I poeti
I poeti
Eventi e cultura

“Corone de Veléne”, la poesia della Touring Juvenatium sul Coronavirus

Dieci autori hanno firmato il componimento in dialetto giovinazzese che finisce con l'invocare Maria di Corsignano

Elezioni Regionali 2020
Da sempre l'arte e la letteratura accolgono il flusso emotivo che periodi particolarmente difficili della Storia hanno suscitato nelle sensibilità più delicate. Questo è avvenuto anche per gli autori dell'associazione Touring Juvenatium (la foto è di archivio ed è meramente rappresentativa di una sola parte di loro, scattata durante la premiazione del concorso di liriche dialettali, ndr), che hanno raccolto in un unico componimento dal titolo "Corone de Veléne" i loro sentimenti legati al difficile momento della diffusione del Coronavirus e dell'isolamento che sta tenendo a casa tutta Italia.

Scritta in vernacolo da dieci poeti che hanno partecipato agli scorsi concorsi di poesia dialettale indetti dall'associazione giovinazzese, i versi sono stati concepiti all'interno di un gruppo Whatsapp che li riunisce tutti gli autori. Con l'incoraggiamento del presidente Vito Fumai, Florinda Bavaro, Pina Demartino, Antonio Labombarda, Nicola Marolla, Myriam Massari, Luigi Piscitelli, Elisa Raguseo, Rita Schino, Nunzia Stufano ed Aurelia Traficante hanno ideato ciascuno una parte agganciandosi a quanto scritto prima dal proprio collega. Il risultato è un bellissimo puzzle di immagini, angosce, ma anche desideri e speranze che ripercorrono le varie fasi di quest'ultimo mese ed interpretano lo stato d'animo dei giovinazzesi dinanzi all'infuriare della pandemia.

I quadretti evocati scorrono lungo i versi ideati dai poeti: l'iniziale sottovalutazione della situazione; la violenta diffusione nelle regioni del Nord Italia; la quarantena ed i primi canti sui balconi; l'elogio a medici e personale sanitario, la tristezza nel vedere paesi e città deserti; la stanchezza di rimanere a casa per tanti giorni; la chiusura delle scuole e la faticosa accettazione delle nuove modalità di apprendimento a distanza; l'ardente desiderio di tornare ad abbracciare i propri cari ed amici; l'invocazione finale alla Madonna di Corsignano perché protegga Giovinazzo e tutto il mondo.

Tutto questo è "Corone de Veléne": l'accorata e sincera partecipazione ad un dramma che si è abbattuto sull'umanità intera e la speranza che lo stare uniti sotto la protezione divina allontani presto il pericolo del contagio.
Vi proponiamo l'intero componimento qui di seguito:


