Mons. Cornacchia. <span>Foto Gianluca Battista</span>
Mons. Cornacchia. Foto Gianluca Battista
Cronaca

Gli auguri di Buon Natale di Mons. Domenico Cornacchia

Il messaggio del vescovo ai giovinazzesi: «È la festa del silenzio»

Carissime amiche e carissimi amici, auguri di buone feste natalizie.
Di solito noi siamo molto generosi nello sprecare, direi quasi, le parole, ma la festa del Natale a mio modo di vedere è la festa del silenzio, è la festa dell'ascolto. Regaliamoci un pochino di questo tempo che si fa ascolto. Il Verbo noi lo sappiamo significa Parola, la Parola in questo caso diventa carne, diventa umanità, diventa nostra storia. Pertanto andiamo anche noi come i pastori verso Betlemme. San Luca ci racconta che, questa categoria di persone, i pastori per la società, per il modo di pensare dell'epoca non erano assolutamente considerati come persona attive nella società, erano quasi dei parassiti, delle persone che dovevano vivere ai margini dell'ambito sociale, infatti vivevano nelle grotte, nelle capanne, nelle caverne.
Ecco vedete io penso che noi dobbiamo invitare questi uomini semplici, i quali ci ricorda l'Evangelista Luca "senza indugio", vale a dire senza troppo pensare si mettono in cammino verso Betlemme.
Sapete la parola Betlemme significa "casa del pane", e per i nostri anziani, per i nostri contadini di un tempo quando c'era il pane, c'era l'essenziale; dopo una lunga giornata di lavoro, di attività, di attesa e di sacrificio era sufficiente attingere alla loro bisaccia il necessario per vivere. Ecco il Natale per me è proprio questo: recarsi a Betlemme e nutrirsi di questo cibo divino che è la Parola di Dio.
L'Evangelista Luca aggiunge un altro particolare, dice che Maria, la mamma di Gesù adagiò il suo piccolo nella mangiatoia. Nella mangiatoia i nostri pastori, i nostri contadini mettevano il necessario per nutrire il loro bestiame. Ecco che in qualche modo l'invito che il Signore ci rivolge è questo: andare verso di lui, di chinarci verso questa mangiatoia divina perché è lì che noi troviamo la forza, l'energia, la luce, la grinta per rimetterci in cammino, esattamente come è accaduto per i pastori i quali tornarono sui loro passi, portando a tutti la testimonianza di quello che avevano udito e visto.
Auguro a tutti di poter fare quest'esperienza, di ascoltare ciò di cui noi dobbiamo farci testimoni. Gesù è la Luce, è la Vita, noi pure dobbiamo farci luce, dobbiamo poter alimentare o accendere una piccola fiammella alimentare una fiaccola che si sta spegnendo specie nel cuore dei ragazzi e dei giovani, in tante famiglie provate dalla pandemia, dalla disoccupazione, da una malattia e da un lutto. Vedete Natale è questo e la festa dell'intimità, è la festa del raccoglimento e del silenzio facciamo parlare le nostre opere, facciamo parlare i nostri cuori.
Apprestiamoci così anche a vivere il passaggio al nuovo anno 2022, voglio ricordare che il 2021 per noi chiesa diocesana si chiude con un dono immenso che abbiamo ricevuto dal Signore tramite la sua Chiesa, il 25 novembre scorso – lo sappiamo – Il Santo Padre papa Francesco ha firmato il decreto di venerabilità del Servo di Dio don Tonino Bello nostro pastore, nostra guida spirituale e soprattutto nostro esempio di una carità vissuta. È stato definito vescovo fatto popolo, io direi vescovo che emana ancora dal suo cuore, dalla sua mente, dalla sua penna quella luce necessaria perché noi possiamo sentirci pellegrini verso la città del pane, verso Gesù che si fa pane per noi.
Auguri a tutti carissimi che il 2022 porti serenità, porti salute, porti lavoro dovunque ce n'è più bisogno. Maria Santissima la mamma di Gesù ci accompagni, ci prenda per mano e soprattutto ci inviti a non distrarci mai, ad avere fiducia in Colui che è nato grazie alla sua fede.
Auguri a tutti, il Signore vi benedica.


Mons. Domenico Cornacchia
  • Mons. Domenico Cornacchia
  • Natale
Altri contenuti a tema
Che tempo farà a Natale e Santo Stefano a Giovinazzo Che tempo farà a Natale e Santo Stefano a Giovinazzo Continua l'alta pressione su tutta la Puglia. Umidità consistente a sera
La grande spiritualità della Novena di Natale itinerante La grande spiritualità della Novena di Natale itinerante L'iniziativa di don Andrea Azzollini. Ieri sera la messa a Sant'Andrea
Tredicesime, un terzo sarà speso in bollette Tredicesime, un terzo sarà speso in bollette La stessa percentuale destinata ai regali di Natale. I dati di Coldiretti
Si chiude questa sera il mercatino di Natale della Touring Juvenatium Si chiude questa sera il mercatino di Natale della Touring Juvenatium Tante creazioni dai talenti locali. Ed in Sala San Felice ancora in mostra i lavori dei piccoli alunni della "San Giovanni Bosco" ispirati a Matisse
A Giovinazzo parte il "Natale al centro" A Giovinazzo parte il "Natale al centro" Addobbi, mercatini, luci e anche la musica con i ‘ Caffè Concerto’
Natale 2022 in Puglia: il calendario di eventi, sagre, mercatini Natale 2022 in Puglia: il calendario di eventi, sagre, mercatini Tutti gli appuntamenti da non perdere per vivere l'atmosfera natalizia pugliese
A Milano presentato il volume su don Tonino di Mons. Cornacchia A Milano presentato il volume su don Tonino di Mons. Cornacchia Agostino Picicco tra gli intervenuti all'evento letterario
Monsignor Cornacchia ricorda Angelo Stallone nel Pontificale della domenica Monsignor Cornacchia ricorda Angelo Stallone nel Pontificale della domenica Stamane la solenne celebrazione nel giorno della Festa esterna in onore di Maria SS di Corsignano
© 2001-2023 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.