Protesta Coldiretti
Protesta Coldiretti
Attività produttive

Cinghiali, pappagalli e Xylella che avanza: anche Giovinazzo in protesta a Bari

Ieri, 4 luglio, la grande manifestazione di Coldiretti sotto la sede della Giunta regionale

Erano migliaia ieri, 4 luglio, gli agricoltori e gli allevatori scesi in piazza con Coldiretti a Bari con centinaia di trattori contro le emergenze che mettono a repentaglio la sopravvivenza stessa dell'agricoltura pugliese, dai cinghiali che invadono campagne e città alla siccità, con la mancanza di acqua che decima i raccolti ed il cibo per i cittadini, fino alla Xylella che ha gravemente compromesso l'olivicoltura, soprattutto quella salentina e che è giunta alle porte del Barese.

Su cartelli e striscioni si legge "Noi seminiamo, i cinghiali raccolgono", "Il cinghiale campa, il campo crepa", "Chiuso per cinghiali", "No acqua no agricoltura", "Puglia assetata", "Senza acqua l'agricoltura muore", "Sos siccità", "No acqua no rigenerazione Salento", "Bonifica ai produttori", "Con campi a secco agricoltura ko", "Burocrazia fa più danni della Xylella", "Salviamo il Salento: paesaggio e turismo", mentre dietro il palco c'era una grande scritta "Città e campagna unite contro i cinghiali".
Al fianco degli agricoltori si sono schierati esponenti delle istituzioni, sindaci con i gonfaloni e cittadini preoccupati dalla presenza dei cinghiali sotto casa, ma anche delle ripercussioni sulla garanzia e sulla sicurezza del cibo alle famiglie.

Sul Lungomare Nazario Sauro hanno sfilato giovani e donne che hanno lasciato i campi e le stalle e con le loro storie testimoniano un profondo disagio per le emergenze agricole che incidono sul reddito e sul futuro stesso del loro lavoro in agricoltura. Da Giovinazzo è giunta una folta delegazione, che non ha lesinato slogan nei confronti dell'assenza di politiche lungimiranti su invasione cinghiali e pappagalli e sul capitolo siccità da parte della Regione Puglia.

Un capitolo ampio con richieste ben precise che non possono più rimanere inevase a lungo. Oltre ai giovinazzesi c'erano terlizzesi, bitontini e ruvesi, un intero comparto olivicolo e non solo che chiede di essere ascoltato. In caso di assenza di risposte concrete da Michele Emiliano e giunta, non si escludono iniziative ancora più pregnanti.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Mobilitazione Coldiretti in Puglia, produttori giovinazzesi presenti Mobilitazione Coldiretti in Puglia, produttori giovinazzesi presenti Emergenza cinghiali, siccità e Xylella i temi della protesta
Giornata dell'ambiente, in Puglia a rischio desertificazione il 57% del territorio Giornata dell'ambiente, in Puglia a rischio desertificazione il 57% del territorio L'allarme lanciato da Coldiretti
Il grano recupera altri 10 euro a tonnellata Il grano recupera altri 10 euro a tonnellata Da Coldiretti contrasto alla proposta UE di introdurre dazi per quello dalla Russia
Coldiretti Impresa Pesca: «Sì a tutela del mare, no a follie "green"» Coldiretti Impresa Pesca: «Sì a tutela del mare, no a follie "green"» La nota completa sulle restrizioni imposte dell'UE
Continua la caduta del prezzo del grano italiano Continua la caduta del prezzo del grano italiano La denuncia di Coldiretti Puglia
Siccità, scende ancora l'acqua negli invasi pugliesi Siccità, scende ancora l'acqua negli invasi pugliesi L'allarme lanciato da Coldiretti
Fermo biologico, Coldiretti: «Indennizzi subito per 200 pescatori subacquei» Fermo biologico, Coldiretti: «Indennizzi subito per 200 pescatori subacquei» Vanno però intensificati i controlli per la pesca abusiva ed indiscriminata con regole più certe circa la produzione e la vendita di polpa di riccio
Coldiretti: «Volano prezzi cibo, ma ai contadini il 10,4% in meno» Coldiretti: «Volano prezzi cibo, ma ai contadini il 10,4% in meno» La cruda analisi sulla base alle quotazioni dell’indice Fao nel gennaio 2024
© 2001-2024 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.