CORONE DE VELÉNE

Oh... Ava acchemenzéte bûne stu Dumilavìnde
Pe tutte l'umanetè nu cazzotte 'mmenze a le dinde,
Jinde all'àreje ve 'ngére nu veléne
U' munne stè gè chjéine, ca accéjte le crestjéne.
Nescéune o' principie s'ha preoccupéte,
Stè a seccéte a la Cine, do nan ava arrevéte.
Acchesséje tutte s'abbrazzéne, se retrovéne a le fiste...
Ma o' Nord, saupe a le meure,
s' acchemmenzéne a vedáje le préjme manefiste.
Achjéuse jinze a le càsere, nan se sépe ce fè, pe sendisse chjéue vecéine, tutte deffore a candè.
Ogne déje ca passe
se sendéne commende e le teorie de tanda gende :"A stéte u' pipistelle, m'hanne ditte certe amésce,
mannagghie a le cinese e ci nu avìve déjsce.
'Nfermìre e Dottore,
de guardie ventiquattrore
Lore so' le chjéue esposte
E néue...aspettéme resposte.
Telegiornale a tutte l'ore
Pe sapaje accóme iè la situazione.
U' premier Conte
fatéche fin' a mezzanotte
E l'Italia achjéute
accóme pe malasorte.
U' paiése nuste pére svacandéte....
Pattuglie o' angole de le stréte.
Iè proprie na brutte infezione!
Madonne maje, dacce téue la protezione!
Se stè jnde a chése, nan se pote asséje,
tutte quanne stu sacrificie ama fè,
la saire se fésce fatèche a pegghiè u' sunne
e t'addémanne:" ma ciaite stè a seccète a cusse munne?"
Chesse quarandéne me stè a fè asséje pazze,
Co' megghjéreme ca ogne déje prepére torte e fecazze.
Nan posse scè a scappè...nan posse manghe asséje.
Stogghie sembe jnze a chése
e stogghie peure a 'ngrassè.
"Sande Necòle, ionne achjéuse tutte le scole, véte téue ciait putə fè,
néue la déje tenème ce fè ...
so chisse meninne ca schitte a scjuqué,
nan studièscene chjéue fattìzze
e rombène u' bezizze.
Peure u' prèvete nan pote déjsce la Messe come fesce solitamende,
O megghie, la déjsce senze le fedéile jnde a la chjise presende,
Ecche allore ca véne in aieute Internet,
Nepotème méie me déjsce: " la no', famme fè a maje,
ciaite stè a fè, saupe a la tastire du calcatore nan sè le méne ado l'ada mette!"
E vabbune, te vogghie sendéie,
E dope picche timbe, accàume nu sugne, appere u' prèvete saupe u' altere.
Figghja maje,
te velesse abbrazzè
Ma sacce ca nan se pote fè,
T'acchjamende da lendène
Te saléute co la méne.
Ma jnze o' core
Stè sembe tutt l'amore
Pe d'avaje ne picche de consolazione.
Candéjme 'nzjme e senéjme da tutte le balcone.
Mettéjme peure u' tricolore spannéute
Pe sendéje u' sinze de nazione ca nan se stéute.
Criste méje iè nu segne ca ne si veléute deje.
Mo' avaste u' spavinde, ca ne si dète gè assè
U' sapème ca séjme peccateure,
ma séjme sembe figghie Téue.
Oh Marie de Chersegnéne,
vine Téue a danne na méne.
Protigge tutte u munne,
nan solamende Scevenazze,
pe petéje ternè a sendéje u' callaure de nu abbrazze.
Tine lendène da néue sta corone de veléne
Ne revolgème a taje, Marie de Chersegnène.

  • Touring Juvenatium
Altri contenuti a tema
Il Gamberemo non si svolgerà: annullate tutte le manifestazioni estive della Touring Juvenatium Il Gamberemo non si svolgerà: annullate tutte le manifestazioni estive della Touring Juvenatium La decisione è dovuta all'emergenza sanitaria. Al vaglio ipotesi alternative
Pina Demartino vince il Premio di poesia dialettale della Touring Juvenatium Pina Demartino vince il Premio di poesia dialettale della Touring Juvenatium Venerdì scorso la cerimonia in Sala San Felice
La Touring Juvenatium premia le migliori poesie dialettali La Touring Juvenatium premia le migliori poesie dialettali Venerdì 13 la manifestazione in Sala San Felice
La Touring Juvenatium ha indetto il VI Concorso di Poesia dialettale La Touring Juvenatium ha indetto il VI Concorso di Poesia dialettale Il tema di quest'anno è "Arrecherdènne l'addèur e le guste de 'na volt...a Scevenazze"
Touring Juvenatium, Vito Fumai confermato presidente Touring Juvenatium, Vito Fumai confermato presidente Rinnovato in parte anche il direttivo. Il 26 ottobre l'assegnazione delle cariche
Giornate Europee del Patrimonio, aperto il Dolmen di San Silvestro Giornate Europee del Patrimonio, aperto il Dolmen di San Silvestro L'iniziativa in collaborazione tra Soprintendenza Archeologica, Pro Loco e Touring Juvenatium
1 Gamberemo 2019, la nostra fotostory Gamberemo 2019, la nostra fotostory Tutti gli scatti per raccontarvi la bellezza di una competizione decisasi nelle frazioni finali
Il 28º Gamberemo è del rione San Domenico Il 28º Gamberemo è del rione San Domenico Il successo è arrivato dopo una gara tirata. Si tratta del settimo trionfo bianconero
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.