Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne

Le richieste vanno dai 6 ai 14 anni e 8 mesi, le accuse tra le altre sono di tentato omicidio, rapina, sequestro di persona tutte aggravate dal metodo mafioso

Si è svolta ieri mattina l'udienza del processo, svoltosi con il rito abbreviato, scaturito dall'operazione "Pandora", condotta dai Carabinieri del Reparto Anticrimine del Raggruppamento Operativo Speciale di Bari.

I pubblici ministeri Giuseppe Gatti, Lidia Giorgio e Renato Nitti hanno formulato richieste di condanna nei confronti dei 91 imputati che vanno dai 6 anni ai 14 anni e 8 mesi. Il processo si sta celebrando nell'aula bunker del Tribunale di Trani dinanzi al giudice dell'udienza preliminare Rossana De Cristofaro.

Tutti gli imputati, ritenuti affiliati del clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari, sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale.

Le richieste di condanne più elevate, a 14 anni di reclusione, sono state chieste dai pubblici ministeri Giuseppe Gatti, Lidia Giorgio e Renato Nitti nei confronti dei boss di Bari e Bitonto Nicola Diomede (14 anni e 4 mesi) e Domenico Conte (14 anni) e di Gioacchino Baldassarre (14 anni e 8 mesi), ritenuti i capi organizzatori dei due gruppi criminali.

La Direzione Distrettuale Antimafia ha chiesto 38 condanne a 10 anni e altre 41 a 8 anni di reclusione per i partecipi delle due associazioni mafiose. Le arringhe difensive inizieranno il 1 luglio. Nel processo sono costituiti parte civile i Comuni di Bari e Terlizzi e l'associazione Antiracket.
  • Clan Diomede
  • Clan Mercante
  • Clan Capriati Giovinazzo
Altri contenuti a tema
«L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» «L'influenza del clan Di Cosola sulla città di Giovinazzo» Secondo l'Antimafia «il clan sarebbe tornato a occuparsi del controllo territoriale attraverso le estorsioni»
Clan Capriati: confermate 22 condanne Clan Capriati: confermate 22 condanne La sentenza della Corte d'Appello: ridotta la pena per Michele Arciuli da 16 a 14 anni
A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» A Giovinazzo «i Di Cosola hanno contato sull’apporto delle Istituzioni» È quanto emerge dalla relazione dell'Antimafia: «Il clan ha cercato di riconquistare un ruolo di egemonia»
Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati» Di Cosola e Capriati i clan principali «attraverso referenti in loco o affiliati» È lo scenario stilato nella relazione della Direzione Investigativa Antimafia riferita al secondo semestre del 2019
«Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» «Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia. Che aggiunge: «Presente anche il clan Capriati»
Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne ll clan aveva assunto il controllo del servizio di assistenza e viabilità: tra i condannati Michele Arciuli
Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola L'Antimafia analizza entrambi i clan: «I Capriati hanno collegamenti in città, i Di Cosola attivi nel traffico di stupefacenti»
Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati Il processo è stato chiamato "Pandora" dagli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.