L'Immacolata Concezione
L'Immacolata Concezione
Eventi e cultura

Due nuovi capolavori al Museo diocesano di Molfetta

Un'opera attribuita ad un pittore della scuola fiamminga e la "Santa Famiglia" di Antonio De Bellis i nuovi arrivi in una collezione già di gran pregio

Due pregevoli dipinti ad olio su tela sono entrati recentemente a far parte delle collezioni del Museo diocesano di Molfetta, testimonianze autorevoli dell'arte e della fede dei secoli XVI e XVII.

La struttura diocesana ha recentemente acquisito la donazione di un'opera attribuita al pittore di scuola fiamminga Juan de Roelas (Fiandre 1570ca - Olivares 1625) - notevolissimo nel panorama della pittura sivigliana di fine Cinquecento - raffigurante una Immacolata Concezione, proveniente da una collezione romana. L'opera, di grandi dimensioni (209x152ca. cm), è in via di allestimento nella sala della Pinacoteca che accoglie, tra le altre, la cinquecentesca pala della Dormitio Virginis, proveniente dall'antico Duomo, e la preziosa Pietà di Bernardo Cavallino. Ma non è l'unica novità.

Nella stessa sala sarà aggiunta, infatti, anche una tela raffigurante una Santa Famiglia, recentemente attribuita ad Antonio de Bellis, innovativo pittore operante a Napoli verso la metà del Seicento, le cui opere sono custodite in prestigiosi musei europei ed oggetto di un vivace dibattito storico-artistico. L'opera (134x108 cm), proveniente dall'Episcopio, è stata oggetto di uno studio accurato che la riconduce agli anni 40 del XVII secolo.

«Due opere di grande pregio - afferma il direttore don Michele Amorosini - che aggiungono valore alle esposizioni del Museo diocesano, sia in termini storico-artistici che sotto il profilo iconografico, posto che i due soggetti rappresentano una assoluta novità per le collezioni pittoriche della struttura. Segno tangibile del continuo lavoro di ricerca, tutela e valorizzazione del patrimonio, premiato da un nuovo donatore ed estimatore del polo culturale ecclesiastico molfettese».

Le opere saranno presentate in due incontri aperti alla cittadinanza, nelle domeniche che precedono il Natale, su iniziativa della FeArT società cooperativa in collaborazione con l'Ufficio Catechistico diocesano.
  • Museo Diocesano
Altri contenuti a tema
La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La decisione degli organizzatori dopo il grande afflusso di visitatori di queste settimane
"Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica "Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica Apertura alla chiesa del Carmine dalle 18.30 alle 22.00
Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" L'esposizione di via Cattedrale resterà aperta dalle 18.30 alle 22.00
Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" La mostra iconografica curata da Saverio Amorisco aperta dalle 18.30 alle 22.00
Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis La struttura museale accoglie una nuova iniziativa per le famiglie
"Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano "Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano Oggi e domani un'azione sacra che unisce la danza di Elisa Barucchieri, poesia, immagini e arte
1 Sgarbi in visita al Museo Diocesano Sgarbi in visita al Museo Diocesano Il critico d'arte in visita alla città di Molfetta si è soffermato sulle bellissime opere
Sergio Pansini e la malattia di Thomsen: un convegno al Museo Diocesano Sergio Pansini e la malattia di Thomsen: un convegno al Museo Diocesano Nel centenario della morte dell’illustre clinico molfettese
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.