Il Commento

Angelo Depalma: una vita di servizio

Il sorriso lo ha accompagnato fino all’ultimo

La porta del suo ufficio di Presidente del Consiglio comunale era sempre aperta. Fisicamente aperta. A tutti. E in quell'ufficio ne abbiamo fatte di chiacchierate.

Parlavamo di politica, dai massimi sistemi alle piccole cose quotidiane che coinvolgevano l'operato dell'amministrazione comunale, delle dinamiche che determinano la politica nazionale e internazionale. Parlavamo di letteratura e di cultura in generale, con chiavi di lettura sempre diverse, senza dare mai nulla per scontato. Mi raccontava delle sue esperienze in Francia, degli autori, dei filosofi, che hanno contribuito alla sua formazione, di viaggi di istruzione come accompagnatore di classi scolastiche.

Gli raccontavo dei miei esperienze in giro per il mondo tra popoli «esotici» e tribù. Non mi raccontava della sua fede, quella emergeva in ogni sua parola e in ogni sua azione. Gli raccontavo per contro di come altri popoli, quelli che avevo conosciuto viaggiando, vivevano la loro fede. Qualunque essa fosse. Per Angelo era importante capire e sapere anche questo. Dopo la sua esperienza da Presidente del Consiglio aveva deciso di lasciare ad altri l'agone politico. Per molti sarebbe stato il sindaco ideale.

«È tempo che siano i giovani ad impegnarsi», diceva con il sorriso sulle labbra, declinando l'invito che da più parti gli arrivava a continuare con il suo impegno di amministratore pubblico. Non sapeva ancora della gravità della sua malattia. Una malattia che poi ha combattuto con serenità, con dignità e con forza fino all'ultimo girono. «Fin che sto in piedi sto bene» ripeteva. E lo diceva anche a chi come lui lottava per la sua salute.

Quanta tenerezza nel vederlo confrontarsi con chi era colpito dallo stesso male, confortare e confortarsi. Parlare del suo male quasi in terza persona. Lui che aveva perso la moglie solo pochi anni addietro e sua madre qualche mese fa. Le sue uscite erano diventate più rare negli ultimi tempi. Vederlo in quelle occasioni era sempre un piacere. E tutte le volte non esitava a chiedermi dello stato di salute dei miei genitori, quasi che il loro benessere fosse il suo benessere.

Questo è stato Angelo. Questo è ancora Angelo. Un Uomo che avrebbe potuto insegnare ancora molto a tanti.

(Mino Ciocia)
  • Angelo Depalma
Altri contenuti a tema
Angelo Depalma ci ha lasciati. Abbiamo perso tutti Angelo Depalma ci ha lasciati. Abbiamo perso tutti Il cittadino giovinazzese ammalato di Sla si è spento qualche ora fa
Il 29 agosto tutti in piazzale Aeronautica Militare per Angelo Depalma Il 29 agosto tutti in piazzale Aeronautica Militare per Angelo Depalma La serata organizzata dal Comitato che ne sostiene la causa
Raccolta fondi per Angelo Depalma: on line qualcuno tenta la truffa? Raccolta fondi per Angelo Depalma: on line qualcuno tenta la truffa? Dal Comitato ribadiscono: «Versamenti solo con bonifico o con ricevuta. Non cadete nella trappola»
I Vogatori "Massimo Cervone" al fianco di Angelo Depalma I Vogatori "Massimo Cervone" al fianco di Angelo Depalma Ieri la visita a casa e la promessa: «Lo porteremo in barca con noi»
Tutti per Angelo Depalma: nasce un comitato per sostenerne la battaglia Tutti per Angelo Depalma: nasce un comitato per sostenerne la battaglia Continua intanto la raccolta fondi per un montascale che gli permetta di uscire di casa
“Luci & Voci”, una serata di poesia e musica per aiutare Angelo “Luci & Voci”, una serata di poesia e musica per aiutare Angelo La quarta edizione della rassegna targata Anghellein servirà ad acquistare un montascale
La storia di Angelo commuove tutti. Inter Club e cittadini raccolgono fondi per un montascale La storia di Angelo commuove tutti. Inter Club e cittadini raccolgono fondi per un montascale Depalma: «Uniti si vince, una grande squadra al nostro fianco»
1 L'hockey italiano sempre più in crisi: l'AFP stacca la spina L'hockey italiano sempre più in crisi: l'AFP stacca la spina Il club di Dino Camporeale getta la spugna e rinuncia alla serie A2. Resta il vivaio
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.