In corso il Consiglio Comunale sulla discarica
In corso il Consiglio Comunale sulla discarica
Territorio

La partecipazione popolare vince

In un manifesto la soddisfazione del comitato "Per la salute pubblica"

«È stata la vittoria della chiarezza e della partecipazione». È quanto si legge nel manifesto pubblicato a firma del comitato "Per la salute pubblica, no alla discarica" che considera la revoca dell'ordinanza firmata dal sindaco Tommaso Depalma il 6 novembre scorso, una conquista di tutta la cittadinanza.

«Nel consiglio del 9 gennaio - si legge nel manifesto - hanno vinto le migliaia di cittadini che si sono mobilitati contro l'illegittima decisione del sindaco. Le firme raccolte, la marcia e infine la partecipazione straordinaria dei cittadini alla massima assise comunale, hanno di fatto sfiduciato una maggioranza che ha voltato le spalle ai cittadini. un sindaco e una maggioranza che hanno provato solo a scaricare le proprie responsabilità, ignorando gli interrogativi angoscianti sul futuro della città».

In pieno consiglio comunale fu l'Arpa a denunciare alcune anomalie strutturali nei lotti I, II e III, quelli interessati dalla riprofilatura, sospendendo quindi le autorizzazioni concesse fino a quel momento con "prescrizione". «Il consiglio non ha voluto sciogliere i nodi circa la legittimità del provvedimento - si legge ancora nel manifesto - ha invece dimostrato che l'unica stella polare degli amministratori era rappresentata dalla società gestrice della discarica. Nel suo nome è stato scartato il parere contrario ai sopralzi del dirigente dell'Ufficio tecnico».

Secondo il comitato le responsabilità per a situazione di emergenza che il diniego ad abbancare ancora rifiuti a San Pietro Pago non è solo dell'amministrazione comunale. «La nostra città - è scritto nel manifesto - non può continuare a vedere saccheggiate tasche e territorio da scelte illegittime e incompetenti. Non possiamo pagare ancora i ritardi e le mancanze della Regione Puglia. Non possiamo essere solidali a senso unico con gli altri comuni. Adesso la scelta di Giovinazzo è a una svolta decisiva. Si avvicina il tempo della raccolta differenziata, di nuove soluzioni di trattamento e stoccaggio dei rifiuti, per nuove tariffe». Adesso però, vista l'emergenza il pericolo è che si aprano nuovi fronti di discarica, nuovi siti.

«Giovinazzo ha già dato e per molto tempo - conclude il manifesto -. Che a nessuno venga in mente di individuare nuovi siti nel nostro territorio. Troverà la nostra ferma opposizione. Mai più decisioni al buio, prese senza la partecipazione dei cittadini e senza una informazione preventiva. Mai più ordinanze o delibere fuori dal consiglio comunale».
  • discarica
Altri contenuti a tema
Discarica, in Consiglio comunale ci sarà anche de Gennaro Discarica, in Consiglio comunale ci sarà anche de Gennaro Ieri l'ok dell'Assise in un documento firmato dal Presidente Favuzzi
Discarica: la coda lunga delle polemiche Discarica: la coda lunga delle polemiche Il comitato "No alla discarica" risponde alla maggioranza
Il comitato "Per la salute pubblica" chiede chiarezza Il comitato "Per la salute pubblica" chiede chiarezza Non sono piaciute le dichiarazioni di Depalma alla riunione Ato
«Lo smaltimento dei rifiuti è nelle mani dei privati» «Lo smaltimento dei rifiuti è nelle mani dei privati» All’orizzonte si profila la riapertura di San Pietro Pago
La discarica è on line La discarica è on line L’iniziativa del periodico "in Città"
Il lungo percorso della revoca Il lungo percorso della revoca Ecco come si è arrivati, dopo 8 ore di consiglio, a decidere per il ritiro dell’ordinanza sindacale
Ritirata l’ordinanza, i rifiuti rimangono Ritirata l’ordinanza, i rifiuti rimangono Per due mesi centinaia di camion hanno raggiunto San Pietro Pago
La discarica di San Pietro Pago chiude La discarica di San Pietro Pago chiude Il sindaco Depalma ritira l’ordinanza n. 62
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.