Il divano abbandonato. <span>Foto Gabriella Serrone</span>
Il divano abbandonato. Foto Gabriella Serrone

Abbandonano divano in II Traversa Marconi

Protagonisti forse dei minorenni

Un nuovo increscioso episodio di inciviltà si è consumato nella quasi totale indifferenza ieri pomeriggio, intorno alle ore 16.00, in II Traversa di via Marconi.

Un gruppetto di ragazzi, forse minorenni, ha abbandonato un intero divano smembrato nei pressi di un'isola ecologica, quasi al confine con il cavalcafferrovia di via Daconto. La scena però non è passata inosservata né ad alcuni abitanti del quartiere né ai nostri obiettivi. La foto che vedete pubblicata è il risultato di un altro gesto frutto certamente di ignoranza, nel senso letterale della parola. Non si conoscono le norme base della decenza urbana oppure si ignorano gli effetti devastanti del proprio gesto.

Il gruppuscolo pare, secondo le testimonianze raccolte, sia uso trattenersi all'interno di un locale a piano terra di una traversa di piazza Stallone. Non abbiamo approfondito ulteriormente, ma la cosa appare plausibile. I "locali", come li chiamano in gergo dialettale, restano un modo per aggregarsi, ma spesso alcune azioni sfuggono al controllo degli adulti.

Colpisce che a perpetrare gesti simili (abbiamo la quasi totale certezza) siano stati ragazzi in età scolare, che potrebbero tranquillamente essere tra quelli impegnati spesso in progetti sull'ambiente con cui altrettanto spesso ci riempiamo la bocca e le pagine dei media. Poi, però, la realtà è un'altra.

"Guarda se passano le macchine" , avrebbe detto uno di loro rivolto ad un amico, conscio che quanto facevano non era secondo le regole del vivere civile.

Abbiamo scritto subito al primo cittadino, Tommaso Depalma, inviando le foto ed esortandolo a far sì che la Polizia Municipale vigili sull'area e trovi i responsabili. Il Sindaco ci ha assicurato di aver inviato una volante a verificare la situazione.

Un passaggio non da poco in un momento in cui si fa tanto parlare di porta o porta, ritardi ed ecotassa. Dare un corretto esempio diviene fondamentale. Prendendo coscienza della strada che c'è ancora da percorrere sul piano di una corretta educazione civica, magari la si smetterà di puntare il dito solo contro chi viene da fuori e si inizierà a fare i conti con quella (sporca) di tanti giovinazzesi. Maggiorenni e non.
  • rifiuti
Altri contenuti a tema
Rifiuti nelle campagne, la proposta dei Sindaci di Italia in Comune Rifiuti nelle campagne, la proposta dei Sindaci di Italia in Comune Depalma: «I fondi per la pulizia non bastano. Chiediamo serie misure di vigilanza»
I candidati di Potere al Popolo: «Ci vuole controllo popolare sui rifiuti» I candidati di Potere al Popolo: «Ci vuole controllo popolare sui rifiuti» Recanati, De Candia e Zanna dicono la loro su un tema sempre attuale per i giovinazzesi
Cola Olidda sempre più pattumiera di Giovinazzo e Molfetta Cola Olidda sempre più pattumiera di Giovinazzo e Molfetta La segnalazione fotografica di un nostro lettore è inequivocabile
Aperta fino a domani la mostra "Discarichiamoci" Aperta fino a domani la mostra "Discarichiamoci" Alla Cittadella della Cultura è visitabile dalle 15.00 alle 18.00 e fino alle 12.00 di venerdì
Oggi va in scena l'ecomaratona "Piantala! Fai la differenziata!" Oggi va in scena l'ecomaratona "Piantala! Fai la differenziata!" Appuntamento alle ore 9.00 ai piedi di Palazzo di Città
Vi stanno prendendo in giro tutti! Vi stanno prendendo in giro tutti! Cassetti, reti da letto, televisori e materassi buttati in IV Traversa Marconi. Ma nessuno fa nulla
Differenziata, il Comitato "Per la Salute Pubblica" punge Depalma Differenziata, il Comitato "Per la Salute Pubblica" punge Depalma Sotto accusa i ritardi nella partenza del servizio porta a porta
Quei cassonetti così pericolosi Quei cassonetti così pericolosi In via Marconi l'ennesimo esempio di contenitori non a norma
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.