Il sequestro dell'area artigianale D1.1
Il sequestro dell'area artigianale D1.1
Cronaca

D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Tedeschi: «È una storia infinita»

Lo ha deciso la Corte di Appello di Bari sollevando una questione di legittimità

Sarà la Corte Costituzionale a stabilire se è legittima la confisca di 123 unità immobiliari, nella maggior parte dei casi villette a schiera, costruite nell'area D1.1, la zona artigianale di Giovinazzo, considerato che i reati sono ormai prescritti.

Lo hanno deciso, lo scorso 18 maggio, i giudici della Corte di Appello di Bari sollevando la questione di legittimità costituzionale nell'ambito del procedimento penale in corso nei confronti di 143 imputati, tra cui funzionari del Comune di Giovinazzo, tutti accusati di lottizzazione abusiva e già condannati in primo grado a pene comprese fra i 18 e i 2 mesi di arresto.

«La Corte ritiene - si legge nel provvedimento - che non meriti la sanzione della confisca l'anello debole e finale del meccanismo, rappresentato dai proprietari». Nel processo, inoltre, sono imputati anche costruttori, progettisti, direttori dei lavori e funzionari del Comune di Giovinazzo. Una «lunga catena di responsabilità» nella quale risulta «sproporzionata» e «inutilmente vessatoria ed eccessivamente gravosa la misura della confisca».

La parola passa adesso alla Corte Costituzionale a cui la Corte di Appello di Bari chiede di valutare la incostituzionalità dell'articolo del testo unico sull'edilizia. Ma cosa ne pensano gli avvocati giovinazzesi? Lo abbiamo chiesto - fra gli altri - al penalista e cassazionista Tiziano Tedeschi.

«Dalla lettura dell'ordinanza dei giudici di Appello di Bari - scrive il legale giovinazzese con il suo stile asciutto - emergono elementi interessanti e che meritano attenta disamina.

Di certo l'ordinanza apre uno spiraglio per le sorti dei malcapitati cittadini implicati nella vicenda giudiziaria, in effetti la Corte Costituzionale potrebbe ritenere, conformandosi all'orientamento della Gran Camera della Corte Europea, vessatoria ed eccessivamente gravosa la misura della confisca nei confronti di coloro i quali abbiano avuto "una lieve condotta colposa".

In ogni caso, nella citata ordinanza, nella parte motivazionale, viene effettuata una puntuale e precisa valutazione del profilo della colpa, anche a carico dei soggetti acquirenti e sub-acquirenti dei lotti confiscati. Tale valutazione è manifestamente accusatoria: il Collegio si spinge inoltre a ritenere il concorso nel reato, di figure amministrative non presenti nell'impianto accusatorio.

Questo la dice lunga sulla ipotesi di reato, così come contestato, e quindi sulla sua eventuale insussistenza. Appare evidente che ci vuole ancora tempo per poter scrivere la parola fine su questa incresciosa vicenda che ha coinvolto tutta la nostra comunità.

Ora non possiamo che attendere per poi valutare le eventuali azioni da intraprendere a tutela dei diritti dei nostri assistiti, non ultima l'azione risarcitoria».
  • D1.1 Giovinazzo
  • Zona artigianale Giovinazzo
  • Processo D1.1
  • Tiziano Tedeschi
Altri contenuti a tema
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Arresti nell'Arma, Laforgia e Salerno lasciano il carcere: ai domiciliari Erano in cella dal 18 giugno scorso. Il gip Galesi ha accolto le richieste di attenuazione delle misure cautelari
Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Il 39enne, personaggio cardine di tutta l'inchiesta, è stato ascoltato nell'incidente probatorio
Arresti nell'Arma, domani l'incidente probatorio in videoconferenza Arresti nell'Arma, domani l'incidente probatorio in videoconferenza Il gip Galesi ha accolto la richiesta della Procura di Bari per cristallizzare le dichiarazioni degli indagati
Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Torna in libertà un 52enne Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Torna in libertà un 52enne Revocati gli arresti domiciliari per Cesare Stufano, coinvolto nella maxi operazione "Kulmi"
Popolare di Bari, per costituirsi parte civile c'è tempo fino al 24 settembre Popolare di Bari, per costituirsi parte civile c'è tempo fino al 24 settembre Per i risparmiatori è importante esserci in questo giudizio. Ecco come fare
Discarica e D1.1: Depalma non fa sconti Discarica e D1.1: Depalma non fa sconti Ieri sera le Comunicazioni del sindaco alla città in piazza Vittorio Emanuele II
«Nessuna bambina sottratta, il provvedimento sarà impugnato» «Nessuna bambina sottratta, il provvedimento sarà impugnato» Lo scrive l'avvocato Tedeschi, legale del padre della minore: «L'atto del Tribunale non è fondato su quanto realmente accaduto»
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.