Strage di ulivi monumentali a Giovinazzo
Strage di ulivi monumentali a Giovinazzo
Cronaca

La mappa della criminalità: strage di ulivi monumentali a Giovinazzo

Gli ulivi di inestimabile valore sono tagliati per rivendersi la legna o rubati per abbellire le ville

I predoni delle campagne fanno razzia di olive che come diamanti andrebbero sorvegliate di notte e scortate durante i trasferimenti nei frantoi.

I mandanti dei gruppi criminali sono italiani anche se spesso si avvalgono di manodopera straniera. Depredano gli oliveti del barese, della sesta provincia, del tarantino e del foggiano. In 2/3 minuti riescono a portare via oltre 30 chilogrammi di olive ad albero, battendo gli ulivi con mazze anche di ferro per far crollare il maggior numero di prodotto, danneggiando al contempo le piante.

Le squadre di malfattori trascinano le reti sotto gli olivi a mano a mano che i complici percuotono i rami, per raccogliere il maggiore numero possibile di olive in caduta. Oltre alla perdita di reddito per il furto di olive e al danneggiamento delle piante, gli agricoltori sono costretti ad impiegare più manodopera per recuperare dal terreno parte della refurtiva che i ladri, trascinando velocemente le reti di raccolta, non riescono a portare via.

Gli agricoltori, ormai per il terzo anno consecutivo, sono vittime di un fenomeno che si sta consolidando e aggravando nel tempo. I frantoi sono costretti ad avvisare la Questura prima di far partire i camion di olio extravergine alla volta delle varie destinazioni italiane per farli scortare fino all'imbocco dell'autostrada, eppure questa è la situazione nella sesta provincia e soprattutto ad Andria, culla dell'olivicoltura pugliese.

Il fenomeno che si ripete ogni anno mette a repentaglio l'incolumità stessa degli olivicoltori, costretti a fare ronde diurne e notturne. Le forze dell'ordine hanno un territorio assai vasto da presidiare, pertanto ampie zone non sono pattugliate. Stessa sorte subiscono mandorle, uva da tavola, uva da vino, perché i gruppi criminali seguono la stagionalità delle produzioni.

Strage di ulivi monumentali nelle campagne del barese a Santo Spirito, nell'area attorno all'aeroporto di Bari e nella zona tra Bitonto, Giovinazzo, Grumo e Palo. Ogni albero garantisce circa un quintale di olive e il paradosso vergognoso della vicenda è che gli ulivi di inestimabile valore sono tagliati per rivendersi la legna o rubati per abbellire le ville.
  • Furti campagne Giovinazzo
Altri contenuti a tema
Furti a raffica di ortaggi nei campi. E scatta la prima denuncia Furti a raffica di ortaggi nei campi. E scatta la prima denuncia Ad essere bloccato un 47enne di Bitonto, beccato dalle Guardie Campestri e dalla Polizia Locale
Furti nelle campagne, l'appello di Loizzo alle forze dell'ordine Furti nelle campagne, l'appello di Loizzo alle forze dell'ordine Il presidente del Consiglio regionale: «Azioni straordinarie per frenare una sciagura»
Troppi furti in campagna: «Siamo soli, nessuno ci sta aiutando» Troppi furti in campagna: «Siamo soli, nessuno ci sta aiutando» L'allarme dei proprietari dei campi sulla strada per San Pietro Pago
Rifiuti abbandonati e furti: la strada per San Pietro Pago è "un far west" Rifiuti abbandonati e furti: la strada per San Pietro Pago è "un far west" Gli agricoltori disperati per i continui attacchi dei predoni. Nella nostra galleria le mini discariche presenti ovunque
Cavoli a ruba: ancora ladri in fuga e refurtiva recuperata Cavoli a ruba: ancora ladri in fuga e refurtiva recuperata L'episodio in località Patierno, recuperati 300 chilogrammi. È il secondo tentativo in poche ore
Coldiretti a Salvini: «Boom di furti nelle nostre campagne» Coldiretti a Salvini: «Boom di furti nelle nostre campagne» Colpita anche Giovinazzo. Il Ministro degli Interni ha assicurato un intervento nel più breve tempo possibile
Furto di mandorle sventato dalle Guardie Campestri Furto di mandorle sventato dalle Guardie Campestri L'episodio in località Macchia delle Prugne. Ladri in fuga, recuperata la refurtiva: oltre 100 chili
Furti nelle campagne, la Puglia chiama i ministri: «Più controlli» Furti nelle campagne, la Puglia chiama i ministri: «Più controlli» Emiliano: «Subito un coordinamento con le Prefetture». Coldiretti: «Serve l'Esercito»
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.