Eugenio Masino del Servizio Centrale Operativo di Roma
Eugenio Masino del Servizio Centrale Operativo di Roma
Cronaca

Giovinazzo, la nuova sponda della criminalità bitontina

Ieri la cattura del latitante Pasquale Pazienza. Sempre in città, a maggio, si nascondeva il boss Domenico Conte

Alto rischio di criminalità bitontina per la città di Giovinazzo. Antonio Tafaro, vice dirigente della Squadra Mobile di Bari, durante la conferenza stampa tenutasi ieri presso la Questura di Bari, ha avvertito: vi è una «probabile sponda su Giovinazzo della criminalità bitontina per prestare rifugio ai latitanti».

Erano infatti nascosti in una masseria nelle campagne giovinazzesi, in località Casino della Principessa, i due pregiudicati pugliesi latitanti dallo scorso 20 aprile, quando sfuggirono alla cattura nell'ambito di una vasta operazione della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro nei confronti dei presunti responsabili di un assalto al caveau dell'istituto di vigilanza Sicurtransport del 4 dicembre 2016.

Il 37enne Alessandro Morra di Cerignola, ritenuto uno degli organizzatori del colpo, e il 49enne Pasquale Pazienza di Bitonto, sono stati arrestati all'alba di ieri dopo l'irruzione di circa 70 agenti della Squadra Mobile di Bari con i colleghi di Foggia, Catanzaro, del Servizio Centrale Operativo e con il supporto dei Reparti Prevenzione Crimine e del Reparto Volo della Polizia di Stato.

Le indagini della Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro, avviate dopo il colpo armato al caveau, hanno consentito in pochi mesi di identificare i presunti responsabili. Gli assalitori arrivarono in tute mimetiche e armati di kalashnikov riuscendo a portare via un bottino di circa 8 milioni di euro. Gli elementi raccolti dagli investigatori hanno portato ad aprile al fermo di 7 pregiudicati calabresi e pugliesi.

Alla cattura, però, sfuggirono due persone, Alessandro Morra e Pasquale Pazienza, «due pericolosi latitanti» come li ha definiti ieri Eugenio Masino del Servizio Centrale Operativo di Roma. Durante l'irruzione i due hanno anche tentato la fuga a piedi scavalcando il muro di recinzione della masseria, ma gli agenti avevano cinturato l'intera tenuta di circa un ettaro.

Al vaglio degli investigatori baresi c'è ora la posizione di una terza persona, presente nella masseria con i due latitanti, che aveva la disponibilità dell'abitazione. Le indagini hanno, inoltre, evidenziato l'esistenza di «accordi criminali - ha detto Masino - tra la malavita foggiana e la 'ndrangheta», oltre a una «probabile sponda su Giovinazzo della criminalità bitontina - ha spiegato il vice dirigente della Squadra Mobile di Bari, Antonio Tafaro - per prestare rifugio ai latitanti».

Sempre a Giovinazzo, infatti, in una villetta all'interno di un rinomato residence sul mare Adriatico, si nascondeva il boss di Bitonto Domenico Conte, ritenuto il mandante dell'agguato mafioso del dicembre scorso in cui fu uccisa per errore l'anziana Anna Rosa Tarantino.
  • Arresti Giovinazzo
  • Polizia di Stato Giovinazzo
  • Domenico Conte
  • Alessandro Morra
  • Pasquale Pazienza
Altri contenuti a tema
Assalto al caveau della Sicurtransport, arrestati due latitanti. Erano a Giovinazzo Assalto al caveau della Sicurtransport, arrestati due latitanti. Erano a Giovinazzo Alessandro Morra e Pasquale Pazienza si erano rifugiati in una masseria in località Casino della Principessa
Assalti a caveau e portavalori, arrestati due latitanti Assalti a caveau e portavalori, arrestati due latitanti Scovati a Giovinazzo nel corso di un blitz del Servizio Centrale Operativo della Polizia
Pusher in fuga: lanciano droga dal finestrino, arrestati dalla Finanza Pusher in fuga: lanciano droga dal finestrino, arrestati dalla Finanza In manette sono finiti due cugini giovinazzesi dopo un lungo inseguimento: recuperati 974 grammi di marijuana
Fratelli rapinatori in manette: erano il terrore dei distributori di carburanti Fratelli rapinatori in manette: erano il terrore dei distributori di carburanti Sono stati individuati dai Carabinieri: entrambi del quartiere San Pio, agivano anche a Giovinazzo
Il presunto boss, Domenico Conte, picchiato in carcere Il presunto boss, Domenico Conte, picchiato in carcere L'uomo è stato aggredito poco dopo l'arresto avvenuto in un residence di Giovinazzo
Cattura Conte, Depalma e Sollecito si complimentano con le forze dell'ordine Cattura Conte, Depalma e Sollecito si complimentano con le forze dell'ordine Ieri all'alba l'operazione che ha portato all'arresto del presunto boss in un residence del litorale
Tutti gli uomini di Domenico Conte. Scappava da 37 giorni Tutti gli uomini di Domenico Conte. Scappava da 37 giorni Gli investigatori indagano sui suoi prestanome. Al vaglio anche la posizione del proprietario del residence
Catturato il latitante Conte: preso seguendo la sua compagna Catturato il latitante Conte: preso seguendo la sua compagna Il boss catturato in una villetta all'interno di un residence di Giovinazzo. A tradirlo l'affetto della sua dolce metà
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.