Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Soldi per pilotare le indagini sul clan Di Cosola: condannati in 4

Condanne a pene comprese tra i 13 anni e 4 mesi e 6 anni di carcere. Tra gli imputati l'appuntato Salerno: 10 anni

Tutti condannati gli imputati che hanno scelto il rito abbreviato. A quasi due anni dal terremoto che si è abbattuto sulla locale Stazione dei Carabinieri, la giudice dell'udienza preliminare del Tribunale, Valeria Isabella Valenzi, ha condannato a pene comprese tra i 13 anni e 4 mesi e i 6 anni di reclusione quattro imputati.

Secondo l'indagine dei colleghi del Nucleo Investigativo, coordinata dai pubblici ministeri antimafia Federico Perrone Capano e Domenico Minardi, l'appuntato scelto Antonio Salerno (condannato a 10 anni di reclusione) ed il parigrado Domenico Laforgia (a processo separatamente col rito ordinario) per anni avrebbero agevolato il clan Di Cosola fornendo informazioni su attività, indagini in corso, turni di servizio e sui controlli da svolgere verso gli affiliati al clan ai domiciliari.

Stando alla ricostruzione, in almeno tre casi avrebbero procurato documenti informatici e cartacei con registrazioni e verbali di dichiarazioni rese da collaboratori di giustizia. In cambio avrebbero «ricevuto denaro e altre utilità per omettere oppure ritardare atti del proprio ufficio e per compiere atti contrari ai doveri di uffici al fine di agevolare il clan Di Cosola». Tenere a busta paga i due militari dal 2012 al 2018, sarebbe costato complessivamente 400mila euro oltre a vari regali.

L'inchiesta, il 17 giugno 2020, portò all'arresto dei due militari, di Gerardo Giotti, un commerciante del posto, e di un pregiudicato affiliato al clan Di Cosola, Mario Del Vecchio, tutti tuttora detenuti, i primi tre ai domiciliari presso le loro abitazioni, mentre Del Vecchio nel carcere Badu 'e Carros, l'istituto di massima sicurezza di Nuoro. Proprio Del Vecchio, per gli inquirenti il referente del gruppo nella cittadina barese, è stato condannato alla pena più alta: 13 anni e 4 mesi di carcere.

Giotti, invece, ritenuto dagli investigatori il gancio tra il sodalizio criminale legato ai Di Cosola e i due militari arrestati, dovrà scontare la pena di 7 anni e 8 mesi di reclusione. Per Del Vecchio l'accusa aveva chiesto 14 anni, per Giotti 9 anni. Nel processo era imputato anche Michele Giangaspero, uomo del clan poi divenuto collaboratore di giustizia, che con le sue dichiarazioni ha scoperchiato il vaso di Pandora e fatto scattare l'inchiesta: è stato condannato a 6 anni di reclusione.

Tutti gli imputati sono stati ritenuti responsabili dei reati, contestati a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa, di corruzione in atti giudiziari e di rivelazione del segreto d'ufficio. Inoltre, come da prassi, sono stati condannati in perpetuo dai pubblici uffici. Le motivazioni saranno depositate entro 90 giorni.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Gerardo Giotti
  • Mario Del Vecchio
  • Domenico Laforgia
  • Antonio Salerno
Altri contenuti a tema
Furti a Bitonto, Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi. In azione la stessa banda? Furti a Bitonto, Giovinazzo, Molfetta e Terlizzi. In azione la stessa banda? I colpi ai danni di bar, gioiellerie e tabaccherie, messi a segno quasi sempre con la stessa tecnica. Indagano i Carabinieri
Minaccia la compagna con un machete: arrestato. È tornato in libertà Minaccia la compagna con un machete: arrestato. È tornato in libertà L'uomo, di 38 anni, è stato fermato dai Carabinieri. Il Gip lo ha scarcerato perché «i fatti non appaiono riconducibili al delitto di maltrattamenti»
Inseguimento nella notte: banda di ladri inseguita per 35 chilometri Inseguimento nella notte: banda di ladri inseguita per 35 chilometri A bordo di una Golf sono riusciti a sfuggire ai Carabinieri raggiungendo folli velocità. L'inseguimento da Molfetta fino a Terlizzi
Controlli lungo il litorale tra Molfetta e Monopoli: multati quattro stabilimenti Controlli lungo il litorale tra Molfetta e Monopoli: multati quattro stabilimenti I Carabinieri hanno trovato alcuni lavoratori in nero. Situazioni di irregolarità anche per igiene, salute e sicurezza
Ladri frantumano la vetrina di Blu Gold e rubano anelli e gioielli Ladri frantumano la vetrina di Blu Gold e rubano anelli e gioielli Probabilmente il colpo, avvenuto alle ore 02.30, sarebbe stato più ingente se non fossero arrivati i Carabinieri
Festa Patronale, l'appello di Arbore ai giovinazzesi: «Lasciate l'auto a casa» Festa Patronale, l'appello di Arbore ai giovinazzesi: «Lasciate l'auto a casa» L'assessore: «Usate la bici o andate a piedi». Previsti una serie di divieti, in campo anche l'associazione Polizia di Stato
Bambino si perde alla Fiera, i Carabinieri lo scortano dai genitori Bambino si perde alla Fiera, i Carabinieri lo scortano dai genitori Il piccolo, di 6 anni, ha riconosciuto le divise ed è andato dai militari per farsi aiutare. Lieto fine
«Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia «Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia Non hanno retto le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione mosse al militare. È tornato in libertà
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.