La pistola e le munizioni sequestrate dai Carabinieri
La pistola e le munizioni sequestrate dai Carabinieri
Cronaca

Nascondeva una pistola e munizioni nel suo garage. Arrestato un 36enne

Sequestrata dai Carabinieri una semi automatica Colt calibro 7.65. L'uomo è stato trasferito nel carcere di Bari

Nascondeva, avvolta in un panno, in un mobiletto del bagno di servizio del garage pertinente alla sua abitazione, una pistola semi automatica calibro 7.65 con quasi un centinaio di proiettili.

Lo hanno scoperto ieri pomeriggio a Giovinazzo i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Molfetta, che hanno arrestato un 36enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine, con l'accusa di detenzione illegale di arma clandestina e del relativo munizionamento. I militari, durante uno specifico servizio, finalizzato alla ricerca di armi, hanno eseguito diverse perquisizioni nel centro cittadino di Giovinazzo.

Nel corso di una di queste, in un garage in uso al 36enne, hanno trovato, in un mobiletto sito nel bagno di servizio, una pistola semi automatica marca Colt, provvista di matricola, non censita in Italia, perfettamente funzionante, dotata di caricatore con 3 proiettili, nonché una scatola contenente quasi un centinaio di munizioni, tutte calibro 7.65, detenute illegalmente, rinvenute nello stesso armadio.

Per tale motivo, l'uomo, che non ha saputo giustificare il possesso dell'arma e delle munizioni, è stato arrestato e, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria, è stato condotto presso la casa circondariale di Bari.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Arresti Giovinazzo
  • Armi Giovinazzo
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli» Crescono le truffe agli anziani, i Carabinieri: «Non bisogna lasciarli soli» I raggiri sono sempre più frequenti, due gli episodi registrati negli ultimi giorni. I consigli dell'Arma
Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice Nuovo comandante per la Compagnia Carabinieri: è Francesco Iodice 39 anni, originario di Capua, il capitano arriva dalla Tenenza di Melito di Napoli. Avrà competenza anche su Giovinazzo
Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Vito Ingrosso lascia la Compagnia, l'encomio di Molfetta per i suoi 5 anni d'attività Il maggiore premiato ieri dalla massima assise cittadina. Si è insediato il nuovo comandante: è il capitano Francesco Iodice
Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Spari nel cuore della notte: esplosi 3 colpi di pistola in via Piano Presa di mira la porta d'ingresso di un'abitazione al piano terra. Recuperati 3 bossoli calibro 22, indagano i Carabinieri
Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne Doveva restare a Bitonto ma girava in bici a Giovinazzo: preso 23enne I Carabinieri lo hanno arrestato dopo un inseguimento lungo la strada che congiunge i due comuni
Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Quattro i georgiani fermati dai Carabinieri: due bloccati a Bari, gli altri due a Potenza. Era chiamata la "banda della compieta"
Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Carabinieri, Dino Amato promosso Luogotenente Carica Speciale Il nuovo grado militare costituisce il ruolo apicale nella categoria degli Ispettori
Violenze sessuali e botte ai figli piccoli: il Tribunale di Bari condanna i genitori Violenze sessuali e botte ai figli piccoli: il Tribunale di Bari condanna i genitori I piccoli, di 5 e 9 anni, erano costretti a compiere e subire atti sessuali. 12 anni di reclusione al padre, 3 alla madre
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.