Pesca in mare
Pesca in mare
Attività produttive

Ristoranti chiusi, battuta d'arresto per la pesca pugliese

L'allarme lanciato da Coldiretti Puglia

Con la chiusura di quasi 20mila ristoranti in Puglia per la seconda ondata del Covid e le restrizioni imposte nella zona arancione, la pesca subisce una nuova battuta d'arresto con il crollo dell'attività del 40% ed il rallentamento delle vendite all'estero, mentre aumentano del 2% gli acquisti di prodotto surgelato, a discapito del pescato locale con le barche ferme nei porti.

È quanto afferma Coldiretti Puglia sulla base dei dati Confcommercio sul blocco delle attività, mentre ISMEA segnala l'aumento degli acquisti di pesce surgelato perché più facile da conservare.

«La situazione delle marinerie in Puglia è molto grave per il crollo della domanda sui mercati italiani ed esteri a causa del Covid, con l'azzeramento degli ordini, per la chiusura 7 giorni su 7 dei ristoranti (anche a Giovinazzo la crisi è molto forte). Vanno assolutamente aiutate a superare il momento di grande difficoltà. Le limitazioni alle attività di impresa devono prevedere un adeguato sostegno economico e iniezioni di liquidità lungo tutta la filiera e interventi a fondo perduto per salvare gli agriturismi, un esempio straordinario del turismo rurale ed enogastronomico», denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Di assoluto rilievo i numeri del pescato in Puglia, il cui valore economico è pari all'1% del PIL pugliese e arriva fino al 3,5% - ricorda Coldiretti Puglia - se si considera l'intero indotto che conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura. Le aree vocate sono prioritariamente Manfredonia, Molfetta, sud Barese, Salento, dove il pescato più importante è costituito da gamberi, scampi, merluzzi e mitili di eccezionale qualità.

«Già in tempi ordinari quasi 8 pesci su 10 consumati sono stranieri - aggiunge il presidente Muraglia - spesso senza che i consumatori lo sappiano, soprattutto a causa della mancanza dell'obbligo dell'indicazione di origine sui piatti consumati al ristorante che consente di spacciare per nostrani prodotti provenienti dall'estero che hanno meno garanzie rispetto a quello Made in Italy. L'emergenza Covid ha aggravato lo scenario con la vendita quasi esclusiva di pesce importato dall'esatto e surgelato. Per questo abbiamo intensificato nei Mercati di Campagna Amica coperti di Foggia e Brindisi campagne di informazione per far conoscere caratteristiche, qualità ed aiutare a fare scelte di acquisto consapevoli», conclude il presidente Muraglia.

I pericoli maggiori per l'Italia – continua la Coldiretti – vengono infatti dal pesce spagnolo, come tonno e pescespada, con alto contenuto di mercurio e dal pesce francese, sgombro in primis, per l'infestazione del parassita Anisakis.

Con l'emergenza Covid è stato registrato un balzo record del 90% delle consegne nelle case - conclude Coldiretti Puglia - soprattutto per quanti come gli anziani hanno maggiore difficoltà ad affrontare le lunghe file dei supermercati, con le consegne a domicilio effettuate direttamente dalla rete delle aziende agricole di Campagna Amica in tutta la Puglia che garantiscono alle famiglie prodotti locali, a chilometro zero e a miglio zero nel caso del pesce, che non devono percorrere grandi distanze prima di giungere a tavola.
  • Pesca
  • Coldiretti Puglia
Speciale Coronavirus

Speciale Coronavirus

Tutti gli aggiornamenti

467 contenuti
Altri contenuti a tema
Covid, in Puglia 1.737 contagiati e 48 morti nelle ultime ore. I guariti sono quasi tredicimila Covid, in Puglia 1.737 contagiati e 48 morti nelle ultime ore. I guariti sono quasi tredicimila Il 18,27% dei tamponi è positivo. In terapia intensiva restano purtroppo 201 persone
Covid-19 in Puglia: 52 morti, 1436 nuovi positivi e 496 persone guarite nelle ultime ore Covid-19 in Puglia: 52 morti, 1436 nuovi positivi e 496 persone guarite nelle ultime ore I tamponi effettuati sono stati 9612. In terapia intensiva sono ricoverate 209 persone
Sicurezza negli ospedali ASL: test molecolari periodici per operatori sanitari a tutela dei pazienti Sicurezza negli ospedali ASL: test molecolari periodici per operatori sanitari a tutela dei pazienti Ben 13 unità operative all'Ospedale San Paolo, riferimento per Giovinazzo, li hanno già effettuati
Coronavirus: nelle ultime ore in Puglia 30 morti, 1511 contagi e 903 guariti Coronavirus: nelle ultime ore in Puglia 30 morti, 1511 contagi e 903 guariti In terapia intensiva restano 210 persone
Covid-19: a Giovinazzo 143 positivi. In Puglia ben 52 morti Covid-19: a Giovinazzo 143 positivi. In Puglia ben 52 morti Sono stati riscontrati 1567 nuovi contagi su 9770 tamponi. Guarite altre 535 persone
In Puglia positivo il 25,32% dei tamponi processati. 40 i morti, record negativo In Puglia positivo il 25,32% dei tamponi processati. 40 i morti, record negativo A Giovinazzo 143 persone stanno affrontando il virus. 908 i nuovi contagiati su 3.869 test in regione. Sono guarite 313 persone nelle ultime ore
Covid in Puglia: cresce di nuovo la percentuale dei tamponi positivi Covid in Puglia: cresce di nuovo la percentuale dei tamponi positivi Sono il 19,87% del totale pari a 1327. In 363 sono guariti. 32 i morti nella domenica
Coronavirus: sono 1377 i nuovi casi in Puglia. Ma i guariti da inizio pandemia superano i diecimila Coronavirus: sono 1377 i nuovi casi in Puglia. Ma i guariti da inizio pandemia superano i diecimila Purtroppo ancora 19 decessi, due nel barese. In terapia intensiva ci sono 197 persone
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.