Mons. Cornacchia celebra messa al cimitero. <span>Foto Giuseppe Dalbis</span>
Mons. Cornacchia celebra messa al cimitero. Foto Giuseppe Dalbis
Vita di città

Mons. Cornacchia: «Noi a scuola dai defunti che ci invitano ad aprire gli occhi sul presente»

Tutte le FOTO della commemorazione dei morti a Giovinazzo

La commemorazione dei defunti si è rivelato essere, ancora una volta, un momento collettivo per una approfondita riflessione sul senso della vita, su ciò che ci aspetta dopo di essa e sull'eredità di chi ci ha preceduto.

Ieri, 2 novembre, il Vescovo della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi, Mons. Domenico Cornacchia, ha officiato nel pomeriggio la Santa Messa nel cimitero comunale, ennesima tappa della sua Visita pastorale alle quattro città.

Un corteo, con le più alte istituzioni civili e militari, accompagnato dal gonfalone della Città di Giovinazzo, dai rappresentanti del Corpo di Polizia Locale, dell'ANMI, dell'ANC e dell'Associazione Aeronautica Militare si era mosso da Palazzo di Città alle 15.00 sino a raggiungere la necropoli per deporre una corona d'alloro per i caduti alla presenza del monsignore. Poi il momento spirituale più alto, con la celebrazione eucaristica per i defunti alle 15.30, a cui è andato il profondo pensiero del Vescovo.

«Siamo qui - ha detto Mons. Cornacchia durante l'omelia- a scuola dai defunti che ci invitano ad aprire gli occhi sul presente che viviamo, sulle sue brutture. Ci invitano ad aprire gli occhi ed il cuore a chi a bisogno ed al Signore, poiché nulla di terreno ci porteremo dopo la morta. Ora è il momento di agire».

Il prelato ha poi evidenziato come il vero suffragio sia chiedere: «"Caro defunto, mi impegno a continuare le tue opere di bene e a evitare il male", proprio perché i defunti ci insegnano, attraverso la loro esperienza di vita, cosa fare, in quale direzione andare e cosa invece evitare nei nostri comportamenti».

Monsignor Cornacchia ha anche ribadito come il 2 novembre sia una ricorrenza che invita tutti a riflettere sul mistero della morte e per non dimenticare i nostri cari. «Anziché chiedere più anni alla vita, chiediamo più vita agli anni», ha quindi concluso.

Nella nostra galleria fotografica i diversi momenti della commemorazione dei morti.
20 fotoCommemorazione dei defunti 2019
IMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WAIMG WA
  • Diocesi Molfetta - Ruvo - Giovinazzo - Terlizzi
  • Mons. Domenico Cornacchia
Altri contenuti a tema
Le disposizioni della Diocesi: la processione dell'Addolorata rinviata al 15 settembre Le disposizioni della Diocesi: la processione dell'Addolorata rinviata al 15 settembre Mons. Cornacchia, in ossequio a quanto stabilito dalla Santa Sede, ha dettato le regole per le celebrazioni del periodo di Passione
La Caritas Diocesana non si ferma nemmeno in quarantena La Caritas Diocesana non si ferma nemmeno in quarantena Supporto scolastico ai bambini, assistenza alimentare e farmaceutica agli anziani, pasto d’asporto e servizio doccia, secondo il DPCM, per persone in difficoltà
Sarà ancora Nunzia Di Terlizzi la presidente dell'Azione Cattolica diocesana Sarà ancora Nunzia Di Terlizzi la presidente dell'Azione Cattolica diocesana La conferma è arrivata il 25 marzo direttamente da Mons. Domenico Cornacchia
Preghiera in streaming per i fedeli: i due appuntamenti diocesani del fine settimana Preghiera in streaming per i fedeli: i due appuntamenti diocesani del fine settimana Domenica la santa messa celebrata dall'Episcopio da Mons. Cornacchia
Giornata Diocesana di Digiuno e Preghiera, oggi la Recita del Vespro Giornata Diocesana di Digiuno e Preghiera, oggi la Recita del Vespro Diretta in streaming alle 18.30 dalla Cappellina dell’Episcopio
Oggi alle 10.00 messa di Mons. Cornacchia in diretta dall’Episcopio Oggi alle 10.00 messa di Mons. Cornacchia in diretta dall’Episcopio La Diocesi aderisce al #iorestoacasa con le celebrazioni in streaming
Mons. Cornacchia: «Non è un castigo, ma un’opportunità per recuperare serenità nel nostro vivere» Mons. Cornacchia: «Non è un castigo, ma un’opportunità per recuperare serenità nel nostro vivere» Il messaggio del Vescovo della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi per l’emergenza Covid-19
Coronavirus: il Vescovo sospende Cresime, Visite pastorali e manifestazioni religiose fino al 3 aprile Coronavirus: il Vescovo sospende Cresime, Visite pastorali e manifestazioni religiose fino al 3 aprile La decisione arrivata in mattinata
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.