Xylella
Xylella
Attività produttive

Avanza la Xylella: le proposte di Gennaro Sicolo

Si punta a sensibilizzare ulteriormente gli agricoltori, coinvolgendo i comuni. Importanti le arature obbligatorie ed trattamenti fitosanitari

Per fermare l'avanzata della Xylella, il Presidente della OP Oliveti Terra di Bari, il bitontino Gennaro Sicolo, ha proposto all'Assessore regionale all'Agricoltura, Donato Pentassuglia, e al Presidente della Commissione Agricoltura in seno al Consiglio regionale, Francesco Paolicelli, di coinvolgere i comuni (a Giovinazzo nel 2019 c'erano stati alcuni incontri tra esperti e coltivatori promossi dall'Assessorato alle Attività Produttive), sensibilizzare gli agricoltori e di rendere obbligatorie arature e trattamenti fitosanitari, entro il 30 aprile.

Infatti, marzo e aprire saranno i mesi decisivi per evitare che la sputacchina avanzi nei campi bruciando quel che resta dell'olivicoltura pugliese e colpendo il polmone olivicolo nazionale nelle province di Bari e Bat. Per questo motivo, Sicolo ha chiesto la convocazione di un tavolo operativo per poter programmare tutti gli interventi necessari per provare a fermare il contagio.

«Ho apprezzato l'impegno del nuovo assessore Pentassuglia, ma bisogna passare dalle parole ai fatti utilizzando queste settimane che ci separano all'inizio della primavera per prepararci a contrastare l'insetto vettore di questo maledetto batterio - ha spiegato Gennaro Sicolo - Abbiamo il dovere di costruire un fronte unito, con i sindaci e le aziende agricole, per provare ad arginare la pandemia che sta distruggendo millenni di storia e di economia».

«I Sindaci devono immediatamente attivarsi, attraverso apposite ordinanze, per pulire le aree di pertinenza comunale incolte e per sanzionare tutti gli agricoltori che non lavorano adeguatamente i campi -
ha continuato il Presidente Sicolo -. I comuni, ai sensi del decreto legislativo 228/2001, possono stipulare rapidamente convenzioni con le aziende per consentire ai veri agricoltori, in cambio di sgravi sulle tariffe comunali o piccole concessioni amministrative, di curare tutti i terreni pubblici, degli hobbisti e di chi non ha a cuore il futuro della nostra terra. Allo stesso tempo, gli agricoltori non possono tirarsi indietro e devono fare la propria parte: per tutti i furbetti, per tutte quelle aziende agricole che intascano i contributi Pac ma lasciano abbandonati i terreni, chiedo di eliminare il sostegno pubblico», ha rimarcato infine il Presidente della OP Oliveti Terra di Bari.
  • Gennaro Sicolo
  • Xylella fastidiosa
Altri contenuti a tema
"Speciale Xylella" stasera sulla pagina Facebook di PrimaVera Alternativa "Speciale Xylella" stasera sulla pagina Facebook di PrimaVera Alternativa Alle 19.00 nuovo appuntamento con "Primavera in Diretta"
Xylella, Sicolo: «Istituzioni intervengano per salvare il più grande patrimonio olivicolo mondiale» Xylella, Sicolo: «Istituzioni intervengano per salvare il più grande patrimonio olivicolo mondiale» Oliveti Terra di Bari chiede chiarezza ed azione per contrastare il focolaio nella Bat
Xylella nella Bat, Coldiretti Puglia mette sotto accusa le barriere "colabrodo" Xylella nella Bat, Coldiretti Puglia mette sotto accusa le barriere "colabrodo" Apprensione nel comparto olivicolo giovinazzese e di tutto il nord barese dopo il caso in un vivaio di Canosa
Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Giovinazzo Xylella, focolaio in un vivaio di Canosa. In allerta il comparto olivicolo di Giovinazzo Spagnoletti Zeuli: «Si può circoscrivere, Regione Puglia non perda tempo»
Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri. In allarme il comparto olivicolo giovinazzese Xylella, la sputtachina percorre fino a 400 metri. In allarme il comparto olivicolo giovinazzese Il risultato di uno studio condotto dalle Università di Torino e di Brescia, dal CRSFA di Locorotondo e dall'IPSP del CNR di Bari e Torino
Xylella, partito il monitoraggio ARIF nell'agro di Giovinazzo Xylella, partito il monitoraggio ARIF nell'agro di Giovinazzo Depalma: «Il comparto agroalimentare filiera portante della nostra economia»
La Xylella sfonda i confini del Salento ed arriva nel barese La Xylella sfonda i confini del Salento ed arriva nel barese Cinque ulivi infetti a Locorotondo. Coldiretti accusa l'Unione Europea
300 milioni per la Xylella, Galizia ed i deputati 5 Stelle soddisfatti 300 milioni per la Xylella, Galizia ed i deputati 5 Stelle soddisfatti L'intero comparto olivicolo del Nord barese in ansia per il diffondersi dell'infezione fino alle porte di Monopoli e sul versante ionico pugliese
© 2001-2021 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.