Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Clan Diomede-Mercante e Capriati: al via il processo per 90 affiliati

Il processo è stato chiamato "Pandora" dagli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari

Con le richieste di costituzione di parte civile dei Comuni di Bari e Terlizzi e dell'associazione Antiracket, è cominciato dinanzi al gup del Tribunale di Bari Rossana De Cristofaro il processo con rito abbreviato nei confronti di 90 presunti affiliati ai clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari.

Tutti sono accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale. Il processo è stato chiamato "Pandora" dagli inquirenti della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, dal nome del mitologico vaso greco nel quale sarebbero racchiusi tutti i mali, in questo caso imputati alla mafia barese degli ultimi 15 anni.

Tra gli indagati che hanno scelto il rito abbreviato ci sono i boss di Bari e Bitonto Nicola Diomede e Domenico Conte. La prossima udienza, nell'aula bunker di Trani, è il 22 maggio. Altre 10 persone sono a processo per gli stessi reati con il rito ordinario in Tribunale a Bari.

Le indagini dei Carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale hanno documentato a carico dei 100 imputati un decennio di affari illeciti e le ramificazioni dei due clan, federati tra loro nell'intera regione, da Bitonto a San Severo, passando per Altamura, Gravina, Valenzano, Triggiano e il nord barese.

Gli investigatori hanno altresì accertato anche collegamenti con le altre organizzazioni criminali pugliesi, oltre a rapporti commerciali (per l'approvvigionamento della droga) con 'Ndrangheta, Cosa Nostra e Camorra.
  • Clan Diomede
  • Clan Mercante
  • Clan Capriati Giovinazzo
Altri contenuti a tema
«Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» «Su Giovinazzo è sempre attivo il gruppo legato al clan Di Cosola» Lo certifica la semestrale relazione dell'Antimafia. Che aggiunge: «Presente anche il clan Capriati»
Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne Il porto di Bari in mano ai Capriati: 24 condanne ll clan aveva assunto il controllo del servizio di assistenza e viabilità: tra i condannati Michele Arciuli
Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola Giovinazzo terra d'influenza del clan Capriati. Restano attivi i Di Cosola L'Antimafia analizza entrambi i clan: «I Capriati hanno collegamenti in città, i Di Cosola attivi nel traffico di stupefacenti»
Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne Operazione "Pandora" contro i clan Diomede-Mercante e Capriati: chieste 91 condanne Le richieste vanno dai 6 ai 14 anni e 8 mesi, le accuse tra le altre sono di tentato omicidio, rapina, sequestro di persona tutte aggravate dal metodo mafioso
Operazioni "Porto" e "Pandora", stroncata l'espansione del clan Capriati a Giovinazzo Operazioni "Porto" e "Pandora", stroncata l'espansione del clan Capriati a Giovinazzo La fotografia fatta dalla Direzione Investigativa Antimafia. Ma in città resta attivo il clan Di Cosola
Clan Capriati: la Dda chiede condanne fino a 26 anni Clan Capriati: la Dda chiede condanne fino a 26 anni 24 gli imputati, tra questi Michele Arciuli. Per lui chiesti 24 anni di reclusione
Clan Capriati, bocche cucite davanti al Gip Clan Capriati, bocche cucite davanti al Gip I 13 presunti affiliati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere
Decapitato il clan Capriati. Le loro mani anche su Giovinazzo Decapitato il clan Capriati. Le loro mani anche su Giovinazzo Le principali fonti di reddito erano lo spaccio di stupefacenti e le attività estorsive
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.