L'area archeologica sequestrata dai Carabinieri
L'area archeologica sequestrata dai Carabinieri
Cronaca

Sigilli allo scavo archeologico di via Marina: chi ha spostato la colonna?

L'area è stata sequestrata dai Carabinieri: lo spostamento è avvenuto senza l'autorizzazione della Soprintendenza

Scattano i sigilli allo scavo archeologico di via Marina, a Giovinazzo. I Carabinieri hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo: l'antica colonna (un manufatto spezzato in due parti, nda), rinvenuta il 14 gennaio 2020 nel corso di uno scavo idrico, è stata spostata senza l'autorizzazione della Soprintendenza.

Per questo motivo i militari del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale, che opera alle dipendenze funzionali del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, un mese fa, dopo aver bloccato i lavori, hanno sequestrato l'area ai sensi dell'articolo 354 del codice di procedura penale: la colonna, di epoca non ancora databile, ma quasi certamente precedente alla costruzione della Cattedrale, risalente al XII secolo, è stata scoperta durante dei lavori privati di allaccio alla rete idrica.

Un semplice scavo dell'Acquedotto Pugliese, dunque, s'è rivelato il mezzo per arrivare ad una scoperta interessante da un punto di vista archeologico. L''area, ben presto debitamente circoscritta, è stata subito sottoposta a vincolo da parte della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Bari, ipotizzando la necessità di ampliare lo scavo e di comprendere se quella colonna, che sarà restaurata, sia inserita o meno in un più ampio complesso.

In un anno nulla è stato fatto, mentre qualcuno, senza autorizzazione, ha spostato la colonna. Chi è stato? E perché? Indagini febbrili, tutt'altro che concluse. Lo si intuisce dal gran lavoro degli uomini del maggiore Giovanni Di Bella che hanno avviato accertamenti e rilievi per provare a rispondere a questi interrogativi.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Via Marina
Altri contenuti a tema
Era ai domiciliari, ma è evaso. Misura aggravata: 49enne in carcere Era ai domiciliari, ma è evaso. Misura aggravata: 49enne in carcere L'uomo, nei giorni scorsi, è evaso per chiedere il Reddito di Cittadinanza. Ora è nel carcere di Bari
Minori scomparse da 3 giorni, sparite da una comunità di Giovinazzo Minori scomparse da 3 giorni, sparite da una comunità di Giovinazzo Le sorelle Melania e Simona Sigrisi dal 9 aprile non hanno fatto più ritorno nella struttura Legàmi e Talenti
Evade dai domiciliari: 49enne arrestato e riportato a casa Evade dai domiciliari: 49enne arrestato e riportato a casa I Carabinieri lo hanno fermato ai piedi del Municipio. Oggi il rito direttissimo: ha patteggiato 8 mesi
Cittadino chiama il 112, furto d'auto sventato in via Bitonto Cittadino chiama il 112, furto d'auto sventato in via Bitonto I Carabinieri della locale Stazione sono intervenuti e hanno messo in fuga i ladri. Recuperata una Ford Puma
Fermati in auto con 38 dosi di cocaina. Arrestati dai Carabinieri Fermati in auto con 38 dosi di cocaina. Arrestati dai Carabinieri Un 36enne e un 34enne sono finiti ai domiciliari. Sequestrati 13 grammi di droga e un bilancino di precisione
Nuovi orari per la Stazione dei Carabinieri Nuovi orari per la Stazione dei Carabinieri Apertura al pubblico dalle ore 08.00 alle ore 20.00
Banchetto abusivo, sequestrati 200 ricci: sanzioni sino a 10mila euro Banchetto abusivo, sequestrati 200 ricci: sanzioni sino a 10mila euro Operazione congiunta di Carabinieri, Capitaneria di Porto e Polizia Locale: il prodotto ittico è stato rigettato in mare
Pronti con l'escavatore, ma arrivano i Carabinieri. Colpo sventato? Pronti con l'escavatore, ma arrivano i Carabinieri. Colpo sventato? Determinante l'arrivo dei militari: recuperata una pala meccanica. Ritrovati anche un'auto e due camion incendiati
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.