Il Commento

Tutti sconfitti, nessuno escluso

Le inimmaginabili conseguenze della sentenza sulla D1.1

Le conseguenze della sentenza di condanna per quasi tutti gli imputati al processo per zona artigianale D1.1? Inimmaginabili. E anche per l'intera città che in queste ore sta vivendo quello che a tutti gli effetti è un dramma collettivo.

Ad incidere sulla sentenza, sicuramente la tesi del pubblico ministero, Renato Nitti. Quella zona artigianale sarebbe, il condizionale è ancora d'obbligo visto che la sentenza non è ancora passata in giudicato, una lottizzazione abusiva. Ma può essere considerata abusiva una lottizzazione che è passata attraverso le maglie del consiglio comunale almeno due volte, prima con l'adozione e poi con l'approvazione definitiva? È una riflessione ad alta voce, visto che nessuno degli amministratori dell'epoca, avendo avuto la responsabilità nell'approvazione, è mai stato citato in giudizio.

Ad aver sottoscritto la lottizzazione sono stati gli artigiani, i proprietari dei suoli, i tecnici di parte e quelli comunali. Fin qui niente di anomalo, se non che in una seconda fase sono arrivati anche altri acquirenti. Ma tutti, proprio tutti, hanno acquistato e costruito i loro lotti sulla scorta dei dispositivi messi a punto dal piano di lottizzazione. Tranne poi variare quei progetti a seconda delle proprie esigenze. Se tutto è andato così, perché poi indicare quella lottizzazione come abusiva? Perché condannare i tecnici comunali che pure hanno promosso verifiche di natura edilizia su quegli immobili, sanzionando in qualche caso per difformità riscontrate rispetto ai progetti presentati e approvati? Sono stati poi loro a sollevare dubbi sull'abitabilità di quei lotti acquistati non per scopi artigianali o produttivi.

Perché condannare quegli artigiani che regolarmente si sono insediati in quei lotti, aprendo o espandendo le loro attività? Naturalmente tutto questo lo spiegherà la sentenza quando sarà depositata, e questo entro 90 giorni, presumibilmente a metà maggio. Nel frattempo tutte le persone coinvolte sono nella disperazione e nello sconforto più totale. A far paura è soprattutto quella che sarebbe la pena accessoria, e cioè la confisca delle aree e degli immobili. Insomma i condannati perderebbero tutto. Ad aggravare la situazione poi potrebbero essere le banche che avrebbero titolo per imporre piani di rientro per i mutui contratti da chi ha inteso investire in quella zona artigianale. Questo significherebbe anche che eventuali altri mutui difficilmente potranno essere accordati a quegli artigiani. Ci sono delle attività che hanno ottenuto finanziamenti pubblici che a questo punto andrebbero persi e con loro la speranza di vedere creare qualche posto di lavoro. La sentenza di condanna poi, potrebbe generare altri processi promossi da chi si è sentito leso e che in buona fede ha voluto investire in quell'area. Con richieste di risarcimento danni milionari. Tutto questo con buona pace di quel po' di economia locale che ancora è rimasta e che tenta di sopravvivere.

In buona sostanza quella sentenza potrà avere riflessi negativi su tutta la città, nessuno, ma proprio nessuno ne potrà uscire vincitore.
  • D1.1 Giovinazzo
Altri contenuti a tema
D1.1, Sollecito: «Mostrerò coi documenti dove sta la verità» D1.1, Sollecito: «Mostrerò coi documenti dove sta la verità» Stasera a Giovinazzo interverrà sul caso giudiziario anche il Sottosegretario Francesco Paolo Sisto
«Costituzionalmente legittima la confisca urbanistica» «Costituzionalmente legittima la confisca urbanistica» La vicenda riguarda la D1.1: dichiarata inammissibile la questione di legittimità costituzionale
Discarica e D1.1: Depalma non fa sconti Discarica e D1.1: Depalma non fa sconti Ieri sera le Comunicazioni del sindaco alla città in piazza Vittorio Emanuele II
D1.1, la nota di Forza Giovinazzo D1.1, la nota di Forza Giovinazzo Il gruppo consiliare del partito guidato da Gaetano Depalo punta il dito contro l'atteggiamento delle opposizioni
D1.1, Depalma alle opposizioni: «Cercano pagliuzze negli occhi altrui scordando le proprie travi» D1.1, Depalma alle opposizioni: «Cercano pagliuzze negli occhi altrui scordando le proprie travi» Il duro post del sindaco: «Accusati di bullismo istituzionale perché riteniamo che in Consiglio comunale si debba discutere di qualunque argomento, senza timori e senza reticenze di sorta»
Partiti i lavori di messa in sicurezza della D1.1 Partiti i lavori di messa in sicurezza della D1.1 Depalma: «Quello che potevamo fare lo abbiamo fatto. Non ci piacciono proclami e videomessaggi illusori»
Il Consiglio approva all'unanimità: IMU rinviata al 16 settembre Il Consiglio approva all'unanimità: IMU rinviata al 16 settembre Ieri la prima massima assise in Aula Pignatelli post emergenza sanitaria con scontro politico su D1.1
D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Tedeschi: «È una storia infinita» D1.1, la parola alla Corte Costituzionale. Tedeschi: «È una storia infinita» Lo ha deciso la Corte di Appello di Bari sollevando una questione di legittimità
© 2001-2022 GiovinazzoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata. Tutti i diritti riservati.
GiovinazzoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.