Un benzinaio
Un benzinaio
Attualità

Benzinai di tre sigle sul piede di guerra

L'idea è quella di chiudere gli impianti di rifornimenti della rete autostradale

Gli impianti di rifornimento carburanti della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali, potrebbero cominciare a chiudere da mercoledì.
Lo annunciano in una nota riportata dall'Ansa Faib (Confesercenti), Fegica (Cisl), Figisc/Anisa (Confcommercio).

«Correremo il rischio dell'impopolarità e dei facili strali lanciati da comode poltrone, - proseguono le tre sigle - ma davvero non abbiamo né voglia, né la forza per spiegare o convincere delle solari ragioni che ci sostengono. Chi volesse approfondire può chiedere conto a Governo, concessionari autostradali, compagnie petrolifere e retisti indipendenti: a ciascuno di essi compete fare per intero la propria parte se si vuole assicurare la distribuzione di benzina e gasolio.

In un Paese che, malgrado i limiti strutturali e l'assoluta drammaticità della situazione, cerca e spesso trova il modo per far scattare meccanismi di solidarietà
- si legge ancora -, c'è una categoria di persone, oltre 100.000 in tutta Italia, che, senza alcuna menzione, ha finora assicurato, senza alcun sostegno né di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata, il pubblico servizio essenziale di distribuzione di energia e carburanti per il trasporto di beni e persone. 100.000 persone che hanno continuato a fare il loro lavoro (ridotto mediamente dell'85%) a rischio della propria incolumità e mettendo in pericolo la propria salute, presidiando fisicamente il territorio, rimanendo dove sono sempre state e dove ogni cittadino di questo Paese è abituato a trovarle ogni giorno, vale a dire in mezzo alla strada».

Rivendicazioni che speriamo servano ad un confronto con il Governo e che non portino ad azioni serie in un momento così duro per il nostro Paese.
  • Benzinai
Altri contenuti a tema
Benzinai, Premier Conte: «Sindacati responsabili. Mi auguro nessuno sciopero» Benzinai, Premier Conte: «Sindacati responsabili. Mi auguro nessuno sciopero» Il Presidente del Consiglio: «Stiamo facendo aggiustamenti, ma il Paese non se lo può permettere»
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.