Eugenio Masino del Servizio Centrale Operativo di Roma
Eugenio Masino del Servizio Centrale Operativo di Roma
Cronaca

Giovinazzo, la nuova sponda della criminalità bitontina

Ieri la cattura del latitante Pasquale Pazienza. Sempre in città, a maggio, si nascondeva il boss Domenico Conte

Elezioni Regionali 2020
Alto rischio di criminalità bitontina per la città di Giovinazzo. Antonio Tafaro, vice dirigente della Squadra Mobile di Bari, durante la conferenza stampa tenutasi ieri presso la Questura di Bari, ha avvertito: vi è una «probabile sponda su Giovinazzo della criminalità bitontina per prestare rifugio ai latitanti».

Erano infatti nascosti in una masseria nelle campagne giovinazzesi, in località Casino della Principessa, i due pregiudicati pugliesi latitanti dallo scorso 20 aprile, quando sfuggirono alla cattura nell'ambito di una vasta operazione della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro nei confronti dei presunti responsabili di un assalto al caveau dell'istituto di vigilanza Sicurtransport del 4 dicembre 2016.

Il 37enne Alessandro Morra di Cerignola, ritenuto uno degli organizzatori del colpo, e il 49enne Pasquale Pazienza di Bitonto, sono stati arrestati all'alba di ieri dopo l'irruzione di circa 70 agenti della Squadra Mobile di Bari con i colleghi di Foggia, Catanzaro, del Servizio Centrale Operativo e con il supporto dei Reparti Prevenzione Crimine e del Reparto Volo della Polizia di Stato.

Le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, avviate dopo il colpo armato al caveau, hanno consentito in pochi mesi di identificare i presunti responsabili. Gli assalitori arrivarono in tute mimetiche e armati di kalashnikov riuscendo a portare via un bottino di circa 8 milioni di euro. Gli elementi raccolti dagli investigatori hanno portato ad aprile al fermo di 7 pregiudicati calabresi e pugliesi.

Alla cattura, però, sfuggirono due persone, Alessandro Morra e Pasquale Pazienza, «due pericolosi latitanti» come li ha definiti ieri Eugenio Masino del Servizio Centrale Operativo di Roma. Durante l'irruzione i due hanno anche tentato la fuga a piedi scavalcando il muro di recinzione della masseria, ma gli agenti avevano cinturato l'intera tenuta di circa un ettaro.

Al vaglio degli investigatori baresi c'è ora la posizione di una terza persona, presente nella masseria con i due latitanti, che aveva la disponibilità dell'abitazione. Le indagini hanno, inoltre, evidenziato l'esistenza di «accordi criminali - ha detto Masino - tra la malavita foggiana e la 'ndrangheta», oltre a una «probabile sponda su Giovinazzo della criminalità bitontina - ha spiegato il vice dirigente della Squadra Mobile di Bari, Antonio Tafaro - per prestare rifugio ai latitanti».

Sempre a Giovinazzo, infatti, in una villetta all'interno di un rinomato residence sul mare Adriatico, si nascondeva il boss di Bitonto Domenico Conte, ritenuto il mandante dell'agguato mafioso del dicembre scorso in cui fu uccisa per errore l'anziana Anna Rosa Tarantino.
  • Arresti Giovinazzo
  • Polizia di Stato Giovinazzo
  • Domenico Conte
  • Alessandro Morra
  • Pasquale Pazienza
Altri contenuti a tema
Droga: traffico Albania-Italia, 37 arresti. In manette anche un giovinazzese Droga: traffico Albania-Italia, 37 arresti. In manette anche un giovinazzese Ai domiciliari il 52enne Cesare Stufano. L'indagine è partita dal sequestro di un grosso quantitativo di marijuana a Molfetta
Un mare di droga dall'Albania: 37 arresti. Blitz anche a Giovinazzo Un mare di droga dall'Albania: 37 arresti. Blitz anche a Giovinazzo In Italia sono state arrestate 27 persone. In città le manette sono scattate ai polsi di un italiano
Droga, traffico internazionale tra l'Albania e l'Italia: 37 arresti, 1 a Giovinazzo Droga, traffico internazionale tra l'Albania e l'Italia: 37 arresti, 1 a Giovinazzo Si tratta di un italiano, residente in città e sottoposto ai domiciliari. All'operazione ha collaborato la Guardia di Finanza
Arresti nell'Arma, dura replica di Galizia: «Giovinazzo non è un paese mafioso» Arresti nell'Arma, dura replica di Galizia: «Giovinazzo non è un paese mafioso» Non è passato inosservato il suo post su Facebook: «Voglio riaffermare un principio sacrosanto di giustizia: chi sbaglia deve pagare»
Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Ieri gli interrogatori: si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, nessuna istanza di attenuazione della misura cautelare
Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Il sindaco: «Chiederemo al Prefetto ogni intervento utile per contrastare le infiltrazioni mafiose». Domani gli interrogatori di garanzia
2 Arrestati due Carabinieri. L'accusa: «Soldi per le soffiate al clan Di Cosola» Arrestati due Carabinieri. L'accusa: «Soldi per le soffiate al clan Di Cosola» Terremoto in caserma, il blitz è scattato all'alba. In manette anche un elemento di spicco del gruppo e un commerciante
Traditi dal nervosismo, in auto avevano marijuana. Un arresto e una denuncia Traditi dal nervosismo, in auto avevano marijuana. Un arresto e una denuncia Un 21enne ed un 20enne di Molfetta sono stati fermati dalla Polizia Stradale di Ruvo in agro di Giovinazzo
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.