La Fiat Punto incendiata in via Bernardi
La Fiat Punto incendiata in via Bernardi
Cronaca

Auto data dalle fiamme a Terlizzi: era stata rubata in città

Il rogo alle ore 03.00, sul posto Vigili del Fuoco e Carabinieri: la Fiat Punto era stata rubata quattro giorni fa

Incendiata la scorsa notte un'autovettura rubata nella giornata di domenica scorsa a Giovinazzo. Non ci sono dubbi che ci sia la mano di qualcuno e le indagini dell'Arma serviranno a delineare i contorni della vicenda. Se l'auto, una Fiat Punto, sia stata utilizzata per compiere qualche raid criminale.

Il rogo è divampato alle ore 03.00 in via Bernardi. Quando gli uomini del 115, allertati dai residenti, sono arrivati sul posto le fiamme erano già alte: l'auto è andata distrutta, mentre il fumo, oltre ad annerire una porzione di muro di uno stabile, ha anche invaso un'abitazione. Con una scala, attraverso un balcone, i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Molfetta ed i sanitari del 118 sono riusciti a mettere in salvo due persone (una coppia, marito e moglie, nda), leggermente intossicati dai fumi dell'incendio.

Sul posto, inoltre, sono prontamente arrivati i Carabinieri: la carrozzeria del veicolo era ormai distrutta, ma quella sopravvissuta ha consentito ai militari di capire che il veicolo era stato rubato soli quattro giorni fa a Giovinazzo (il 13 settembre scorso) e infine incendiato. Gli uomini dell'Arma, che indagano sull'ennesimo rogo, stanno cercando di verificare se ci siano reati predatori legati a quella vecchia Fiat Punto data alle fiamme questa notte a Terlizzi, proprio in pieno centro abitato.

Il lavoro dei Carabinieri si sta concentrando sui filmati delle telecamere di videosorveglianza installate nella zona che potrebbero aver immortalato il passaggio dell'auto. Le indagini, dunque, sono in corso. A Terlizzi, comunque, salgono a 6 le auto carbonizzate in soli 12 giorni. Sempre di notte.
  • Incendi Giovinazzo
  • Carabinieri Giovinazzo
Altri contenuti a tema
1 Rissa fra cinesi in via Bari, interviene la Polizia Locale Rissa fra cinesi in via Bari, interviene la Polizia Locale La lite, avvenuta alle ore 11.00, è stata immediatamente sedata. Sul posto anche i Carabinieri
Revocati i domiciliari col braccialetto: torna in carcere un 25enne Revocati i domiciliari col braccialetto: torna in carcere un 25enne L’Autorità Giudiziaria ha disposto l'aggravamento della misura cautelare: l'uomo è stato così arrestato dai Carabinieri
Maltrattamenti alla madre per avere soldi, 46enne finisce in carcere Maltrattamenti alla madre per avere soldi, 46enne finisce in carcere I Carabinieri sono intervenuti in un'abitazione infilando le manette ai polsi del figlio della donna che li aveva contattati
In fuga, il suo rifugio una villa in campagna: in manette un 33enne In fuga, il suo rifugio una villa in campagna: in manette un 33enne L'uomo è stato scovato dai Carabinieri: deve espiare 14 mesi per fatti del 2014 e del 2015
Siringa usata e sangue nel parco giochi, scatta l'allarme in Villa Siringa usata e sangue nel parco giochi, scatta l'allarme in Villa La scoperta di alcuni genitori: in corso le verifiche della Polizia Locale, ma bisogna trovare soluzioni concrete
È agli arresti domiciliari, ma spaccia lo stesso: in carcere un 31enne È agli arresti domiciliari, ma spaccia lo stesso: in carcere un 31enne L'uomo era tenuto d'occhio dai Carabinieri: sequestrati 100 grammi di hashish e un bilancino di precisione
Energia elettrica a sbafo per 10 anni: 51enne torna in libertà Energia elettrica a sbafo per 10 anni: 51enne torna in libertà L'uomo era ai domiciliari. Il suo difensore, l'avvocato Mongelli, ha ottenuto la rimessione in libertà del suo assistito
Si fingevano sordomute e chiedevano offerte ai passanti, denunciate Si fingevano sordomute e chiedevano offerte ai passanti, denunciate L'episodio sabato sera. Le due ragazze, entrambe 20enni, sono state smascherate dai Carabinieri
© 2001-2020 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.