Forbici parrucchieri
Forbici parrucchieri
Attualità

La zona rossa soffoca gli operatori della bellezza, Salvo Binetti: «Ci sentiamo abbandonati»

Il grido dell'hair stylist di Molfetta che interpreta il disagio di una intera categoria

Abbiamo ascoltato il grido degli ambulanti, dei ristoratori, dei commercianti. Ma non meno silenzioso è il grido degli operatori della bellezza, parrucchieri ed estetisti, tra le categorie che stanno particolarmente risentendo delle limitazioni della zona rossa. Le loro attività sono le prime a dover chiudere ogniqualvolta le maglie si restringono per l'incremento dei casi. A loro non è consentito operare, benché da sempre sostengano di essere in grado di poter lavorare in massima sicurezza, avendo adeguato le proprie strutture con ogni forma di precauzione.

A Corato questa mattina i parrucchieri hanno inscenato una protesta silenziosa, aprendo a metà le loro serrande: «un modo per ricordare a tutti che esistiamo anche noi», fa notare qualcuno. La voce però è unanime in ogni angolo della Puglia e in tutta Italia.
«Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni, ignorati. Quasi non esistessimo» lamenta Salvo Binetti che, oltre ad essere un hair stylist è un imprenditore, la cui impresa conta 24 dipendenti.

«Abbiamo adeguato i nostri spazi e le nostre attività a tutte le possibili forme di sicurezza, dopo il primo lockdown. Agiamo, da sempre, in maniera scrupolosa riservando come è importante nelle nostre attività il massimo dell'attenzione all'igiene. Lavoriamo bardati, con mascherine ed abbiamo eliminato il rischio assembramento nelle nostre strutture lavorando su appuntamento. Misuriamo la temperatura ai nostri clienti, forniamo dei kit di sicurezza ai nostri clienti, eppure siamo rimasti tra le poche categorie a non poter riprendere a lavorare e, francamente, non ne comprendiamo il motivo» continua Binetti.

La sua voce è la voce di tanti altri colleghi per i quali, è inoltre, inconcepibile il fatto che per la loro categoria non si senta parlare di ristori.

«Non abbiamo certezze, non sappiamo quando riaprire. E l'incertezza non gioca certamente un assist favorevole alle nostre attività ma anche alla nostra serenità» spiega Binetti.

«Le nostre attività meritano attenzione, meritano risposte. Quando ci è stato chiesto di fare la nostra parte l'abbiamo fatta, con responsabilità. Ora le istituzioni facciano la loro nei nostri confronti, con responsabilità» conclude.
  • Parrucchieri
Altri contenuti a tema
«Lasciateci lavorare». Parrucchieri e settore wellness a Giovinazzo in grave crisi «Lasciateci lavorare». Parrucchieri e settore wellness a Giovinazzo in grave crisi Diverse le partite IVA che si sono unite alla protesta sotto l'hashtag #ioapro
Primo giorno di riapertura: il nostro reportage da una parrucchiera (FOTO) Primo giorno di riapertura: il nostro reportage da una parrucchiera (FOTO) Regole da seguire, punti fermi, incertezze e perplessità in questa complicata seconda fase dell'emergenza sanitaria
Le linee guida di Inail e Iss per riapertura parrucchieri e centri estetici Le linee guida di Inail e Iss per riapertura parrucchieri e centri estetici La pubblicazione sul sito del Ministero della Salute. Alle Regioni il compito di recepirle
La Regione Puglia s'impegna: dal 18 maggio riapertura di parrucchieri ed estetisti La Regione Puglia s'impegna: dal 18 maggio riapertura di parrucchieri ed estetisti Si ripartirà con nuove regole. Manca l'atto formale
La lettera aperta dei parrucchieri di Giovinazzo La lettera aperta dei parrucchieri di Giovinazzo Alle loro legittime proteste e perplessità avevamo dato spazio nella diretta di lunedì scorso
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.