Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Imputato per truffa e falso. Assolto un venditore 32enne

L'uomo era accusato di aver truffato ignari clienti sulla vendita di contratti di energia e gas

Truffa o lecita vendita porta a porta? La seconda, secondo il giudice della Sezione Penale​ del Tribunale di Bari, che ha assolto un 32enne giovinazzese, venditore di servizi per le utenze domestiche dell'energia elettrica e del gas, denunciato dai Carabinieri.

E questo nonostante la richiesta di condanna della pubblica accusa, che ha contestato truffa e falso, uniti dal vincolo della continuazione. Il tutto è nato nel 2011, dopo le segnalazioni, giunte ai militari della Compagnia di Modugno, relative ad un individuo che bussava alle porte del comune della città metropolitana di Bari per invitare alla compilazione ed alla successiva firma di contratti delle forniture relative alle utenze domestiche di energia elettrica e gas.

Qualcosa però deve aver indotto in sospetto gli inquilini, che hanno chiamato i Carabinieri, i quali hanno portato in caserma l'uomo per accertamenti e, all'esito di specifiche indagini, lo hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Bari per i reati di truffa e falso. Al processo, le vittime hanno dato la loro versione dei fatti, mentre il giudice del Tribunale di Bari ha ascoltato anche il 32enne, incensurato.

«Quei contratti - secondo il difensore dell'uomo, l'avvocato Mario Mongelli - sono stati opportunamente sottoposti ai consumatori, i quali chiaramente informati delle condizioni contrattuali, avrebbero dovuto confermare il proprio consenso, in forma telefonica, aderendo all'offerta. Tale conferma, che avrebbe compreso le informazioni precontrattuali, è prevista dal Codice del Consumo al fine di tutelare in modo efficace i consumatori».

​E proprio quella conferma telefonica, che non c'è mai stata, ha indotto il giudice Anna Perrelli, dopo una spinosa diatriba che si è trascinata avanti per ben 7 anni, ad assolvere il 32enne per l'insussistenza dei reati di truffa e falso, uniti dal vincolo della continuazione «in quanto, - spiega ancora Mongelli - si tratta di un reato, in forma vincolata, che prevede espressamente gli artifizi e i raggiri».

A far pendere la bilancia della giustizia verso l'assoluzione anche «la peculiarità di questi contratti, che oltre alla sottoscrizione da parte dell'utente nella proposta avvenuta con la modalità porta a porta - conclude Mongelli - richiedono una successiva conferma telefonica che, nel caso di specie, non c'è mai stata».
  • Carabinieri
  • Mario Mongelli
  • Truffe
Altri contenuti a tema
Lotta al caporalato, oltre 50 arresti dei Carabinieri in Puglia. Bari e Bat le province capofila Lotta al caporalato, oltre 50 arresti dei Carabinieri in Puglia. Bari e Bat le province capofila Nel territorio del capoluogo regionale sono state elevate sanzioni per 1 milione 400 mila euro, su 69 controlli dei militari
Avvicendamento al vertice dell'11° Reggimento Carabinieri Puglia Avvicendamento al vertice dell'11° Reggimento Carabinieri Puglia Al colonnello Saverio Ceglie subentra il parigrado Angelo Primaldo Giurgola
Amara sorpresa al ritorno dalla Festa Patronale: svaligiati due appartamenti Amara sorpresa al ritorno dalla Festa Patronale: svaligiati due appartamenti Il fatto è accaduto domenica sera in via Frascolla. Colpo, solo tentato, in via Papa Giovanni XXIII: proprietari faccia a faccia con i ladri
Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto Carabinieri, controlli straordinari per il Ferragosto In corso controlli alla circolazione stradale e verifiche nell'area costiera
Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Ritrovato a Bitonto l'uomo con sospetta tubercolosi fuggito dall'ospedale Aveva fatto perdere le proprie tracce mentre era ricoverato al Vittorio Emanuele II di Bisceglie
Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Ricoverato a Bisceglie per sospetta tubercolosi polmonare, fa perdere le sue tracce Lo hanno riferito i Carabinieri di Trani, che invitano a prestare la massima attenzione
Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Omicidio Spera, la Cassazione ha deciso: «Si rifaccia il giudizio d'Appello» Depositate le motivazioni della sentenza, il processo torna a Bari. Il commento dell'avvocato Mongelli
Accusato di furto aggravato, ma il giudice lo assolve: «Il fatto non sussiste» Accusato di furto aggravato, ma il giudice lo assolve: «Il fatto non sussiste» Scagionato un 44enne del posto. La difesa ha fatto emergere l'insussistenza dell'accusa
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.