Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Bonifica delle ex AFP: il 21 settembre l'udienza in Tribunale

13 gli imputati, c'è anche il sindaco Depalma. L'accusa contestata dal pm Pisani è l'omessa bonifica del sito

La Procura della Repubblica, dopo l'udienza celebratasi il 10 novembre scorso, ha nuovamente disposto la citazione a giudizio per i 13 imputati che, in concorso, dovranno rispondere del reato di omessa bonifica delle ex Acciaierie e Ferriere Pugliesi: la nuova data fissata per l'udienza dibattimentale (l'altro decreto era stato annullato dal giudice per difetto di forma) che si svolgerà davanti alla Prima Sezione del Tribunale Penale di Bari è quella del 21 settembre 2022.

Tra i 13 imputati (imprenditori e proprietari dei suoli residenti a Barletta, Bitonto, Corato, Giovinazzo e Molfetta) c'è anche il sindaco Tommaso Depalma. Negli anni successivi al 1984, quando il Comitato Interministeriale per la Politica Industriale deliberò lo smantellamento del siderurgico, poi chiuso nel 1979, si è cominciato a parlare della bonifica di un territorio vasto 98mila metri quadrati, grande cioè quanto il centro storico, che rappresenta una cerniera di congiunzione tra il centro abitato giovinazzese e la lama Castello, e di possibili operazioni di recupero della vecchia area industriale.

Recupero, di fatto, mai concretizzatosi. In quell'area l'Arpa Puglia ha accertato il superamento dei limiti consentiti di CsR (Concentrazione soglia di Rischio) delle singole sostanze inquinanti e materiali di scarto. Al sindaco e ai proprietari si contesta di non aver dato seguito all'ordinanza n. 4.984 della Città Metropolitana di Bari che imponeva la bonifica del sito. Il sindaco, inoltre, non avrebbe azionato nemmeno i poteri sostitutivi attribuitigli dalla legge. Nessuno, dunque, avrebbe fatto nulla per adempiere a quell'atto. Le indagini sono partite da una notizia di reato proveniente dalla stessa Città Metropolitana.

Il pubblico ministero Baldo Pisani contesta agli imputati di non aver «provveduto alla bonifica ordinata con provvedimento della Città Metropolitana» di un sito interessato «dall'ex stabilimento produttivo Acciaierie e Ferriere Pugliesi e dagli scarti di lavorazione di fonderia depositati sul suolo della lama Castello». Tre le parti offese: due persone fisiche e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Tommaso Depalma
Altri contenuti a tema
Depalma tra gli amministratori che hanno ripulito l'agro di Casamassima Depalma tra gli amministratori che hanno ripulito l'agro di Casamassima Sabato scorso l'iniziativa voluta dal comune del Sud-Est barese
Mobilità alternativa, Giovinazzo tra le otto città pugliesi premiate Mobilità alternativa, Giovinazzo tra le otto città pugliesi premiate Depalma: «Alla fine i conti tornano e torneranno sempre più»
Giovinazzo per la pace in Ucraina Giovinazzo per la pace in Ucraina Depalma e Sollecito alla manifestazione barese
Il gonfalone di Giovinazzo in piazza a Bari per sostenere gli agricoltori Il gonfalone di Giovinazzo in piazza a Bari per sostenere gli agricoltori Depalma: «Sempre al loro fianco»
Depalma su Chiusolo: «Comune di Giovinazzo mai rilasciato nessuna concessione demaniale» Depalma su Chiusolo: «Comune di Giovinazzo mai rilasciato nessuna concessione demaniale» Le precisazioni del sindaco in un video
Depalma e la vecchia Giunta: imputazione coatta per abuso d'ufficio Depalma e la vecchia Giunta: imputazione coatta per abuso d'ufficio Il sindaco e il suo vice Sollecito, tra gli altri, sono accusati del demansionamento del dirigente comunale Turturro
Inchiesta concessioni demaniali. Cinque persone in Procura: c'è Depalma Inchiesta concessioni demaniali. Cinque persone in Procura: c'è Depalma L'attività del pm Quercia verte su tre gare per l'affidamento di aree per la realizzazione di spiagge libere con servizi
Spiagge attrezzate a Ponente: Depalma spiega perché è stato chiamato in Procura Spiagge attrezzate a Ponente: Depalma spiega perché è stato chiamato in Procura Il sindaco: «Tutto probabilmente a seguito degli esposti di PVA»
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.