Filannino fa lezione a scuola
Filannino fa lezione a scuola
Scuola

Legalità, gli alunni dell'I.C. "Bosco-Buonarroti" a lezione dai Carabinieri

Incontro con i militari della locale Stazione e le Unità cinofile

Quando la scuola e l'istituzione, in questo caso l'Arma dei Carabinieri, si incontrano e creano progetti in sinergia, si realizzano incontri informativi e formativi molto utili per i nostri ragazzi. Una progettualità dai contenuti interessanti come il bullismo ha impegnato lunedì 11 aprile gli alunni delle classi di quinta della scuola primaria San Giovanni Bosco mentre martedì 12 si è parlato di cyber-bullismo e di legalità agli studenti della scuola secondaria di primo grado "Buonarroti ". I ragazzi e le loro insegnanti, coordinati dalle docenti Mara Spadavecchia e Rosalba Valenza, hanno partecipato ad incontri con i Carabinieri della Stazione di Giovinazzo e hanno potuto ascoltare Ruggiero Filannino, il comandante a capo della stazione cittadina della gloriosa forza armata. Nell'ambito delle iniziative connesse alla formazione della cultura della legalità, l'Arma dei Carabinieri ha proposto i due incontri formativi su queste tematiche di grande attualità sulle quali è bene dare corretta informazione e sensibilizzare le coscienze dei ragazzi.

L'INIZIATIVA SVOLTASI A SCUOLA

Il maresciallo capo ha saputo ben illustrare ai ragazzi delle classi di quinta le tematiche legate al fenomeno del bullismo, spiegando loro le sfaccettature del problema con i pericoli e i rischi ad esso collegati. Con gli alunni delle classi seconde e terze della scuola Secondaria di primo grado, presso l' Auditorium " Buonarroti", il Comandante ha trattato temi di legalità ad ampio raggio oltre il bullismo e il cyberbullismo. Ha condotto un approfondimento sulla legalità facendo riferimento ai diritti umani, alla funzione dei Carabinieri in tutti gli ambiti civili e legali; ha inoltre affrontato svariati argomenti di attualità per fare degli esempi concreti. Ha concluso il suo intervento spiegando quali sono i pericoli legati all'uso delle sostanze stupefacenti.
A questo proposito, ha fatto intervenire nella palestra della Buonarroti le Unità Cinofile che hanno proposto una vera e propria simulazione con un percorso per individuare grazie al cane Willy, un pastore tedesco sapientemente addestrato, la presenza di sostanze stupefacenti. La dimostrazione è stata seguita con vivo interesse dagli alunni e dalle alunne delle classi seconde e terze, i quali hanno risposto con un vero tripudio di ammirazione ed un caloroso applauso: hanno assistito a qualcosa di avvincente che spesso si vede nei film. Le conferenze tenute dal Comandante Filannino sono state seguite con attenzione anche dalla preside, prof. Maria Paola Scorza, che ha espresso parole di vivo apprezzamento sull'operato dei militari dell'Arma dei Carabinieri e sulla buona riuscita degli incontri. Il Maresciallo Capo Filannino ha saputo suscitare interesse e curiosità sia tra i bambini cui si è rapportato con linguaggio chiaro, adatto a un pubblico di piccoli, sia con i ragazzi con i quali si è espresso con estrema delicatezza data l'importanza degli argomenti. Ha saputo suscitare così tanto interesse che gli interventi da parte degli alunni sono stati molti. Gli alunni, divisi in gruppi nel rispetto delle norme anti-Covid, hanno vissuto un'esperienza formativa di notevole spessore. Si è trattato di un vero e proprio laboratorio nel quale è stato spiegato ai bimbi ed alle bimbe quanto sia importante il rispetto delle norme e delle regole da osservare in tutti i momenti della vita di ognuno, per far sì che si costruisca un futuro migliore fatto di buone prassi, opportunità e rispetto della vita. Questa tipologia di attività svolte nella scuola, ambiente formativo intriso di valori umani e educativi, devono incrociarsi con l'impegno e l'attenzione che in ogni famiglia vanno attivate. I ragazzi già in famiglia devono ricevere buoni esempi da interiorizzare perché loro sono semi preziosi da coltivare con cura per un futuro migliore: ecco perché alla famiglia tocca fare la sua parte.

Al Comandante Ruggero Filannino, che incarna la legalità nella nostra città, ai Carabinieri che hanno preso parte all'iniziativa e all'Arma dei Carabinieri tutta, sono giunti nelle scorse ore i ringraziamenti della comunità scolastica dell'Istituto Comprensivo "Bosco-Buonarroti " per il grande impegno e sacrificio che mettono ogni giorno per la sicurezza dei cittadini.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • I.C. Bosco-Buonarroti
Altri contenuti a tema
La caserma dei Carabinieri di Giovinazzo intitolata all'eroe Pignatelli La caserma dei Carabinieri di Giovinazzo intitolata all'eroe Pignatelli Il sindaco Sollecito ha ricordato Luciano, «fiore profumato estirpato con violenza inaudita». Tra i presenti il generale Spagnol
La caserma dei Carabinieri intitolata a Luciano Pignatelli: domani la cerimonia La caserma dei Carabinieri intitolata a Luciano Pignatelli: domani la cerimonia All'intitolazione la Fanfara del 10° Reggimento Campania e il picchetto d’onore nella tradizionale grande uniforme speciale
I Carabinieri di Giovinazzo hanno onorato la Virgo Fidelis (FOTO) I Carabinieri di Giovinazzo hanno onorato la Virgo Fidelis (FOTO) Ieri, 21 novembre, celebrazione all'interno della parrocchia San Giuseppe
8 La Stazione dei Carabinieri di Giovinazzo sarà intitolata a Luciano Pignatelli La Stazione dei Carabinieri di Giovinazzo sarà intitolata a Luciano Pignatelli Cerimonia il 2 dicembre alla presenza dei vertici provinciali
"Good & Evil", un musical nel ricordo di Rosalba Valenza "Good & Evil", un musical nel ricordo di Rosalba Valenza Coinvolto l’I.C. "Bosco-Buonarroti" di Giovinazzo
Furti a Bitonto, Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi. In azione la stessa banda? Furti a Bitonto, Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi. In azione la stessa banda? I colpi ai danni di bar, gioiellerie e tabaccherie, messi a segno quasi sempre con la stessa tecnica. Indagano i Carabinieri
Minaccia la compagna con un machete: arrestato. È tornato in libertà Minaccia la compagna con un machete: arrestato. È tornato in libertà L'uomo, di 38 anni, è stato fermato dai Carabinieri. Il Gip lo ha scarcerato perché «i fatti non appaiono riconducibili al delitto di maltrattamenti»
Inseguimento nella notte: banda di ladri inseguita per 35 chilometri Inseguimento nella notte: banda di ladri inseguita per 35 chilometri A bordo di una Golf sono riusciti a sfuggire ai Carabinieri raggiungendo folli velocità. L'inseguimento da Molfetta fino a Terlizzi
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.