Alex in cucina
Alex in cucina
Vita di città

Dalla Puglia all'Ohio con Giovinazzo nel cuore

La bella storia di Alex Zordich in una chiacchierata

Vi raccontiamo una storia curiosa che ha come protagonista Alex Zordich, un ragazzo statunitense, originario dell'Ohio, che è stato in Italia a studiare ed ha trascorso due stagioni estive a Giovinazzo, località che ha portato nel cuore e nei suoi ricordi più cari in Usa. Dopo aver conseguito la laurea in economia nel suo Paese, ha effettuato un master in enologia all'Università Cattolica di Piacenza. Nella sua permanenza estiva a Giovinazzo, conosciuta grazie ad un suo amico che ci era già stato, da appassionato di cucina ha scoperto ed imparato a preparare i piatti della nostra cucina tradizionale sia prettamente giovinazzese, che pugliese. La nostra Giovinazzo, con la sua bellezza l'ha colpito e l'ha portata nel suo cuore e nei suoi ricordi più cari sin in Ohio, dove vive e dove ha da poco aperto un'osteria. Lo abbiamo raggiunto telefonicamente per scoprire qualcosa di più sulla sua esperienza italiana.

Sei stato a Giovinazzo in vacanza, cosa ti è piaciuto della nostra cittadina?

«Sono un americano di Youngstown, Ohio, e la mia passione è il vino. Ho iniziato a fare il vino con mio nonno quando avevo otto anni e da allora ho sviluppato questa passione. Quando mi sono laureato, ho deciso di lavorare nelle cantine in tutto il mondo. Ho trascorso del tempo in Nuova Zelanda, in Italia, e ho lavorato per due anni nella Napa Valley, in California, come assistente dei produttori. Dopo la California ho avuto l'impulso di tornare nella bella Italia e imparare il loro stile di vinificazione. Mi sono iscritto all'Università Cattolica di Piacenza e ho conseguito i miei Master in Viticulutre ed Enologia. Ora sono tornato nella mia città natale di Youngstown e ho aperto un'osteria per portare tutto ciò che ho imparato nella mia città, che adoro. Ho avuto il piacere di vivere a Giovinazzo con Teresa e Daniela de Candia. Mio cugino d'America, Alex Nied una volta ha studiato lì da loro ed è il migliore amico di Daniela. Per fortuna mi ha fatto conoscere la sua meravigliosa famiglia. Lo scopo del mio viaggio era di espandere le mie conoscenze in cibo e vino: un'esperienza che non dimenticherò mai. Ho avuto l'onore di incontrare persone così fantastiche e ho guadagnato una nuova famiglia. Giovinazzo è un posto bellissimo. Ci sono così tante persone, tanti amici che ringrazio per le mie esperienze lì. Sarò sempre grato a Teresa, Daniela e tutti i loro amici, la loro bellissima nonna Franca e tutta la loro famiglia, gli amici di Altamura e di Bisceglie».

Parliamo di cucina... quale pietanza hai apprezzato di più e perché?

«È difficile dire quale sia il mio piatto preferito a Giovinazzo e in Puglia.
Il pesce è così fresco, la pasta è sempre cotta alla perfezione, il pane e poi la focaccia che è uno dei miei prodotti da forno preferiti. Dovrei scegliere tra orecchiette fresche con salsiccia e rape, pasta con frutti di mare, focaccia pugliese, panzerotti e riso, patate e cozze. Adoro la tradizione in tutti i piatti».


Cosa porterai in Usa della nostra cucina?

«In America mi impegnerò a portare molte tradizioni dall'Italia nella mia città natale di Youngstown. Mentre ero nel Bel Paese per due anni ho imparato l'importanza del cibo regionale: ho imparato che ogni regione ha le sue tradizioni e la sua cultura e voglio condividere un po' di tutte le regioni d'Italia con gli americani. Della Puglia mi piacerebbe cucinare la maggior parte dei piatti tipici di pasta, ma il mio più grande obiettivo è quello di introdurre il grande sapore del pane che deriva dalla semola. In America non apprezziamo la bontà del pane; sto avvicinando le persone alla conoscenza di pane e focacce, insieme ad alcune paste fresche conosciute in Puglia come le orecchiette e i semplici snack, tipo i taralli che sono molto buoni. Secondo me i migliori ingredienti della Puglia sono l'olio e la farina di semola. Credo che siano i migliori al mondo.Vengo da una famiglia italiana e nella città da cui provengo vivono molte famiglie della stessa origine. La maggior parte delle persone proveniva dall'Abruzzo e dalla Campania, quindi siamo cresciuti mangiando i piatti tipici di quelle regioni. Mi fa molto piacere condividere nuovi piatti italiani con la gente di Youngstown. So che si divertiranno a scoprirli come ho fatto a Giovinazzo e in tutta Italia».

Hai fatto due master in enologia all'Università di Piacenza. Che ne pensi dei vini italiani? E di quelli della Puglia?

«I vini italiani sono i miei preferiti. Li preferisco a qualsiasi vino del mondo. Credo che abbiano il perfetto equilibrio tra alcol e acidità.
In Puglia il mio vino preferito è il Primitivo. Mi ricorda i vini che ho conosciuto con mio nonno. Molto rustico, asciutto, ma equilibrato».


Tornerai a Giovinazzo?

«Assolutamente tornerò a Giovinazzo. È un luogo a cui penso spesso. Il mio obiettivo è tornare in Italia una volta all'anno per continuare ad imparare. Ho da pochi giorni inaugurato la mia osteria a Youngstown, si chiama Yosteria. Ogni volta che torno da voi imparo qualcosa di nuovo. Sarebbe un onore visitare ancora Giovinazzo e stare con la sua gente ogni anno. Sono come una famiglia per me. Io amo veramente loro e la città».
  • Alex Zorich
© 2001-2018 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.