Damiano Nirchio durante una lettura. <span>Foto Gabriella Serrone</span>
Damiano Nirchio durante una lettura. Foto Gabriella Serrone
Cultura

“L’anniversario”, Damiano Nirchio racconta il teatro senza pubblico

L’esperimento del Teatro Pubblico Pugliese in streaming dall'Odeion. L’attore: «Manca qualcosa». 255 spettatori collegati. L’Assessora Piscitelli: «Sostegno al settore»

Un pubblico che non arriva mai. Al suo posto solo il frinire delle cicale. E alla fine inevitabile resta l'amarezza.

Così "L'anniversario", la performance a metà tra musica e teatro di "Senza Piume" e "Bembè", ha provato a descrivere lo "spirito dei tempi" dei lavoratori dello spettacolo. Sabato sera in diretta streaming dal teatro Odeion della Fondazione De Feo-Trapani di Giovinazzo, è andata in onda, nell'ambito dell'iniziativa "Indovina chi viene a (s)cena" promossa dal Teatro Pubblico Pugliese, la pièce scritta e diretta da Damiano Nirchio, arricchita da una preziosa partitura musicale curata da Leo Cicala, Aldo D'Introno e Tommaso Scarimbolo.

«È stata una emozione duplice - confessa Nirchio -. Da un lato ci sono giunti i complimenti degli spettatori intrisi di nostalgia per la mancanza del teatro. Ma dall'altro l'inevitabile sensazione che manchi qualcosa, rappresentata, non a caso, dalla frase finale della rappresentazione: "Per lo spettacolo bisogna esserci in carne ed ossa"». Una sensazione che diventa ancora più netta grazie alla scelta di citare nel finale De André e la sua "La domenica delle salme".

«È un testo molto attuale - spiega Nirchio - c'è un po' il senso della protesta che manca, su uno sfondo che resta tragico: i ristori per i lavoratori dello spettacolo mancano da novembre e le prospettive future non sono affatto buone». Sui toni malinconici della vicenda si staglia però l'immagine di Giovinazzo, o per lo meno un suo racconto mitico, incentrato su persone (Don Saverio Bavaro), luoghi (la piazza) e momenti (la festa patronale) in cui la narrazione di Nirchio (che ha fatto ricorso ai suoi ricordi personali e alle testimonianze) si sublima. «Ho provato a raccontare con cose semplici, come per esempio i volti dei lavoratori o la cassa armonica, come è nata la mia passione per la musica e lo spettacolo», conclude l'attore.

Ma l'esperimento sembra essere stato apprezzato dal pubblico. Sono 255 gli spettatori che hanno acquistato il biglietto simbolico (la trasmissione era completamente gratuita) per assistere allo spettacolo. Così, nella struttura giovinazzese, ci sarebbero stati ben tre spettacoli se il pubblico fosse stato in presenza, segno che c'è voglia di teatro e di appassionarsi a trame e personaggi, di respirare di nuovo l'aria buona della cultura.

Di questo avviso è anche l'Assessora alla cultura Cristina Piscitelli: «Un importante e qualificante esempio di grande collaborazione tra pubblico e privato per guardare con ottimismo all'avvenire - è il commento di Piscitelli -. L'amministrazione ha voluto dare un sostegno concreto a un comparto sofferente per le restrizioni a cui è stato giocoforza sottoposto dalla pandemia, ma anche e soprattutto una occasione di visibilità cittadina che speriamo possa restituire ossigeno e vigore a questo fondamentale settore culturale».
  • Teatro
  • Damiano Francesco Nirchio
Altri contenuti a tema
"Celestina e la Luna", il nuovo spettacolo dei giovinazzesi “Senza Piume” "Celestina e la Luna", il nuovo spettacolo dei giovinazzesi “Senza Piume” L’importanza dei sogni per vivere e crescere. Sipario domenica 16 gennaio alle 18 alla Cittadella degli Artisti
«Amleto, la colpa, la riparazione», il teatro che nasce dal basso di “Senza Piume” in scena a Castel del Monte «Amleto, la colpa, la riparazione», il teatro che nasce dal basso di “Senza Piume” in scena a Castel del Monte Il testo di Shakespeare riscritto con i minori che hanno incontrato la giustizia e i tribunali sarà presentato lunedì 6 settembre
"Futuro Anteriore", domani la presentazione con Marolla, Mortellaro, de Pinto e Nirchio "Futuro Anteriore", domani la presentazione con Marolla, Mortellaro, de Pinto e Nirchio Appuntamento alle 19.00 al Fronte del Porto
Teatri aperti in zona gialla. I tanti interrogativi di Damiano Francesco Nirchio Teatri aperti in zona gialla. I tanti interrogativi di Damiano Francesco Nirchio Una riflessione sotto forma di domanda che sentiamo di condividere
Stasera a Giovinazzo c'è “Indovina chi viene a (s)Cena” Stasera a Giovinazzo c'è “Indovina chi viene a (s)Cena” Due spettacoli a cui assistere alle 19.00 ed alle 20.00: ecco come. E ritornano anche i Sena Piume
Anche i giovinazzesi Senza Piume aderiscono all'appello del mondo dello spettacolo Anche i giovinazzesi Senza Piume aderiscono all'appello del mondo dello spettacolo Condivisa una nota per sostenere le lavoratrici ed i lavoratori in gravi difficoltà dopo il blocco del Decreto "Ristori"
Possiamo essere “eroi”, ecco il videoclip realizzato tra Giovinazzo e la Svezia  Possiamo essere “eroi”, ecco il videoclip realizzato tra Giovinazzo e la Svezia  Regalo di Natale di Eric Forsmark, Damiano Nirchio, Mauro Stallone, Giuseppe Muciaccia e Alessandro Colasanto che hanno reinterpretato "Heroes" di Bowie. Il messaggio: «Fai quello che puoi dove ti trovi»
"L'arte ci unisce": chiusura con Saracino, Palumbo, Catino e Nirchio "L'arte ci unisce": chiusura con Saracino, Palumbo, Catino e Nirchio Ultimo video della rubrica che ha voluto tenervi compagnia in emergenza sanitaria e che ha inteso accendere i riflettori sui problemi legati al mondo della cultura
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.