Scaravilli con Sergio Rubini
Scaravilli con Sergio Rubini
Eventi e cultura

Fabio Scaravilli tra gli attori de "Il grande spirito" proiettato stasera a Levante

Parte la rassegna "Cinema sotto le stelle". Noi abbiamo sentito il ragazzo giovinazzese che ha lavorato con Sergio Rubini

Il programma dell'Estate Giovinazzese promosso dal Comune di Giovinazzo proporrà questa sera, 11 luglio, in Piazzale Aereonautica Militare, la prima proiezione del ciclo "Cinema sotto le stelle", dedicata a "Il grande spirito", ultimo lavoro cinematografico del regista pugliese Sergio Rubini, nel quale ha recitato come attore non protagonista un giovane giovinazzese: Fabio Scaravilli.
Un'esperienza avvincente è stata per lui perché si è trattato di un ruolo d'azione: il suo personaggio è un malavitoso, braccio destro di un boss. Possiamo con certezza affermare che Fabio Scaravilli, seppur alla sua prima esperienza, è stato molto bravo.
In passato Scaravilli è stato runner in varie produzioni di film, perché svolge il lavoro di bodyguard privato e in questo ruolo è stato accompagnatore della troupe del film " Tulips" con Giancarlo Giannini.
Aver lavorato sul set, accanto a nomi di spessore come lo stesso Rubini e Rocco Papaleo, è stata un'esperienza di grande rilievo per lui. "Il grande spirito" è un film della Fandango, casa di produzione diretta dal produttore Domenico Procacci, originario di Santo Spirito. Per scoprire com'è andata e com'è nata questa collaborazione abbiamo sentito Fabio Scaravilli.

Fabio, come è nata questa esperienza?
La produzione cercava uno stuntman e quindi sono stato chiamato da Azzurra Martino, attrice e collaboratrice per i casting.
Cercavano un fisico palestrato, una figura da lottatore, ed io sono lottatore professionista di MMA- Mixed Martial Arts.
Il mio personaggio è Radek (in dialetto chiamato anche "'u slav" ndr) dalla fisicità simile ad un uomo dell' Europa dell'est, un malavitoso. All'inizio non pensavo di potercela fare, per essere attori tutti studiano. Per me è stata una "manna dal cielo " perché di là è cominciato tutto! Mi ritengo fortunato e privilegiato.

Lavorare con un importante attore e regista come Sergio Rubini e con Rocco Papaleo cosa ti ha insegnato?
Ad essere umile. Rocco Papaleo ha un carattere amabile, è divertente, è come lo si vede nei film, è se stesso, non recita. Sergio Rubini è molto esigente, serio, è un grande professionista, con lui c'è tutto da imparare solo osservandolo. Il mio ruolo non è stato semplice, è stata la prima vera esperienza in questo ambito, ma mi ritengo soddisfatto.

Esperienza elettrizzante che di sicuro ti è piaciuta, pensi di continuare?
Sì sì mi è piaciuta, mi ha entusiasmato. Collaboro come stuntman con un'agenzia di Roma molto importante che si chiama EAStunt, faccio parte della loro squadra. Sono tutti professionisti e lavorano per molte produzioni cinematografiche.
L'agenzia è di Emiliano Novelli e il coordinatore per il film "Il grande spirito " è stato Samuele Brancato, che mi ha insegnato tanto e seguito passo dopo passo per istruirmi su cose che non sapevo fare e che non avevo mai provato a fare prima.

Un ricordo di questa esperienza che porterai con te?
Tante nuove amicizie, anche con gli attori pugliesi che sono nel cast: Geno Diana, Bianca Guaccero, Ivana Lotito, un'attrice di Corato che ha recitato anche in "Gomorra", con tutti insomma. È stata una esperienza entusiasmante, divertente anche aver parlato il dialetto barese, poiché nella pellicola io sono braccio destro del boss interpretato da Geno Diana.

Stai lavorando ad altri film?
Sì, nell'ultimo film di Carlo Verdone "Si vive una volta sola" sono tornato al ruolo di stuntman in una scena girata a Monopoli accanto a lui e a Rocco Papaleo. Anche in questa occasione sono stato chiamato tramite l'agenzia EAStunt. Tra i miei nuovi impegni la partecipazione a due film tv della Rai in altrettante scene d'azione: in un film sono un camionista nazista, nell'altro un poliziotto in servizio, impegnato in un arresto in centro a Bari. E infine lavorerò in un film dal titolo "L'amore non si sa" del regista Marcello Di Noto con protagonista Antonio Folletto.






  • Fabio Scaravilli
  • Estate Giovinazzese 2019
  • Sergio Rubini
  • Cinema sotto le Stelle
Altri contenuti a tema
Emozioni a Levante in versi e musica Emozioni a Levante in versi e musica Ieri la quindicesima edizione di Poesie al Balcone
Simone Savogin da Italia's Got Talent ospite di "Poesie al Balcone" Simone Savogin da Italia's Got Talent ospite di "Poesie al Balcone" La rassegna ideata da Tracce compie quindici anni
Alessandro De Rosa racconta le musiche e la vita di Ennio Morricone Alessandro De Rosa racconta le musiche e la vita di Ennio Morricone Stasera l’evento Touring Juvenatium omaggerà il Premio Oscar
Giovinazzo non si ferma mai: un altro fine settimana di eventi Giovinazzo non si ferma mai: un altro fine settimana di eventi Teatro, musica e poesia nel ricco menù di sabato e domenica
"Cinema sotto le stelle": buona la prima, peccato per il vento "Cinema sotto le stelle": buona la prima, peccato per il vento Ieri sera la proiezione del film di Sergio Rubini "Il grande spirito"
"Cinema sotto le Stelle": l'Assessore Cristina Piscitelli racconta come è nata l'idea "Cinema sotto le Stelle": l'Assessore Cristina Piscitelli racconta come è nata l'idea Finalmente lo spazio di piazzale Aeronautica Militare restituito alla gente
Il mare declinato da Michele Mirabella Il mare declinato da Michele Mirabella Il poliedrico intellettuale ed artista bitontino ieri a Giovinazzo per il Luce Music Festival
Il rione San Domenico si aggiudica i TourinGames 2019 Il rione San Domenico si aggiudica i TourinGames 2019 Ieri è andato in scena il Palio dei più piccoli organizzato dalla Touring Juvenatium
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.