Che cos'è il bullismo: a scuola con i Carabinieri
Che cos'è il bullismo: a scuola con i Carabinieri
Attualità

Che cos'è il bullismo: a scuola con i Carabinieri

I militari, insieme al pugile Squeo ed al fotografo Illuzzi, hanno incontrato gli alunni dell'istituto don Bavaro-Marconi

Elezioni Regionali 2020
I Carabinieri della Stazione di Giovinazzo e della Compagnia di Molfetta, nell'ambito del progetto per la diffusione della cultura della legalità, hanno incontrato gli studenti dell'istituto comprensivo don Bavaro-Marconi presso il plesso Marconi.

All'incontro hanno preso parte gli studenti, che nella circostanza hanno affrontato con il capitano Vito Ingrosso, comandante della Compagnia, ed il luogotenente Dino Amato, a capo della Stazione, diverse tematiche di attualità, quali il rispetto delle leggi, la convivenza ed il bullismo, ​«una serie di atti di violenza psicofisica messi in atto da bambini e adolescenti per svilire, distruggere e sopraffare il prossimo, di qualsiasi sesso o età», secondo i relatori.

I militari, che hanno anche spiegato come comportarsi per prevenire e per contrastare fenomeni di bullismo a danno dei nostri figli, hanno passato il microfono a Claudio Squeo, di Molfetta, pugile della Quero-Chiloiro Taranto, che ha raccontato la propria esperienza: «Da bambino sono stato sbeffeggiato ripetutamente ed ho subito veri e propri atti di bullismo da parte di adolescenti perché sovrappeso».

«Ero un bambino timido, forse proprio per questo non mi sono rivolto a nessuno, ho solo contato su me stesso. Poi - continua Squeo -, dopo aver visto il film "Cinderella Man - Una ragione per lottare", la storia di un Russell Crowe appassionato, calato totalmente nel ruolo di un pugile che lotta per riconquistare ciò che ha perso, mi sono appassionato al pugilato e ne ho iniziato la pratica sportiva, rendendomi una persona più sicura».

All'incontro, a cui ha partecipato anche Michele Illuzzi, fotografo, che dopo aver portato la sua esperienza professionale fotografando i Marines americani, con le sue foto professionali ha immortalato i momenti più importanti della conferenza, che ha suscitato nei giovani interlocutori entusiasmo e attenzione. Numerose sono state le domande, le richieste e le curiosità poste dai giovani studenti sulle questioni affrontate.

In caso di soprusi, non bisogna avere paura di dire quello che sta succedendo, ma occorre rivolgersi agli insegnanti o ai genitori, solo così si può fermare questo fenomeno. Non è facile trovare il coraggio per denunciare, ma con l'aiuto di persone affidabili questa odiosa pratica si può superare.
  • Carabinieri Giovinazzo
  • Carabinieri Molfetta
  • Claudio Squeo
  • Michele Illuzzi
Altri contenuti a tema
Covid-19, anche a Giovinazzo controlli con le forze dell'ordine Covid-19, anche a Giovinazzo controlli con le forze dell'ordine Un protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra la Regione Puglia e la Prefettura di Bari
Elogio della Benemerita Elogio della Benemerita Una foto ed un pensiero bipartisan per ringraziare i Carabinieri per il lavoro svolto ogni giorno
Il benvenuto dei ladri: furto al Famila appena inaugurato Il benvenuto dei ladri: furto al Famila appena inaugurato Il raid nella notte, i banditi hanno sradicato una cassetta di sicurezza. Al vaglio i filmati delle telecamere
Salvarono uomo dai binari, encomio a tre Carabinieri (FOTO) Salvarono uomo dai binari, encomio a tre Carabinieri (FOTO) Ieri la cerimonia all'interno del Consiglio comunale di Giovinazzo
Operazione "Halloween", la Cassazione respinge 8 ricorsi Operazione "Halloween", la Cassazione respinge 8 ricorsi Dichiarate inammissibili le doglianze dei giovinazzesi Saverio e Giuseppe Pappagallo, padre e figlio
Arresti nell'Arma, dura replica di Galizia: «Giovinazzo non è un paese mafioso» Arresti nell'Arma, dura replica di Galizia: «Giovinazzo non è un paese mafioso» Non è passato inosservato il suo post su Facebook: «Voglio riaffermare un principio sacrosanto di giustizia: chi sbaglia deve pagare»
Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Ieri gli interrogatori: si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, nessuna istanza di attenuazione della misura cautelare
Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Il sindaco: «Chiederemo al Prefetto ogni intervento utile per contrastare le infiltrazioni mafiose». Domani gli interrogatori di garanzia
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.