Tanti visitatori al Museo Diocesano
Tanti visitatori al Museo Diocesano
Eventi e cultura

Un incontro pubblico per pensare al Museo diocesano di domani

Stasera, alle 19.30, spunti di riflessione partendo dal bando pubblico "Beni Ecclesiastici"

Il 18 giugno del 2009 veniva inaugurato il Museo diocesano di Molfetta. Una struttura elegante, dotata di ampi spazi espositivi e ricche collezioni di arte sacra che avevano l'obiettivo di raccontare la storia della Chiesa locale e di elevare l'animo al Bello.

Il 18 giugno 2019 alle ore 19.30, esattamente dieci anni dopo, il Museo diocesano (che ospita opere giovinazzesi), in collaborazione con la Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi e la Società Cooperativa FeArT, ente gestore dal 2010, promuove un incontro pubblico, un momento di confronto sulla funzione e sul valore dell'istituzione, sulle potenzialità e sulla rifunzionalizzazione degli spazi, in un'ottica di una maggiore fruizione da parte dei diversi pubblici.

Il Museo che vorrei. Incontro di progettazione partecipata ha come obiettivo l'incontro, l'ascolto e lo scambio di idee e prospettive con visitatori, cittadini, artisti, famiglie, insegnanti e amanti della cultura per discutere insieme di quello che in questi primi dieci anni di vita il Museo ha offerto al territorio e provare ad immaginare insieme quello che potrà in futuro realizzare.

L'occasione è offerta, inoltre, dalla presentazione del bando pubblico "Beni Ecclesiastici", promosso dalla Regione Puglia, Assessorato all'Industria turistica e culturale, Gestione e Valorizzazione dei beni culturali, che ha quale finalità la diffusione della conoscenza e valorizzazione di beni, istituti e luoghi di cultura nella disponibilità di Enti ecclesiastici.
Nello specifico il bando, che si inserisce nella strategia Smart-In Puglia della Regione Puglia, mira ad integrare il restauro dei beni con attività che implementino i servizi di fruizione e valorizzazione e che favoriscano la funzionalità mediante la dotazione di laboratori innovativi a servizio della comunità.

Durante l'incontro il direttore del Museo, don Michele Amorosini, il presidente della FeArT, Paola de Pinto e i referenti dell'Ufficio tecnico della Diocesi di Molfetta, dialogheranno con il pubblico presente per progettare insieme il Museo di domani.

Museo diocesano, un luogo unico, un luogo di tutti.
  • Museo Diocesano
Altri contenuti a tema
La Biblioteca "Seminario vescovile" riconosciuta di eccezionale interesse culturale La Biblioteca "Seminario vescovile" riconosciuta di eccezionale interesse culturale Prosegue con impegno l'azione di valorizzazione degli spazi culturali diocesani
La Diocesi s'interroga sulle elezioni europee La Diocesi s'interroga sulle elezioni europee Martedì 14 maggio, ore 19.30, all'Auditorium "Salvucci" Molfetta incontro pubblico promosso dalle Aggregazioni Laicali
La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La mostra "Ave Mater Dolorosa" prolungata fino al 25 aprile La decisione degli organizzatori dopo il grande afflusso di visitatori di queste settimane
"Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica "Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica Apertura alla chiesa del Carmine dalle 18.30 alle 22.00
Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" Penultima domenica per visitare la mostra "Ave Mater Dolorosa" L'esposizione di via Cattedrale resterà aperta dalle 18.30 alle 22.00
Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" Visitabile anche di domenica "Ave Mater Dolorosa" La mostra iconografica curata da Saverio Amorisco aperta dalle 18.30 alle 22.00
Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis Incontri a sorpresa al Museo Diocesano con il Teatro dei Cipis La struttura museale accoglie una nuova iniziativa per le famiglie
"Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano "Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria": ResExtensa al Museo diocesano Oggi e domani un'azione sacra che unisce la danza di Elisa Barucchieri, poesia, immagini e arte
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.