Raffaele Sollecito
Raffaele Sollecito
Cronaca

Meredith, Sollecito fa causa ai giudici: 3 milioni

Il giovane, definitivamente assolto dalla Cassazione, ha chiesto un risarcimento, «per aver travisato i fatti»

Raffaele Sollecito fa causa ai giudici dopo l'assoluzione per l'omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese di 22 anni, uccisa a Perugia con una coltellata il primo novembre del 2007.

Per quell'omicidio ha fatto quattro anni in carcere e ora presenta il conto ai giudici: 3 milioni. Nel 2015 Sollecito e la statunitense Amanda Knox, anche lei accusa del delitto, sono stati assolti definitivamente dalla Cassazione. Sollecito aveva avviato una richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione che a febbraio gli è stata negata.

La difesa di Raffaele Sollecito ha impugnato in Cassazione la decisione della Corte d'Appello di Firenze di respingere la richiesta di risarcimento (500mila euro) per ingiusta detenzione per i quasi quattro anni di detenzione per l'omicidio di Meredith Kercher. Delitto al quale è stato dichiarato definitivamente estraneo, come Amanda Knox.

Secondo quanto appreso dall'Ansa i legali di Sollecito, gli avvocati Giulia Bongiorno e Luca Maori, hanno chiesto l'annullamento della decisione dei giudici fiorentini. La data dell'udienza in Cassazione non è stata ancora fissata.

Nel ricorso i legali del giovane pugliese hanno sostenuto che la motivazione del rigetto della richiesta di risarcimento «sembra una sentenza di condanna». «I giudici - hanno sostenuto i legali - hanno ripreso gli argomenti della sentenza della Corte d'Appello di Firenze che condannò Sollecito e Knox senza invece tenere conto di quella della Cassazione che li assolse definitivamente evidenziando gli errori dell'indagine».

Sollecito ha citato in giudizio, in base alla legge sulla responsabilità civile dei magistrati nove tra pm, procuratori generali, gip e giudici di Corte d'Assise d'Appello chiedendo un risarcimento, «per aver travisato i fatti». La legge prevede cause «per dolo o colpa grave» e nel secondo caso è prevista la citazione anche dei giudici popolari.

Il procedimento è a Genova. L'ultima parola spetta al giudice Pietro Spera al quale è stata affidata la causa. Sarà lui a decidere se coinvolgere nella citazione anche i 12 giurati popolari della Corte d'Assise di Perugia e e della Corte d'Assise d'Appello di Firenze.
  • Raffaele Sollecito
Altri contenuti a tema
Uno speciale su Raffaele Sollecito su Crime+Investigation Uno speciale su Raffaele Sollecito su Crime+Investigation Il 28 aprile in onda alle ore 22.00 il programma curato da Alessandro Garramone ed Annalisa Reggi
Vilipendio, assolto Sollecito. I giudici: «Il fatto non sussiste» Vilipendio, assolto Sollecito. I giudici: «Il fatto non sussiste» Per il libro "Honor bound". Il pm Mignini rimette la querela per diffamazione
Risarcimento Sollecito: le motivazioni del No della Cassazione Risarcimento Sollecito: le motivazioni del No della Cassazione Secondo la Suprema Corte nella prima parte delle indagini «affermazioni menzognere e contraddittorie». Ma la Bongiorno replica: «Il sipario non cala qui»
1 La Cassazione: nessun risarcimento per Raffaele Sollecito La Cassazione: nessun risarcimento per Raffaele Sollecito Il giovane imputato assieme all'ex fidanzata Amanda Knox per il delitto di Meredith Kercher rimase detenuto per 4 anni
Raffaele Sollecito non sarà risarcito Raffaele Sollecito non sarà risarcito La richiesta per ingiusta detenzione legata al delitto Meredith
Risarcimento a Sollecito. La decisione entro 5 giorni Risarcimento a Sollecito. La decisione entro 5 giorni Il giovane ha chiesto 516.000 euro di danni per il periodo trascorso in cella
Ingiusta detenzione Sollecito: oggi la sentenza Ingiusta detenzione Sollecito: oggi la sentenza Chiesti 516.000 euro. La decisione spetta alla Corte d'Appello di Firenze
Strasburgo accoglie il ricorso della Knox contro l'Italia Strasburgo accoglie il ricorso della Knox contro l'Italia Raffaele Sollecito: «È ora che la gente cominci ad aprire gli occhi su questa vicenda»
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.