Il Commento

Un 8 marzo diverso

In Sala San Felice abbattuti molti stereotipi

Consulta Femminile di Giovinazzo, istituzioni locali, vertici della Fidapa, dirigenti scolastici e docenti, genitori e figli. Ma soprattutto, uomini e donne, insieme.

Non faremo la cronaca della bella serata di ieri, in Sala San Felice, all'interno del variegato cartellone "I colori delle donne". Non vi racconteremo di "Fragili Illusioni", la mostra fotografica di grande impatto emotivo di Valentina Pavone. E nemmeno di uno spettacolo bello, dal titolo "Io mi stimo", messo in scena dalle ragazze dell'IISS "Don Tonino Bello di Molfetta", sotto la regia di Irene Amato, di cui vedete in foto uno dei momenti salienti.

Vi vogliamo invece raccontare di un messaggio forte e chiaro di totale comunanza di intenti fra donne libere e uomini liberi. Un messaggio che rompe il muro degli stereotipi della donna che deve subire sempre e dell'uomo per forza prevaricatore. Che irrompe sulla scena dell'oggi strappando il velo dell'ipocrisia di ieri. Giovinazzo si è riscoperta unita su valori comuni, il rispetto per gli altri su tutti.

Si è anche respirato il senso di vicinanza degli uomini su temi di strettissima attualità. Vicinanza autentica, testimoniata da padri, figli, fratelli ed amici presenti. Non più donne che rivendicano diritti, ma uomini e donne che insieme li riportano alla luce, li fanno propri, tenendosi per mano.

Guai a rendere queste manifestazioni la sagra del femminismo spinto e dell'ovvietà. Guai, per noi maschietti, a sottovalutarne portata e significato. Il bello di ieri sera, in Sala San Felice, è stato questo andare oltre gli schemi prestabiliti, oltre quel gioco dei ruoli che ha francamente stancato. "I colori delle donne" sta centrando il suo duplice obiettivo: raccontare storie e sensibilizzare la cittadinanza su determinate tematiche senza fare retorica. Solo così, attraverso la condivisione, si impara, ed imparando una comunità può finalmente crescere.

È giunto il momento, anche nel profondo sud, di celebrare la ritrovata autentica parità fra uomo e donna e la loro complementarietà, vista come risorsa su cui costruire un domani migliore, in cui le differenze di genere siano solo un modo diverso di sentire e non più qualcosa da dover subire sulla propria pelle.
  • Consulta femminile
Altri contenuti a tema
Violenza sulle donne, oggi e domani altri appuntamenti a cura della Consulta femminile Violenza sulle donne, oggi e domani altri appuntamenti a cura della Consulta femminile Stamattina evento in Villa Comunale alle 11.30, stasera e domani uno spettacolo all'Auditorium "don Tonino Bello"
Violenza sulle donne, quattro giorni di eventi a Giovinazzo Violenza sulle donne, quattro giorni di eventi a Giovinazzo Assessore Colaluce: «Bisogna cambiare la cultura e formare le coscienze»
Daniela Guidi nuova presidentessa della Consulta femminile Daniela Guidi nuova presidentessa della Consulta femminile L'elezione è avvenuta l'8 maggio scorso. Vicepresidentessa sarà Daniela Maria Carluccio
Eletta la nuova Consulta Femminile comunale Eletta la nuova Consulta Femminile comunale L'8 maggio ci sarà la votazione per stabilire le cariche di presidente e vicepresidente
Ultimo appuntamento con “Marzo…i colori delle donne” Ultimo appuntamento con “Marzo…i colori delle donne” Stasera alle ore 19.00 presso la Sala San Felice una tavola rotonda della Consulta Femminile
Da lunedì parte "Marzo...i colori delle donne" Da lunedì parte "Marzo...i colori delle donne" Al via la quarta edizione degli eventi dedicati all'universo femminile
Il cuore grande delle donne (FOTO) Il cuore grande delle donne (FOTO) Ieri sera la fiaccolata organizzata dalla Fidapa. In mattinata uno spettacolo a cura della Consulta Femminile
La Consulta Femminile ricorda Palmina Martinelli La Consulta Femminile ricorda Palmina Martinelli Il 25 novembre un pièce teatrale sulla storia della 14enne arsa viva
© 2001-2019 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.