La Direzione Investigativa Antimafia
La Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

Operazioni "Porto" e "Pandora", stroncata l'espansione del clan Capriati a Giovinazzo

La fotografia fatta dalla Direzione Investigativa Antimafia. Ma in città resta attivo il clan Di Cosola

«Un unico sistema criminale sotto l'egida di una o più famiglie di Bari, collegato alla Società Foggiana ed alla Sacra Corona Unita, con reciproco riconoscimento quali organizzazioni autonome»: così la Direzione Investigativa Antimafia, nel suo rapporto (relativo al primo semestre del 2018) definisce la "Camorra barese".

Una relazione, quella dell'Antimafia, che fotografa lo scenario criminale nel capoluogo e nella provincia barese. A Giovinazzo, ad esempio, dove «l'espansione del clan Capriati - si legge a pagina 196 -, già operante nel Borgo Antico di Bari e nelle aree limitrofe, che aveva acquisito il controllo della piazza di spaccio su Bari Vecchia, precedentemente in capo agli Strisciuglio, è stata stroncata dagli esiti delle operazioni "Porto" e "Pandora"».

«Le indagini hanno fatto luce sull'escalation criminale del sodalizio, riorganizzato da due fratelli (nipoti del capoclan detenuto) in un'articolata struttura criminale, con collegamenti nei comuni di Bitonto, Mola, Valenzano, Giovinazzo e Putignano. Il gruppo - prosegue - si era rafforzato anche grazie al transito nelle proprie fila di sodali già appartenenti ad altre compagini criminali, dando segnali di radicamento sul territorio sempre maggiore e anche nel settore pubblico».

In particolare, l'inchiesta "Porto" ha svelato la penetrante «ingerenza della consorteria nella gestione dei servizi di viabilità del porto di Bari attraverso società compartecipate o completamente assoggettate agli interessi del clan anche attraverso l'assunzione forzata di gran parte dei dipendenti, familiari e/o persone vicine al clan», è scritto nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia.

«Si può dire dunque - si legge a pagina 196 - che ciò che davvero ha contato per... il capoclan... e per i suoi accoliti è stata l'acquisizione, la gestione e il controllo (mafiosi) di attività economiche e di imprese criminali di guisa che i legami e le alleanze delinquenziali si sono evoluti rapidamente in funzione del mutare degli obiettivi specifici e delle situazioni contingenti in cui il gruppo si trovava ad operare».

«In questo senso - è scritto ancora nel documento dell'Antimafia - anche la prassi delle fidelizzazioni ed il rispetto delle regole che ne discendono sono sembrate funzionali, non a cristallizzare la composizione e la gerarchia del clan, ma a creare relazioni verticali di fedeltà personale onde rendere più agevole al padrino il controllo dell'ambito sociale e territoriale di appartenenza e le azioni di sopraffazione ivi esercitate».

Il provvedimento, inoltre, ha evidenziato gli interessi condivisi con vari "gruppi satellite", i quali, «pur operando in apparente autonomia, restavano subordinati alle rigide regole dell'organizzazione di riferimento e dunque alle decisioni del capoclan. L'operazione "Pandora" vede, invece, coinvolto, oltre al clan Capriati, quello dei Mercante-Diomede, federato con altre consorterie (clan Parisi e Di Cosola) ed anche questo in crescita nel panorama criminale pugliese».

Ma a Giovinazzo, città dove è stata stroncata l'espansione dei Capriati, restano attivi i Di Cosola: «Il clan, fortemente indebolito dalle incisive operazioni di polizia realizzate sul territorio e dalle collaborazioni avviate da alcuni suoi elementi di vertici - è scritto - resta attivo nelle estorsioni e nello spaccio di stupefacenti».
  • Direzione Investigativa Antimafia
  • Clan Di Cosola
  • Clan Capriati Giovinazzo
  • Clan Di Cosola Giovinazzo
Altri contenuti a tema
«Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» «Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia. Che aggiunge: «Presente anche il clan Capriati»
Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne ll clan aveva assunto il controllo del servizio di assistenza e viabilità: tra i condannati Michele Arciuli
Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola L'Antimafia analizza entrambi i clan: «I Capriati hanno collegamenti in città, i Di Cosola attivi nel traffico di stupefacenti»
Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne Le richieste vanno dai 6 ai 14 anni e 8 mesi, le accuse tra le altre sono di tentato omicidio, rapina, sequestro di persona tutte aggravate dal metodo mafioso
Condannati 27 affiliati ai Di Cosola: il clan operava anche a Giovinazzo Condannati 27 affiliati ai Di Cosola: il clan operava anche a Giovinazzo L'operazione è stata denominata "Hinterland II": eseguiti 27 ordini di esecuzione pena per complessivi residui 145 anni
Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati Il processo è stato chiamato "Pandora" dagli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari
Soldi in cambio di voti: confermate le condanne a 5 affiliati al clan Di Cosola Soldi in cambio di voti: confermate le condanne a 5 affiliati al clan Di Cosola Avrebbero fermato gli elettori per strada invitandoli, con minacce e intimidazioni, a votare per Natale Mariella, non eletto
Clan Capriati: la Dda chiede condanne fino a 26 anni Clan Capriati: la Dda chiede condanne fino a 26 anni 24 gli imputati, tra questi Michele Arciuli. Per lui chiesti 24 anni di reclusione
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.