Giovanni Stufano
Giovanni Stufano
Vita di città

Maria Teresa racconta la storia del bisnonno alpino ucciso dai nazisti

La triste vicenda del giovinazzese Giovanni Stufano morto in prigionia il 5 dicembre 1944

Per lei, pur giovanissima, è una ferita grande, che in famiglia si rinnova da decenni, che viene trasmessa di generazione in generazione. Lei è Maria Teresa Bruni e frequenta il quinto anno dell'indirizzo Scientifico del Lieco "Spinelli".

Nel numero di Luce e Vita, periodico diocesano, uscito ieri, domenica 27 gennaio, la studentessa giovinazzese ripercorre, tra tante riflessioni profondissime, l'ultimo anno di vita del suo bisnonno, Giovanni Stufano.

Nato nel maggio 1908, Giovanni ebbe tre figli con Maria Rosaria Amoia, tra il 1937 ed il 1943, l'ultimo addirittura in un permesso premio durante il secondo conflitto mondiale. Il suo destino e quello di centinaia come lui fu segnato dall'Armistizio dell'8 settembre '43, quando l'Italia si arrese agli Alleati e fu avvertita come traditrice dai tedeschi.

Ai soldati italiani, agli alpini come Giovanni che si trovavano ancora al Nord, la Wehrmacht impose una scelta: o entravano a far parte delle truppe teutoniche oppure sarebbero stati ritenuti prigionieri.

Lui e tanti altri decisero che non si poteva combattere per una patria non propria, per una causa soprattutto che non era più la propria. Maria Teresa racconta nel suo articolo-diario come gli I.M.I. (Internati Militari Italiani) vissero quel terribile periodo tra il 1943 ed il 1945. Nello spostamento dallo Stalag XII-F (il campo di prigionia) da Forbach, in Francia, a Freinsheim, in Renania, Giovanni Stufano cadde, fu percosso col calcio del fucile da un soldato nazista e morì circa un mese dopo, il 5 dicembre 1944, forse per i colpi subiti e per lesioni alla colonna vertebrale.

La Giornata della Memoria che si celebra oggi a Giovinazzo e che ieri è stata vissuta in tutta Italia, non può divenire banalizzazione, retorica o peggio propaganda politica. Memoria vuol dire ricordare "fatti" e la giovanissima Maria Teresa ci richiama al nostro compito, che è quello di rinverdire ricordi tragici perché le tragedie non si ripetano. O forse, sarebbe meglio dire, non continuino ancora, perché in varie parti del mondo tutt'oggi sono in corso veri e propri genocidi, taciuti dai più.

Che si ricordi, che si aiutino questi ragazzi a capire, ad analizzare, a studiare. La conoscenza è la peggior nemica dei totalitarismi, rossi e neri che essi siano. Diamo loro gli strumenti che occorrono per crescere consapevoli. A Maria Teresa è stato saldamente trasmesso in famiglia un bagaglio valoriale che la aiuterà nel suo percorso. Facciamo in modo che sia così per tutti.
  • Giornata della memoria
  • Giovanni Stufano
  • Maria Teresa Bruni
Altri contenuti a tema
Presentato a Milano il libro delle memorie dell’internamento di guerra del Preside giovinazzese Gaetano Garofalo Presentato a Milano il libro delle memorie dell’internamento di guerra del Preside giovinazzese Gaetano Garofalo L'evento il 29 gennaio scorso curato dalla Fondazione Memoria della Deportazione
La Memoria senza retorica La Memoria senza retorica Ieri sera Giovinazzo ha ricordato le vittime della Shoah grazie alla relazione della prof.ssa Roberta Ascarelli
La Shoah delle donne: Giovinazzo celebra la Giornata della Memoria La Shoah delle donne: Giovinazzo celebra la Giornata della Memoria Questo pomeriggio conferenza in Sala San Felice con la prof.ssa Roberta Ascarelli
Lunedì Giovinazzo celebra la Giornata della Memoria Lunedì Giovinazzo celebra la Giornata della Memoria Ospite la prof.ssa Roberta Ascarelli, docente di Letteratura tedesca all'Università di Siena
Leggi razziali, un incontro organizzato dall’I.C. “Bosco-Buonarroti” e da Tracce Leggi razziali, un incontro organizzato dall’I.C. “Bosco-Buonarroti” e da Tracce Domani alle 10.30 presso l’Auditorium della Scuola secondaria inferiore “M. Buonarroti”
Shoah, oggi tocca a "C'era una volta un lager" Shoah, oggi tocca a "C'era una volta un lager" Alle 18.30 presso l'Auditorium della scuola "Buonarroti"
Shoah, una proiezione ed un dibattito per non dimenticare Shoah, una proiezione ed un dibattito per non dimenticare Appuntamento alle 18.30 in Sala San Felice
"Giornata della Memoria": due appuntamenti a Giovinazzo "Giornata della Memoria": due appuntamenti a Giovinazzo Per ricordare le vittime della Shoah
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.