Il Commento

Diamo più spazio ai nostri gioielli

Pochi i monumenti fruibili a Pasquetta

Giovinazzo meta turistica?

La domanda sorge spontanea soprattutto in giornate come la Pasquetta o Lunedì dell'Angelo che dir si voglia. Era possibile prenotare le visite guidate al Dolmen di San Silvestro, ma in pochi hanno preso quella via, perché poco era stato fatto per la comunicazione. Quanto alla chiesetta del "Padre Eterno", in attesa che si metta in moto il buon cuore di qualche sacerdote del clero locale, l'apertura (costante!) appare un miraggio, nonostante l'invito inequivocabile di Monsignor Luigi Martella ad aprire i nostri scrigni, a farne godere la bellezza e la loro immensa spiritualità. Speriamo il miraggio non sia tale e ci porti ad una data ormai prossima, come i bene informati ci hanno raccontato.

Le chiesette confraternali del centro storico, invece, hanno preso vita nel pomeriggio quando, scongiurata una pioggia battente, diversi visitatori sono giunti dai comuni limitrofi, nonostante un vento fastidioso. Non è certo il turismo d'élite da più parti invocato, ma uno sguardo distratto alle nostre bellezze architettoniche è stato buttato qua e là. In questi casi, lo si sa bene, la gioia è tutta di qualche commerciante. C'è poi chi ha deciso di aprire dopo le ore 20.00, in sostanza quando non era più il caso di farlo visto che in tanti stavano già lasciando la nostra cittadina (tedeschi compresi, gabbati almeno in un paio di circostanze).

Restiamo in buona sostanza un paese provinciale da questo punto di vista: si può prenotare la visita al Dolmen ma i turisti si lamentano della difficoltà a reperire informazioni. Il "San Felice in Cattedra", gioiello del Lotto di livello mondiale, è visitabile quasi esclusivamente negli orari delle celebrazioni a San Domenico, mentre palazzi e chiesette del borgo antico restano sotto chiave, sconosciuti ai più ed aperti spesso solo grazie a "stimoli" esterni. E ce ne sarebbero di cose che non vanno, come i nostri uliveti (anch'essi patrimonio sebbene d'altra natura) insozzati da plasticame e bottiglie, come se la Pasquetta fosse da onorare dedicandola solo al Dio pagano che incarna al meglio il verbo gozzovigliare.

Questo weekend, pur non accompagnato da un meteo favorevole, era il primo banco di prova. Abbiamo amministratori giovani e capaci nel settore: minori divisioni, più concretezza e dare loro ascolto per una programmazione articolata che butti finalmente a mare particolarismi, finti esperti di questo o quello senza alcuna competenza e col vizietto dell'autoreferenzialità e settarismo (ciò che faccio io è meglio di quanto faccia tu...). Questa la ricetta semplice per lanciare finalmente l'economia giovinazzese legata al turismo, all'arte ed all'enogastronomia. "Basta poco, che ce vo'?" diceva il comico Giobbe Covatta, in una pubblicità progresso per una Onlus internazionale.

Ecco, basta davvero poco e già in inverno la strada sembrava tracciata con una serie di iniziative che coniugavano gli sforzi della politica, con quelli dell'associazionismo e del volontariato: competenza, idee chiare e lineari sono gli ingredienti giusti per programmare al meglio la valorizzazione di un territorio. E se se ne saprà far tesoro, potremmo divenire finalmente una meta turistica ambita da chi davvero ha il piacere di conoscere la nostra terra, la nostra Storia, assaporandone il gusto profondo che sa d'antico.
  • Assessorato alla Cultura
  • Pasquetta 2015
Altri contenuti a tema
Tutti gli appuntamenti di settembre dell'Estate Giovinazzese Tutti gli appuntamenti di settembre dell'Estate Giovinazzese Il Comune ha reso noto il programma
Rinviato lo spettacolo per i più piccoli in piazzale Leichardt Rinviato lo spettacolo per i più piccoli in piazzale Leichardt L'annuncio del Comune di Giovinazzo
Stasera a Giovinazzo la tappa del Festival "Del racconto, il film" Stasera a Giovinazzo la tappa del Festival "Del racconto, il film" L'appuntamento è fissato per le 19.00 in piazzale Aeronautica Militare
Giovinazzo omaggia Dante Alighieri a 700 anni dalla morte Giovinazzo omaggia Dante Alighieri a 700 anni dalla morte "Lectura Dantis-L’Amor che move il sole e l’altre stelle" è l'evento organizzato dall'Associazione Culturaly con il patrocinio del Comune
"Indovina chi viene a (s)Cena", il teatro nelle case dei giovinazzesi "Indovina chi viene a (s)Cena", il teatro nelle case dei giovinazzesi Iniziativa del Comune di Giovinazzo e del Teatro Pubblico Pugliese. Si inizia il prossimo 6 marzo col Teatro Odeion. Ecco come partecipare
Cristina Piscitelli su Capitale italiana Cultura: «Lavoro di programmazione è una sfida per il futuro» Cristina Piscitelli su Capitale italiana Cultura: «Lavoro di programmazione è una sfida per il futuro» Svanito il sogno dell'Area Metropolitana di Bari, Giovinazzo si lecca le ferite e rilancia
Giovinazzo in musica e versi: gli appuntamenti di questo sabato Giovinazzo in musica e versi: gli appuntamenti di questo sabato Seconda serata della Notte Bianca della Poesia. Ed a Levante c'è un appuntamento tutto da gustare
“Giovinazzo, la bellezza e il suo grande cuore”, la solidarietà diventa musica      “Giovinazzo, la bellezza e il suo grande cuore”, la solidarietà diventa musica      Sabato 5 settembre alle 20,30 in piazzale Aeronautica Militare con Marco Armani, Davide De Marinis, Gianni Donzelli degli Audio2 e Mudra
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.