Una tenda
Una tenda
Il Commento

Ancora una volta l'altra faccia della Festa Patronale

Perché non realizzare un ostello per l’accoglienza dei migranti?

A distanza di poco più di una settimana dall'ultima edizione dei festeggiamenti in onore di Maria SS. di Corsignano (e di un anno dalla nostra ultima riflessione) rilanciamo l'attenzione su una tematica che a noi sta particolarmente a cuore: l'assenza, proprio nei giorni della Festa Patronale, di un ostello per l'accoglienza dei migranti che girano per le fiere e le feste di paese come ambulanti.

Molfetta, ad esempio, sin dal 2013 si è dimostrata per la prima volta vicina ai bisogni dei migranti che popolano la città per le tradizionali bancarelle. La precedente amministrazione comunale, infatti, ha messo a disposizione nei giorni del loro soggiorno, in forma completamente gratuita, un ostello dell'accoglienza: una tensostruttura attrezzata con servizi quali lettini dove passare la notte, bagni, docce e un fasciatoio per il cambio dei neonati.

Un'area di accoglienza che serve a tutelare la dignità di queste persone ed al tempo stesso ad evitare forme di accampamento di fortuna e bivacco nelle aiuole di via Papa Giovanni XXIII, nei pressi della zona C2.

È questa la strada da seguire, affinché anche "a Giovinazzo nessuno possa essere definito straniero" secondo il messaggio che dovrebbe accompagnare l'accoglienza di chiunque arrivi in città con le proprie bancarelle per la Festa Patronale di Maria SS. di Corsignano.

Questo a Levante. A Ponente, invece, proprio nei giorni dei festeggiamenti patronali, si pensi a controllare in maniera accurata la posizione dei numerosi giostrai che, sistematisi su un suolo privato e non nella classica location pubblica dell'area mercatale del rione 167, possono creare enormi disagi.

Non è più possibile tollerare lo squallore e l'anarchia che si protraggono nella città per tre giorni, senza il minimo senso civico e senza che nessuno fermi lo scempio.

Impianti elettrici volanti, carenza assoluta di servizi igienici, assenza ingiustificata di bagni chimici, gruppi elettrogeni in continua attività con un'insopportabile inquinamento, orari di apertura e chiusura delle attrazioni dilatati ben oltre il limite consentito (con annessi decibel), bivacchi improvvisati.

Ed ancora: accampamenti abusivi, distanza non rispettata dai luoghi sensibili come le caserme delle forze di polizia, mancanza di idranti per le emergenze e vendita di bevande fuori orario e soprattutto in bottiglie di vetro, poi vergognosamente smaltite nelle aiuole.

E tutto ciò ha offerto, anche quest'anno, uno spettacolo peggiore di un campo-profughi. Non si può continuare ad alzare bandiera bianca o a disinteressarsi, una volta di più, di fronte all'inciviltà dilagante e ad una sostanziale deregulation.
  • Luna Park Giovinazzo
  • Festa Patronale Maria SS di Corsignano
Altri contenuti a tema
Gaetano Dagostino confermato alla guida del Comitato Feste Patronali Gaetano Dagostino confermato alla guida del Comitato Feste Patronali Un post apparso su Facebook ha dato la conferma ufficiale dell'incarico ricevuto da Mons. Domenico Cornacchia
Festa Patronale 2018: i conti tornano Festa Patronale 2018: i conti tornano Ieri sera la conferenza stampa di presentazione del Bilancio consuntivo. E ci sono già le prime novità per l'edizione 2019
Quanto è costata la Festa Patronale? Oggi conferenza stampa per il bilancio Quanto è costata la Festa Patronale? Oggi conferenza stampa per il bilancio Appuntamento alle ore 20.00 nella sede del Comitato Feste
La bimba ferita al Luna Park è tornata a casa La bimba ferita al Luna Park è tornata a casa Depalma: «Ringrazio la nostra Protettrice»
1 Festa Patronale 2018: l'intervista a Gaetano Dagostino Festa Patronale 2018: l'intervista a Gaetano Dagostino Chiacchierata informale con il presidente del Comitato Feste Patronali per fare il punto su quanto successo e guardare al futuro prossimo
2 È stata la Festa Patronale di tutti È stata la Festa Patronale di tutti Centralità delle celebrazioni liturgiche e programma sobrio. Ecco perché il Comitato Feste ha fatto centro
Incidente al Luna Park, il Sindaco: «Fiducia nei Carabinieri» Incidente al Luna Park, il Sindaco: «Fiducia nei Carabinieri» Aperta l'indagine dopo il ferimento di una bimba per un tirante staccatosi da una ruota panoramica. La piccola sta meglio
Cristiani sì, ma con ritmo Cristiani sì, ma con ritmo La Dio lo vuole Band ha chiuso la Festa Patronale 2018 con il suo vasto repertorio pop-rock
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.