La sera dell'inaugurazione. <span>Foto Gianluca Battista</span>
La sera dell'inaugurazione. Foto Gianluca Battista
Eventi e cultura

"Ave Mater Dolorosa", è l'ultima domenica per visitare la mostra iconografica

Apertura alla chiesa del Carmine dalle 18.30 alle 22.00

Sarà questa l'ultima domenica di apertura per la mostra iconografica "Ave Mater Dolorosa", in corso di svolgimento dal 16 marzo scorso nella chiesa del Carmine, in via Cattedrale. La mostra è curata da Saverio Amorisco, coadiuvato nel suo eccellente lavoro di ricerca dal Museo Diocesano di Molfetta, dalla Confraternita della Madonna degli Angeli e dall'Arciconfraternita di Maria SS del Carmine.

A Giovinazzo sono giunte migliaia di persone per visitarla, soprattutto nei fine settimana, rapiti dalla struggente bellezza non solo della campane votive di vetro, ma anche le stupende statue presenti.

Imponente la Pietà settecentesca di Carlo Cinzio Altieri della Confraternita della Madonna degli Angeli, che centralmente attira il visitatore, ma non da meno è l'Addolorata del buddista Jusana Hopas, realizzata in terracotta policroma, con occhi di cristallo, manichino con gabbia in mogano e l'abito ricamato a filo d'oro in moirè nero.

Tra le campane in vetro, tipiche della devozione a queste latitudini e quasi tutte ottocentesche, ci sono opere provenienti da Trani, Bari e San Ferdinando di Puglia. Di particolare pregio una Vergine Addolorata di proprietà di don Benedetto Fiorentino, ex pedagogo e parroco della Concattedrale di Santa Maria Assunta, deceduto l'anno scorso, e un Compianto su Cristo morto in cera policroma giunta da Trinitapoli.

E non mancano nemmeno due Addolorate a stampa, una su tela e l'altra su carta, databili tra la fine dell''800 e gli inizi del '900 del secolo scorso. Nel primo caso si tratta di un'opera custodita nella parrocchia di Sant'Agostino a Giovinazzo, nel secondo di un pezzo di una collezione privata.

La chicca è forse l'abito degli inizi del XX secolo appartenente alla Confraternita di Maria SS della Purificazione, che cura proprio la processione del venerdì di Passione. È in seta nera con un ricamo ricco in filo d'argento e bordatura dei manicotti e del collo in pizzo bianco.

Di manifattura leccese è invece l'Addolorata di proprietà di Davide Corriero, che è giunta a Giovinazzo da Modugno. Si tratta di un'opera di manifattura leccese, realizzata con cartapesta e terracotta policroma. Particolare è il manichino con gabbia in legno di noce.

La mostra resterà aperta ancora durante la Settimana Santa, tutte le sere dalle 18.30 alle 22.00, e chiuderà i battenti sabato prossimo, 20 aprile. Tempo permettendo, questa mostra realmente iconografica, va visitata, poiché è capace di racchiudere in sé più stili ed ambiti artistici, con grande attenzione dei curatori alla tradizione popolare, di fondamentale importanza per comprenderne contesto e genesi.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Museo Diocesano
  • Arciconfraternita Maria SS del Carmine
  • Chiesa del Carmine
  • Saverio Amorisco
  • Confraternita Madonna degli Angeli
  • Ave Mater Dolorosa
Altri contenuti a tema
Il palco e l'addobbo per San Nicola preparati da Saverio Amorisco Il palco e l'addobbo per San Nicola preparati da Saverio Amorisco Emozione per l'artista giovinazzese, scelto dopo accurata selezione
Giovinazzo celebra la solennità di San Biagio Giovinazzo celebra la solennità di San Biagio Il programma completo delle celebrazioni liturgiche
Il 3 febbraio Giovinazzo festeggia San Biagio Il 3 febbraio Giovinazzo festeggia San Biagio Tutto il programma liturgico varato dall'Arciconfraternita di Maria SS del Carmine
I Vogatori Giovinazzo piangono Saverio Amorisco I Vogatori Giovinazzo piangono Saverio Amorisco Lutto nel mondo della voga. Francesco Cervone: «Se ne va un leader silenzioso»
Torna la musica sacra al Museo Diocesano Torna la musica sacra al Museo Diocesano Uno stage a cura di Giovannangelo De Gennaro su Ildegarda di Bingen
Shock nel borgo antico: materassi e parti di divano abbandonati davanti alla Chiesa del Carmine Shock nel borgo antico: materassi e parti di divano abbandonati davanti alla Chiesa del Carmine Il fatto si è ripetuto per alcune sere
"La Confraternita del Carmine di Giovinazzo": Diego de Ceglia presenta il suo saggio "La Confraternita del Carmine di Giovinazzo": Diego de Ceglia presenta il suo saggio Sabato 11 settembre, alle 19.00, in piazza Benedettine
Giovinazzo in festa per San Francesco da Paola: il programma odierno Giovinazzo in festa per San Francesco da Paola: il programma odierno Solenne celebrazione in piazza Benedettine
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.