono abbondantemente trascorsi ed il Piano olivicolo non ha visto la luce, mettendo così a rischio i 4 milioni di euro previsti per il 2015. Perciò chiediamo che il Ministro Martina si attivi quanto prima per scongiurare questa perdita».

Oltre ai 4 milioni di euro di finanziamenti per il 2015, altri 14 dovrebbero essere stanziati sia per il 2016 che per il 2017. Un sostegno finanziario fondamentale, stabilito dall'Articolo 4 comma 1, che sarebbe di grande supporto alla realizzazione di interventi nel settore olivicolo-oleario, tra cui la tracciabilità dei flussi di import ed export e dei meccanismi di domanda ed offerta, aprendo la strada anche alla lotta ai fenomeni di contraffazione.

«Secondo gli ultimi dati Ismea, ogni anno in Italia si producono 433.000 tonnellate di olio d'oliva, se ne importano 493.000 e se ne esportano 404.000 - ha precisato L'Abbate -. I numeri ci dicono che noi produciamo meno olio di quello che ci serve. Ed è in questo 'scarto' che s'infila la contraffazione. Con il Piano Olivicolo Nazionale questo non sarebbe possibile ed il Governo, non approvandolo come previsto dalla legge 91, si rende complice dei fenomeni di contraffazione e di italian sounding - ha poi concluso il deputato del M5S - che danneggiano il nostro made in Italy, in particolare l'olio di qualità pugliese, ed ingannano i consumatori».
  • Olio d'oliva
  • Movimento 5 Stelle Giovinazzo
Altri contenuti a tema
A Bitonto festa dell'olio: Giovinazzo c'è A Bitonto festa dell'olio: Giovinazzo c'è Evento lunedì 5 luglio nel Chiostro della Cattedrale
LÓLIO, per Natale regala il vero sapore della Puglia LÓLIO, per Natale regala il vero sapore della Puglia Le proposte del Frantoio Paparella, con una promozione esclusiva per Barletta
Galizia e Cassese: «Orgogliosi per fondi Governo per rigenerazione olivicola» Galizia e Cassese: «Orgogliosi per fondi Governo per rigenerazione olivicola» Cinque milioni di euro arriveranno in Puglia
Pronti, ripresa e via: le Aziende Agricole Di Martino pronte per l’estate Pronti, ripresa e via: le Aziende Agricole Di Martino pronte per l’estate Si ricomincia con grande entusiasmo dopo i mesi di lockdown
L’oro di Puglia firmato Schinosa: l’azienda agricola Di Martino L’oro di Puglia firmato Schinosa: l’azienda agricola Di Martino L’extravergine di oliva che nasce a Trani e gira il mondo
Olio, la Spagna si accorda con la Tunisia. E Sicolo scrive al Ministro Olio, la Spagna si accorda con la Tunisia. E Sicolo scrive al Ministro Il Presidente di Italia Olivicola chiede una presa di posizione italiana
Xylella e gelate nelle campagne: le posizioni di Damascelli e Amati Xylella e gelate nelle campagne: le posizioni di Damascelli e Amati L'olio giovinazzese resta di qualità, ma la stagione olivicola in corso sembra non essere tra le migliori per resa
1 Disinformazione sulla Xylella, il Consorzio Nazionale Olivicoltori presenta un esposto in Procura Disinformazione sulla Xylella, il Consorzio Nazionale Olivicoltori presenta un esposto in Procura L'obiettivo è fermare le notizie ritenute non veritiere e che hanno permesso il diffondersi della malattia fino alle porte di Bari
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.